Bollo auto 2019, calcolo, scadenza, pagamento: tutto quello che c’è da sapere

Torniamo a parlare del bollo auto ovvero di quella tassa automobilistica che grava su tutti gli autoveicoli e i motoveicoli immatricolati in Italia e che sono registrati presso il Pubblico Registro Automobilistico chiamato anche Pra. Questa tassa riporta una cadenza annuale e deve essere corrisposto a prescindere dal fatto che l’auto in questione sia utilizzata o meno. Circa il pagamento del tributo, questo deve avvenire senza alcuna maggiorazione entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza, ad eccezione delle regioni Lombardia Piemonte che possono stabilire delle scadenze differenti. Il pagamento del bollo auto viene effettuato attraverso un bollettino presso tutti gli uffici postali oppure le rivendite abilitate Aci e si può anche pagare online direttamente tramite il sito aci.it. Riguardo invece il calcolo del bollo auto questo può essere effettuato in totale autonomia e attraverso degli strumenti molto semplici, ma soprattutto efficaci messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate.

L’importo del bollo auto non è sempre lo stesso ma varia a seconda della potenza del veicolo che può essere tranquillamente individuata sul libretto di circolazione al punto p. due della classe ambientale del veicolo al punto V.9 . Il  calcolo come abbiamo visto è molto semplice, infatti basterà moltiplicare il numero dei kilowatt per la tariffa stabilita dalla regione di residenza.

Bollo auto, cosa accade se di paga in ritardo?

Come abbiamo visto, il pagamento del bollo auto va effettuato entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza. Nel caso in cui non si dovesse provvedere al pagamento del bollo auto, le istituzioni possono richiedere al proprietario l’adempimento con una maggiorazione di sanzioni e interessi entro sempre un termine massimo stabilito, oltre il quale la pratica andrà in prescrizione e la tassa poi non sarà più dovuta. Questo termine massimo corrisponde al terzo anno successivo a quello in cui si doveva essere effettuato il versamento. Trascorso questo termine poi, il pagamento andrà prescrizione. Ad ogni modo il proprietario che sa di aver dimenticato di pagare il bollo entro i 12 mesi successivi alla scadenza, potranno eseguire in autonomia il pagamento versando in più una piccola maturazione. Qualora il bollo auto invece non viene pagato per un massimo di 3 anni consecutivi, le autorità possono procedere alla radiazione dell’auto dal Pubblico Registro.

Esenzione Bollo auto

Esistono però dei casi in cui i soggetti vengono qualche modo esentati dal pagamento del bollo auto e soprattutto questo riguarda i soggetti titolari della legge 104. Rientrano tra questi i non vedenti e Sordi disabili con handicap psichico o mentale, titolari dell’indennità di accompagnamento disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetto da pluriamputazioni soggetti disabili con ridotte o impedite capacità motorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *