Ilaria D’Amico e Gigi Buffon, gestire una famiglia allargata non è facile

Pubblicato il: 27 Ottobre 2019 alle 6:04

Dice le cose come stanno e non si nasconde dietro un dito, llaria D’Amico. La giornalista sportiva di Sky – che di solito è molto riservata e non ama parlare della vita privata – apre il suo cuore. E in un’intervista fa il punto sulla relazione con il portiere della Juventus Gianluigi Buffon, padre del suo bimbo più piccolo Leopoldo Mattia, cui è legata dal 2014. «Abbiamo tutti e due una vita in cui incontriamo tantissime persone nuove», ha spiegato il volto tivù. Lasciando così intendere che il rischio di conoscere qualcuno che ti faccia girare la testa è dietro l’angolo.

Ma la conduttrice si fida del suo uomo e non intende marcarlo stretto. «Non riusciremmo a vivere spiandoci. Ma siamo gelosi l’uno dell’altra; se ami sei geloso nel senso che hai bisogno di sentire che l’altro c’è, ma questo basta. Ci siamo scelti, va bene così».

Gestire una famiglia allargata non è facile

La sua storia con Gigi, del resto, ha resistito alla distanza, visto che per un anno il portierone ha giocato nel Paris Saint-Germain, mentre lei stava in Italia. Nonostante ciò, i due sono riusciti nell’impresa di far funzionare la famiglia allargata. Oltre a Leopoldo Mattia, il bimbo nato dal loro amore, llaria ha un altro figlio, Pietro, avuto dall’ex Rocco Attisani; mentre Gigi è papà di Louis Thomas e David Lee, frutto del matrimonio – ormai finito – con Alena Seredova.

Insomma, per gestire la situazione occorrono pazienza e rispetto: «Noi non litighiamo mai! Quando stiamo per litigare ci viene da ridere. Non mi è mai successo in alcuna relazione di bisticciare così poco», ha rivelato la giornalista.

Se poi Buffon sognasse un’altra donna, lei se ne accorgerebbe: lui si tradisce in continuazione nel sonno. «C’è una cosa che non ti ho mai detto: tu la notte, mentre dormi, parli. Ogni tanto mi arrivano certe botte!», ha detto llaria a Gigi. Per ora, quindi, la D’Amico può essere gelosa solo di un’altra “lei”: la palla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *