Santobono, bambina di quattro anni colpita da un proiettile: “Trasferita in terapia intensiva”

Santobono, bambina di quattro anni colpita da un proiettile: "Trasferita in terapia intensiva"

Santobono, bambina di quattro anni colpita da un proiettile: "Trasferita in terapia intensiva"

Nel corso della giornata di ieri è stata sfiorata una tragedia a Santobono a Napoli. Un uomo pregiudicato si è recato in Piazza Nazionale cominciando a sparare tra la folla. Una bambina di quattro anni e stata ferita a colpi di pistola e si trova ricoverato in terapia intensiva.

Pregiudicato spara tra la folla

Come abbiamo appena annunciato, nel corso della giornata di ieri stava per consumarsi una tragedia a Santobono, a Napoli. Qui, il pregiudicato, vicino al clan Rinaldi, Salvatore Nurcato è sceso in Piazza Nazionale, cominciando a sparare tre la folla. Sono stato veri e propri attimi di panico, in cui si è temuto il peggio. Quella messa in atto da Salvatore Nurcato, in un certo qual modo, ha portato alla memoria le stragi americane dove diverse persone hanno purtroppo perso la vita dopo che un uomo, o donna, ha cominciato a colpire i presenti con qualsiasi arma a sua disposizione.

La tragedia è stata sventata dall’intervento della polizia che ha colpito Nurcato, che attualmente si trova ricoverato in pericolo di vita a Loreto Mare. Durante la sparatoria sono rimaste ferite anche una bambina di quattro anni e la nonna, presenti sul luogo dell’accaduto.

Santobono, ferita una bambina di quattro anni

Salvatore Nurcaro intorno alle 17:30 di ieri è sceso in Piazza Nazionale a Santobono e ha cominciato a sparare tra la gente. Presenti nel luogo stava per consumarsi la tragedia anche una bambina di quattro anni, che si trovava lì insieme alla nonna Immacolata Molino. La donna e la piccola sono state raggiunte da alcuni proiettili, ma la Molino è rimasta ferita di striscio ma la nipotina è stata colpita in pieno torace e trasportata d’urgenza e le sue condizioni destano parecchie preoccupazioni.

A commentare il tutto è stato anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: “Preghiamo per la piccola bimba che
lotta per la vita al Santobono perché colpita da un proiettile di un vile criminale indegno di appartenere all’umanità. Il pensiero e la preghiera del popolo napoletano sono con il cuore per questa innocente creatura. Siamo sconvolti, Napoli si stringe attorno alla famiglia“.

Il cominicomu stampa del Santobono

A raccontare gli attimi dopo l’accaduto è stato l’ospedale di Santobono. In un comunicato stampa sono state spiegate le condizioni in cui versa la bambina di quattro anni colpita dai proiettili: “Alle ore 17.19 è giunta presso il Pronto Soccorso dell’ospedale pediatrico Santobono una bambina di quattro anni che presentava una ferita da arma da fuoco. Già dalle prime valutazioni cliniche effettuate in equipe dai medici del Pronto Soccorso, della Chirurgia e della Rianimazione si è evidenziato che il proiettile, entrato dalla regione scapolare destra, non è fuoriuscito ed è attualmente posizionato tra le costole“. Nel comunicato è possibile leggere anche: “La bambina, giunta vigile e cosciente, è stata immediatamente trasferita nel reparto di Terapia Intensiva ed è già stata sottoposta ad un piccolo intervento da parte dei chirurghi del Santobono, al fine drenare l’aria e il sangue presente nei polmoni e risolvere lo pneumotorace determinatosi a seguito della ferita. Le condizioni della bambina sono costantemente monitorate dai Rianimatori e dai Chirurghi dell’ospedale pediatrico e si sta valutando se e quando rimuovere il proiettile“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *