Flavio Briatore racconta la mattia: “Mi sentivo immortale, poi la scoperta”

Flavio Briatore torna a far parlare di sé per via del cancro ai reni che l’ha colpito non molto tempo fa. Durante giorni come questi, in cui viene attaccato per via della sua presunta relazione con la modella Benedetta Bosi, ecco che emerge il dettaglio doloroso e dimenticato della sua vita insieme al racconto della malattia.

Flavio Briatore e la giovane fidanzata

Nel corso di queste settimane abbiamo avuto modo di vedere al centro dell’attenzione mediatico Flavio Briatore per via di una presunta relazione con una giovane fidanzata, e la cosa avrebbe fatto infuriare anche Elisabetta Gregoraci, La showgirl calabrese ha anche dichiarato sui social network come la cosa la faccia ampiamente rabbrividire.

La giovane fidanzata in questione sarebbe la modella di 20 anni, Benedetta Bosi con il quale Flavio Briatore è stato fotografato di recente durante una vacanza da sogno.

Flavio Briatore racconta la mattia

In queste settimane, dunque, Flavio Briatore è stato oggetto del gossip e protagonista di varie news nonostante questo non abbia mai confermato la relazione con Benedetta Bosi ma ha parlato della ragazza come un’amica conosciuta in circostante di lavoro. Le foto scattate dal settimanale Chi hanno sempre dimostrato altro, ma in assenza di una conferma ufficiale, al momento, Flavio Briatore è ancora single.

Non molto tempo fa però l’imprenditore ha voluto condividere con il Corriere della Sera qualcosa di davvero molto particolare e che riguarda sé stesso in prima persona. Flavio Briatore ha voluto dunque raccontare il percorso fatto durante la malattia, e quindi i giorni in cui ha scoperto di avere un tumore maligno al reno sinistro e che l’ha costretto a subite così un’operazione delicata.

“Mi sentivo immortale”

Il racconto fatto da Flavio Briatore al Corriere della Sera sembra essere un esplicito invito alla riflessione sulle cose semplici della vita e che invece tendiamo a dare per scontate, come se ci fossero quasi dovute e quini pretese con noncuranza.

In particolar modo, Flavio Briatore raccontando la sua malattia ha dichiarato: “Ci sentiamo immortali, invece dovremmo ringraziare Dio ogni mattina soltanto perché ci facciamo la barba. Pensi che forse tutto quello che hai costruito serve fino a un certo punto. Magari è inutile”. Successivamente questo, parlando della scoperta del cancro e delle sue sensazioni, nel corso della medesima intervista continua dicendo: “Mi sentivo immortale. Poi la scoperta: Avevo un cancro maligno al rene sinistro, se non avessi fatto un controllo, tra sei mesi me la sarei vista brutta”.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.