Pensioni ultime notizie, Luigi Di Maio “Aumento minime e invalidità a febbraio”

La misura più attesa dal 2019 in tema pensioni è sicuramente Quota 100 ed a beneficiarne saranno oltre 300 mila italiani, secondo quelle che sono le stime del governo. Questa misura darà dunque la possibilità a decine di migliaia di lavoratori, di poter accedere alla pensione prima di quanto previsto dalla riforma Fornero, ovvero una volta raggiunti i 62 anni di età anagrafica e 38 anni di contributi versati. Ad ogni modo per poter conoscere tutti i dettagli bisognerà attendere il decreto, che doveva arrivare già entro Natale ma che ha subito dei ritardi e dovrebbe arrivare al massimo entro la metà del mese di gennaio.

Leggi Anche  Pensioni ultime notizie, per Quota 100 ecco quando fare la domanda

Nel contempo, il governo sembra esultare per quelli che sono i risultati fino ad oggi raggiunti e quindi riguardanti l’intera Manovra, l’approvazione di quota 100 il reddito di cittadinanza, che restano i capisaldi principali.

Un po’ di problemi che hanno anche determinato i ritardi nelle variazioni del decreto sono stati quelli riguardanti le risorse, visto che in un primo momento soltanto per il 2019 era stato stanziato un importo pari a 6,7 miliardi, ridotti poi a 4 miliardi, soltanto per la misura Quota 100. Ad essere particolarmente soddisfatto è Luigi di Maio, il quale non esulta soltanto per Quota 100, ma anche per la capacità che il governo ha avuto in pochi mesi di concretizzare e di mettere in atto una riforma davvero molto importante, che ha l’obiettivo di superare la legge Fornero. Grande esultanza anche per la pensione di Cittadinanza e proprio a tal riguardo, Luigi Di Maio ha sostenuto come tra il mese di febbraio e quello di marcia diventerà realtà l’aumento delle pensioni minime e lo stesso vale anche per le pensioni di invalidità.

Leggi Anche  Pensioni, reddito di cittadinanza con assegno sociale a inoccupati e disoccupati

Ad oggi chi percepisce una pensione di importo al di sotto dei €780. riceverà un aumento che sarà pari alla differenza, fino ad arrivare ad un totale proprio di €780,00 considerata la soglia minima sotto al quale è impossibile vivere. Con questo decreto sicuramente sarà confermato anche il divieto di cumulo, ciò significa che chi aderirà a quota 100, non può sommare la pensione in qualsiasi altro tipo di reddito da lavoro. oltre una soglia pari a €5000. Si stabilirà inoltre che la durata del divieto di cumulo avrà una durata pari all’importo all’anticipo pensionistico e ciò significa soltanto una cosa, ovvero che se un lavoratore sarà andato in pensione al compimento dei 63 anni piuttosto che 67, non potrà sommare il reddito da lavoro che è superiore a €5.000 per ben quattro anni.

Leggi Anche  Pensioni ultime notizie: Quota 100, importo, età, contributi, tutte le novità del 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *