Unicredit dice basta a Facebook, comportamento poco etico

Unicredit ha getto basta con le interazioni di Facebook  “Prendiamo le questioni di business ed etica molto seriamente e abbiamo interrotto ogni interazione con Facebook perché pensiamo che non abbia un comportamento etico e appropriato” ha detto l’amministratore delegato di Unicredit, Jean Pierre Mustier, in conferenza stampa a chi gli chiedeva se la banca condividesse i propri dati con Facebook.

“Unicredit come gruppo non sta usando Facebook per ordine dell’amministratore delegato e non condividiamo i nostri dati con loro – ha spiegato Mustier – finché non avranno un codice di comportamento appropriato”.

Immediata la replica del colosso di San Francisco “Gli inserzionisti sono interessati alle persone, e anche noi – fanno sapere da Facebook -. Mentre alcuni di loro hanno sospeso gli annunci, molti altri hanno espresso il loro sostegno per le misure che stiamo prendendo per proteggere le informazioni delle persone. Prendiamo sul serio tutti i feedback: stiamo lavorando con i nostri partner per rendere le nostre piattaforme ancora più sicure”.

Per i professionisti il comportamento etico è un fattore molto importante, questo perché il professionista deve rapportarsi con la sua clientela e soprattutto con i propri colleghi. Facendo un esempio, tra gli avvocati, un rapporto fra colleghi e ancora prevalente quello fra professionista e cliente, questo perché nel mondo delle professioni e soprattutto nel mondo del lavoro rapportarsi con delle regole concrete sicure è segno di successo e di concretezza.

Il comportamento etico dovrebbe essere la norma che guida tutte le associazioni, col passare del tempo possono cambiare gli uomini all’interno dell’associazione, ma le regole basiche governano i comportamenti devono essere costanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *