Barbara D’Urso, la triste verità su Nadia Toffa: “Lo indossava per nascondere”

La morte di Nadia Toffa ha creato un rumore assordante, fatto di messaggi scritti da coloro che l’hanno conosciuta, amata e supportata. A parlare di lei è stata anche Barbara D’Urso che, attraverso Instagram, ha espresso il suo dolore per la scomparsa troppo prematura della giornalista de Le Iene.

Nadia Toffa: “Sono una che dà tutto”

In occasione di una recente intervista rilasciata da Nadia Toffa al Corriere della Sera, la giornalista ha parlato dell’amore che l’aveva legata a un uomo che l’ha accompagnata durante questa fase delicata della malattia: “Sono una che dà tutto. Nella mia vita c’è una sorta di compagno, o, meglio, una persona che mi sta accanto con affetto e che mi sopporta”. Nadia Toffa continua dicendo: “Bene, lo sa che cosa facciamo quando ci vediamo, ogni tanto? Intrecciamo le mani e insceniamo un girotondo saltellante. Come bambini impazziti”.

Insieme a questo uomo anche tanti amici che oggi piangono una piccola grande donna che, con l’animo da guerriera, non si è mai arresa anche quando questa l’ha strappata alla vita.

Barbara D’Urso: la triste verità su Nadia Toffa

In pochi hanno notato un piccolo dettaglio che univa Nadia Toffa a Barbara D’Urso. Entrambe le donne spesso erano attaccate dagli haters che scrivevano sui loro profili cattiverie di ogni tipo. Nadia Toffa, ad esempio, era stata accusata di usare la malattia per avere maggiore visibilità.

A raccontare questa cosa è stata Barbara D’Urso che su Instagram ha pubblicato una foto insieme a la giornalista de Le Iene scrivendo: “Mi incazzavo sempre quando quegli stupidi cretini ti attaccavano ma tu mi dicevi: ‘Dai amica facciamoci una risata insieme’ (anche se so che ci stavi male). E poi quando venivi nel mio camerino ridendo, sempre ridendo, con quel cappello a falde larghe che dovevano nascondere anche se non te ne fregava niente di nascondere. E poi mille altre cose”.

“La poesia che mi hai mandato qualche mese fa”

Il dolore per la perdita di un amico è qualcosa che ti lacera da dentro, non vedrai più il suo volto ma sai che una di lui/lei resterà sempre con te. Non si tratta solo di oggetti, ma anche di una semplice poesia come quella di Alba Merini che Nadia Toffa dedicò a Barbara D’Urso che ha pubblicato oggi per darle il suo ultimo salito: “Oggi sono triste. Ti saluto come mi salutavi tu: Ciao TesorA. Con la A maiuscola. E con la poesia che mi hai mandato qualche mese fa”.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.