Dieta: Il radicchio rosso è il più potente depurativo dell’inverno

Amico del fegato e depurativo: così Plinio il Vecchio descriveva il radicchio nella sua Naturalis Historia. Più di venti secoli dopo, questo ortaggio è ancora il miglior rimedio digestivo e disintossicante della stagione fredda. Il radicchio rosso è effettivamente un potente alimento detox, ricco anche di antiossidanti che contrastano l’invecchiamento cellulare. In questa stagione trovi i cespi più croccanti, perfetti per prevenire diabete, eccesso di colesterolo e stipsi.

Il radicchio è un vero superfood dei mesi freddi: ti regala minerali (soprattutto potassio), vitamine B, C e K e antocianine ad azione anti age. Il tutto con solo 13-15 kcal per etto. Nelle foglie croccanti trovi anche buone quote di fibre e di inulina, fondamentali per ripulire il colon, sgonfiare la pancia e favorire la sazietà. L’inulina, poi, migliora e nutre la flora batterica, quindi previene gli squilibri intestinali e contribuisce a rinforzare il sistema immunitario, che ha sede anche nel microbiota.

Piace a tutti gli organi filtro

La particolarità del radicchio è la presenza di acido cicorico, la sostanza che conferisce all’ortaggio il caratteristico sapore amarognolo e alla quale vengono attribuite le più interessanti virtù detox. Il gusto amaro potenzia l’attività del pancreas e stimola la secrezione biliare. Così facendo contribuisce a mantenere efficiente il fegato e migliora la digestione, in particolare dei grassi. Sebbene il radicchio sia benefico per lo stomaco, è bene non mangiarne quantità eccessive se si soffre già di gastrite: favorendo la secrezione di succhi gastrici, infatti, l’ortaggio rischierebbe di peggiorare il disturbo in corso.

 VITAMINA K SUPERSTAR Disinfiamma i vasi e regola la pressione

Nel radicchio rosso trovi una combinazione di nutrienti preziosissima per ringiovanire le arterie e mantenere il cuore in salute. L’acido cicorico previene i coaguli nel sangue, mentre i fitosteroli e le fibre aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo. La vera star è però la vitamina K: in 100 g di radicchio ne trovi 102 mg, cioè il 128% della quota di assunzione giornaliera raccomandata. Questa vitamina aiuta a prevenire la calcificazione delle arterie, riduce l’infiammazione dei vasi, contribuisce a mantenere ottimale la pressione e riduce il rischio di infarto. Alla regolazione della pressione contribuisce anche il potassio, che nel radicchio abbonda. Non possiamo dimenticare le straordinarie antocianine, i pigmenti che colorano le foglie: prevengono l’ossidazione del colesterolo e l’aterosclerosi.

CONCILIA IL SONNO Lo spuntino rilassante della buona notte

Ai tempi degli antichi Greci e Romani, le foglie delle varietà selvatiche di radicchio venivano consumate crude come rimedio per l’insonnia. Questo ortaggio contiene piccole quote di triptofano, precursore della serotonina, considerato utile per migliorare l’umore e attenuare i disturbi del sonno. A cena prova una zuppa di radicchio, riso integrale e fave, con scaglie di mandorle e un filo d’olio a crudo.

La vitamina K non porta benefici solo al cuore: grazie a lei, il corpo può mantenere le ossa forti. Tale azione è amplificata dal calcio, che le foglie di radicchio contengono in quantità interessanti (36 mg ogni 100 g) e che grazie alla vitamina K viene assimilato più facilmente. Questa coppia di nutrienti migliora il metabolismo osseo e rende il radicchio un alimento utile in menopausa o in età avanzata.

Se stai percorrendo in macchina la strada tra  Venezia e Treviso o Castelfranco Veneto, fai caso ai segnali stradali: scoprirai di essere sul­la Strada del radicchio (www.stradadelradic- chio.it). Proprio in Veneto si concentra infatti la maggior parte delle coltivazioni italiane di questo ortaggio. La storia del radicchio italiano è cominciata proprio in queste terre, nel XVI secolo, quando i mercanti veneti lo importaro­no per la prima volta. Le varietà di radicchio più pregiate affondano letteralmente le proprie radici in queste zone.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *