Press "Enter" to skip to content

Antonella Clerici su Rai 1 con Sanremo Young

E uno dei volti di punta della Rai Antonella Clerici. Per anni colonna de La prova del cuoco, ora la conduttrice lombarda apprezzata da tutti per la sua genuinità è impegnata con Sanremo young, il talent dedicato ai giovani cantanti dai 14 ai 17 anni in onda su Raiuno fino al 15 marzo. Una carriera scintillante la sua, che però non è stata sempre tutta rose e fiori.

«Non mi è stato regalato niente: ogni risultato me lo sono sudato», dice a Nuovo Tv la conduttrice, che proprio alle nuove leve, del mondo dello spettacolo ma non solo, regala qualche consiglio per fare davvero la differenza sul lavoro e avere un futuro di successo come il suo.

Antonella, sono tanti i giovani che vogliono sfondare nel mondo dello spettacolo, lo dimostra anche il seguito che ha il tuo Sanremo young. Ma qual è la ricetta per riuscirci?
«Per avere successo bisogna fare tanta gavetta! Dirò una cosa impopolare, ma ormai i giovani si lamentano e basta, non sono preparati alla gavetta. La prima cosa che un ragazzo ti chiede in sede di colloquio è quanto guadagna e se si lavora anche nei weekend: non è la maniera giusta di porsi. La gavetta è fondamentale per imparare il mestiere. Oggi vogliono tutti subito la pappa pronta e pensano che con i social tutto si risolva…».

Il sacrificio iniziale è indispensabile. «All’inizio bisogna accettare tutto, anche se pagano poco o non pagano, magari qualche volta sfruttano anche, ma è un’esperienza che serve: non bisogna avere la puzza sotto il naso! E poi diciamocelo chiaro: di stare davanti al computer sono capaci tutti, ma di Chiara Ferragni ce n’è soltanto una. Non solo. Lei ha cominciato tanti anni fa e si dà ancora un gran da fare». «Studiavo e intanto lavoravo pure» Anche tu di gavetta ne hai fatta tanta. «Io mi sono laureata in giurisprudenza e mentre studiavo lavoravo nelle tivù private:

con il mio microfonino andavo in giro a fare le interviste, col caldo e con il gelo. Ho fatto di tutto, e senza nessuna prospettiva». Sanremo young, che conduci per il secondo anno con grande soddisfazione, sarebbe un’opportunità d’oro, a tal proposito. «Sì, perché quest’anno il meccanismo è cambiato e quindi il vincitore avrà la possibilità di andare direttamente a Sanremo giovani. E non dimentichiamo che il vincitore di Sanremo giovani andrà direttamente tra i Big! In- somma, un’occasione da non perdere».

Sempre parlando di giovani, sappiamo che hai un sogno nel cassetto: quello di tornare a lavorare con i bambini per Ti lascio una canzone. «Sì, mi piacerebbe moltissimo rifarlo. Per il momento è ancora solo un sogno, ne stiamo parlando con il nuovo direttore di Raiuno, Teresa De Santis. I giovani sono sempre stati la mia passione, quindi se accanto agli adolescenti di Sanremo young potessi riprendere a lavorare anche con i bambini, a me piacerebbe davvero molto, non l’ho mai nascosto».

«Adesso ho la mente molto più libera» Insomma, hai cambiato vita e ti sei trasferita in campagna insieme alla tua bambina, Maelle, e al tuo compagno Vittorio Garrone, ma sei sempre impegnatissima. «Sì, ma ho la mente molto più libera. Sembrerà banale, ma se ora viaggio per lavoro, mi concedo di rimanere fuori a dormire e di fare una bella colazione il giorno dopo, prima di tornare a casa. Qualche anno fa mi sarei messa in viaggio anche di notte pur di tornare a casa il prima possibile ed essere pronta ad affrontare tutti gli impegni del giorno dopo. Sono proprio contenta di aver cambiato vita, non potevo fare una scelta migliore».

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.