Albano, nuove indiscrezioni sulla figlia Ylenia: una foto mostra che è viva

Pubblicato il: 19 Dicembre 2019 alle 12:51

Continua ad esserci grande mistero intorno alla scomparsa di Ylenia Carrisi, la primogenita di Albano e Romina Power. Come sappiamo la giovane donna scomparve nel 1994 e da quel momento non si hanno più avute sue notizie. Molti hanno sempre pensato che la giovane sia deceduta, visto che qualche testimone avrebbe riferito di aver visto una donna molto simile alla figlia di Albano gettarsi nelle acque del Mississipi. In realtà non è mai stato ritrovato il suo corpo e questo fa presupporre che Ylenia potrebbe essere ancora viva. La mamma, Romina Power sembra esserne quasi certa del fatto che la giovane possa essere ancora viva. Nello specifico la mamma pensa che la figlia o abbia perso la memoria in seguito al tentativo di suicidio e non ricordi più la sua identità o volontariamente si è allontanata ed ha cambiato identità.

Romina Power si rivolge a Chi l’ha visto

Di questo caso misterioso si è occupato recentemente il programma Chi l’ha visto, condotto da Federica Sciarelli. Pare che sulla scomparsa di Ylenia effettivamente ci siano delle novità. Quali? Grazie a dei macchinari di ultima generazione è stato possibile creare l’identikit della giovane, ovvero mostrare come potrebbe essere oggi Ylenia, visto che sono trascorsi circa 26 anni dalla sua scomparsa. Ad ogni modo, la famiglia non riesce a darsi pace e per questo la stessa Romina ha deciso di rivolgersi al programma Chi l’ha visto, che si è occupato del caso. In tutti questi anni tante sono state le ipotesi, ma la più attendibile riguarderebbe quella del detective Crescentini.

L’ipotesi del detective Crescentini

L’uomo avrebbe indagato sulla scomparsa di Ylenia e sosterrebbe che la donna sia viva e che addirittura viva sotto copertura. Il detective sostiene anche che la donna nel 1994 sia stata coinvolta in un’operazione antidroga, visto che dopo essere arrivata in America avrebbe intrapreso delle brutte relazioni. L’uomo aggiunge che Ylenia sarebbe stata così inserita in un programma di protezione per testimoni, per evitare di essere uccisa. Ci sarebbe anche un’altra indiscrezione, di cui ne ha parlato tempo fa il Secolo XIX.

Ylenia avrebbe rubato l’identità ad una donna di nome Susanne. Nel 1994, anno in cui scomparve la primogenita di Albano e Romina, presso la stazione della Florida venne ritrovato il corpo di una donna, con gli oggetti personali della Carrisi. Gli esami effettuati sul corpo della giovane e confrontati con il Dna di Ylenia dimostrarono che non si trattava della figlia del cantante di Cellino San Marco. L’ipotesi è che il corpo sia di Susanne, un’amica di Ylenia e che lei le abbia rubato l’identità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *