Glaucoma, cos’è: principali cause e sintomi premonitori

Print Friendly, PDF & Email

Il glaucoma è una malattia che purtroppo colpisce il nervo ottico e che nel caso in cui non viene curata in modo adeguato, può portare anche delle conseguenze gravi come la cecità. Per questa ragione è facile capire come è importante che questa patologia sia diagnosticata nel più breve tempo possibile e per poterlo fare è anche importante imparare a riconoscere i sintomi premonitori. Ma vediamo più nello specifico di cosa si tratta.

Glaucoma

È una patologia degli occhi legata all’aumento della pressione endoculare. Nonostante si possa pensare il contrario, il glaucoma è molto diffuso e secondo i dati è la seconda causa di cecità al mondo. Ma da cosa ha origine il glaucoma? Questo sembra essere causato da un deflusso dell’umore acqueo ovvero il liquido che si trova all’interno dell’occhio che nel caso in cui si accumula in modo eccessivo va ad aumentare la pressione intraoculare portando quindi ad uno schiacciamento del nervo ottico. Quest’ultimo risulta fondamentale per la vista, perchè garantisce i collegamenti elettrici facendo in modo che le immagini che sono catturate dall’occhio possono arrivare direttamente al cervello. In momento in cui avviene una compressione, il nervo va a lacerarsi e questo provoca un’ alterazione del campo visivo, che va restringendosi sempre di più. Il glaucoma è comunque una malattia piuttosto pericolosa, anche se piuttosto rara ed anche Silente. Ciò significa che almeno nelle prime fasi questa malattia non presenta degli specifici sintomi e questo comporta che spesso coloro che ne soffrono, non si accorgono nemmeno della presenza fino a che la situazione non peggiora e magari è anche troppo degenerata per poter intervenire e guarire.

Sintomi

I sintomi più diffusi parlando di sintomi premonitori sono innanzitutto la vista offuscata oppure con aloni. Va annoverata la fotofobia e la difficoltà a vedere di giorno e dolore oculare piuttosto forte. In genere, le persone che soffrono di glaucoma avverto anche gonfiore alle palpebre, nausea, vomito, mal di testa ed una riduzione della vista. E’ comunque una malattia piuttosto insidiosa, ma nel caso in cui la diagnosi arriva in tempo debito, il decorso può essere bloccato.

Diagnosi e cura

Ovviamente nel caso in cui la diagnosi è precoce, è più facile poter guarire. Il glaucoma viene diagnosticato in seguito ad alcuni regolari visite oculistica, dove si va a tenere sotto controllo alcuni parametri come ad esempio la pressione dell’occhio, la valutazione del disco e del nervo ottico e l’analisi del campo visivo. Non bisogna trascurare anche l‘alimentazione, che pare possa prevenire il glaucoma alleviando anche alcuni sintomi. Nello specifico, gli esperti consigliano di consumare molta frutta e anche verdura ma anche cioccolato fondente, caffè, te e vino rosso che sono ricchi di sostanze che fanno particolarmente bene alla retina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.