Allarme dengue a Padova, rientra dall’Asia con la febbre virale: intero quartiere a rischio

Si torna a parlare purtroppo di febbre dengue per un caso che è stato segnalato in provincia di Padova e più nello specifico a Campodoro. Sembra che ad essere stata contagiata sia stata una donna di 30 anni che sarebbe stata colpita da questa malattia infettiva. Mi sarebbero stati avvertiti quando la donna si trovava di ritorno da un viaggio in Myanmar nel sud est asiatico e più nello specifico pare avesse iniziato ad avvertire dolore muscolare e febbre. Questa malattia ovvero la febbre dengue viene trasmessa dalle zanzare e può essere anche mortale.

Nel nostro paese questa malattia è piuttosto rara e nel momento in cui vengono diagnosticati alcuni casi si agisce con molta cautela ed infatti è stata disposta una disinfestazione Massiva a Campodoro proprio dove risiede la donna che sembra non essere in pericolo di vita ma è tenuta in isolamento in ospedale. Come succede in questi casi è stata avviata una profilassi e non soltanto sulla donna, ma anche sui suoi parenti che negli ultimi giorni hanno avuto un contatto con la paziente.

La profilassi è stata attivata anche sul personale sanitario che è venuta a contatto con la patente in questi giorni. Nel comune di Campodoro, meno di 3000 abitanti in provincia di Padova, è stata Inoltre attivata la disinfestazione su strade, nelle aree pubbliche vicine da anche nei giardini privati di una sessantina di abitazioni. La donna in questione era rientrata lo scorso 15 luglio in Italia dopo aver fatto un viaggio nel sud est asiatico e dopo aver avvertito alcuni sintomi la donna, si era recata in casa dei genitori dove sarebbe rimasta per un paio di giorni per poi essere ricoverata all’ospedale di Padova dove poi è stata accertata la malattia virale tropicale.

Nella mattinata di ieri l’azienda ospedaliera ha notificato al comune l’attivazione del protocollo di disinfettazione obbligatorio da quando nel 2007 si verificò un’epidemia di Chikungunyaai in Emilia Romagna. «È stata contattata subito una ditta specializzata perché attuasse il trattamento per ridurre il rischio di trasmissione di infezione virale trasmesse dalla zanzara, come ci è stato richiesto dalla Ulss 6. Ci è stato comunicato che nel nostro territorio ha soggiornato una persona che presentava i sintomi della febbre tropicale Dengue, la disinfestazione è comunque limitata ad un’area circoscritta: si tratta di un quartiere all’incrocio di tre vie. Non ci era mai capitato un fatto simile, ma siamo in stretto contatto con il servizio di igiene e sanità pubblica per rassicurare i nostri cittadini». Sono queste le parole del sindaco Massimo Ramina che insieme al vicesindaco Vincenzo Gottardo ha messo in atto con urgenza quanto previsto dal protocollo sanitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *