Fedez, Mammucari e tanti altri, ecco chi non lascia la mancia

E una guerra senza esclusione di colpi quella che si è scatenata tra i rider (i fattorini che consegnano il cibo a domicilio in bicicletta) e alcuni volti noti del mondo dello spettacolo. Stanchi di lavorare in condizioni precarie e per stipendi molto bassi, i rider si sono voluti togliere qualche sassolino dalla scarpa e hanno deciso di pubblicare una lista nera con i nomi dei vip milanesi che non lasciano mai la mancia.

«Questa è la nostra black list: un elenco di tutte le star che regolarmente ordinano con le app e non lasciano la mancia a nessun fattorino, nemmeno in caso di pioggia!», hanno scritto furiosi i fattorini meneghini sulla pagina Facebook del loro collettivo.

E ancora: «Inutile dire che questi personaggi famosi vivono in quartieri residenziali extralusso o in centro. Ma riscontriamo che è più facile ricevere la mancia se si consegna in zone popolari o in quartieri periferici, piuttosto che in distretti o in civici più pettinati», hanno concluso i rider, rincarando la dose.

Tra i personaggi famosi che compaiono nell’elenco incriminato, i nomi che hanno fatto più scalpore sono senz’altro quelli del rapper Fedez e della moglie, la fashion blogger Chiara Ferragni. Il cantante ha risposto con un video su Instagram: «Parlano di lotta di classe 2.0 e pongono l’attenzione sulle mance, che sono il non plus ultra dello sfruttamento. I lavoratori non possono essere obbligati a dipendere dalle mance dei clienti. E i clienti non sono obbligati a darle».

Il rapper Marracash, finito anche lui nella lista degli “spilorci”, ha replicato sottolineando il suo passato da lavoratore precario e dimostrando – pubblicando le prove – che nella quasi totalità dei suoì ordini aveva inserito la mancia. Ma i nomi degli insospettabili del mondo dello spettacolo che non amano aprire il portafoglio sembrano essere tanti, e in molti si sono dimostrati sdegnati da queste accuse. Il cantante Rocco Hunt ha assicurato di non avere neanche sul cellulare l’applicazione per le consegne a domicilio e Platinette ha detto che non si servirà più del web per avere un pasto caldo. La guerra è appena cominciata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *