Il marito muore all’improvviso – 6 anni dopo trova un senzatetto nel bosco e la sua vita cambia per sempre

Pubblicato il: 8 Dicembre 2019 alle 5:38

Qualche anno fa, Michael Faling ha avuto dei grossi problemi economici e si è visto costretto a trasferirsi nella foresta insieme al figlio Corey. Tuttavia, grazie all’aiuto di una donna dal cuore d’oro, ora hanno davanti a loro un futuro radioso.

Michael Faling vive a Washington con suo figlio Corey, 12. Ha sempre fatto del suo meglio per offrire una vita dignitosa al piccolo Corey, ma un giorno la situazione è precipitata.

All’improvviso, Michael si è ritrovato senza lavoro. Non potendo pagare l’affitto, lui e Corey hanno perso la casa in cui vivevano.

Non avevano nessuno a cui rivolgersi, quindi hanno chiesto un alloggio al comune, ma niente da fare.

Michael si è visto costretto ad andare a vivere nel bosco con suo figlio. Anche il cibo scarseggiava – Corey non poteva andare a scuola a stomaco vuoto.

Di tanto in tanto, riuscivano a trovare un alloggio provvisorio, ma spesso lui e Corey venivano separati. Il figlio continuava a porre molte domande, e Michael non sapeva cosa rispondere, non voleva allarmare Corey. Ma il dodicenne non capiva perché nessuno li aiutasse…

Dopo mesi difficili, quando Michael stava oramai cedendo, una donna è accorsa in loro aiuto. Il suo nome è Mel Woods.

Mel aveva perso il marito, Kevin, sei anni prima per un attacco di cuore improvviso. Viveva da sola con i suoi figli e il loro cane Moses.

Quando ha sentito la storia di Michael e Corey, si è offerta di accoglierli in casa sua.

Molte persone l’hanno criticata perché non conosceva Michael e si stava assumendo una grande responsabilità.

Ma Mel ha ascoltato il suo cuore: sapeva che doveva aiutare un padre in difficoltà.

Grazie al suo intervento, Corey è ritornato a scuola e Michael è riuscito a trovare un nuovo lavoro nel giro di pochi mesi.

Grazie alla sua grande generosità, Mel ha cambiato la vita di Micheal e di Corey. Ora hanno davanti a loro un futuro radioso.

Non esitate a condividere questa bellissima storia di solidarietà con i vostri cari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *