Alex Zanardi incidente, il commovente messaggio del figlio Niccolò: “Un esempio di vita”

L’attenzione mediatica in queste ore resta concentrata su quelle che sono le condizioni di salute di Alex Zanardi a seguito dell’incidente che ha avuto giorno 19 giugno 2020 nei pressi di Siena. A rompere il silenzio adesso è stato anche il figlio dello sportivo ed ex pilota, Niccolò Zanardi.

Alex Zanardi come sta?

Sono ore molto delicate quelle che sta vivendo Alex Zanardi ancora in coma farmacologico e la sua famiglia che si trova nella città di Siena.

Lo sportivo ha avuto un incidente venerdì 19 giugno del 2020, invadendo la corsia opposta venendo travolto da un mezzo pesante. Le condizioni di salute, Alex Zanardi, sono davvero molto delicate e gravi anche se stabili. L’ex polita, che aveva già subito l’amputazione delle gambe nel 2001, si trova in terapia intensiva e fuori dalla sua stanza c’è la moglie Daniela che non ha mai lasciato il marito anche per un solo attimo, adesso, come negli anni passati, ma anche il figlio Niccolò che non sta facendo mancare il suo supporto al padre anche attraverso il web.

Il messaggio commovente di Niccolò Zanardi

La moglie Daniela dopo l’incidente del marito ha subito spiegato alla stampa di essere stata al fianco di Zanardi ogni secondo, e che così sarà finché lo sportivo non aprirà ancora una volta gli occhi dimostrando di essere lo stesso combattente di sempre.

A rompere il silenzio sul social è anche il figlio della coppia, Niccolò Zanardi che ha scritto il seguente messaggio davvero commovente e diretto al padre: “Mio padre, Alex Zanardi, tutti dicono che è un esempio di vita come sportivo. Non penso, è un esempio di vita come padre”.

La testimonianza sull’incidente

Nel corso delle ultime ore, inoltre, si sta intensificando sempre di più l’attività investigativa degli inquirenti circa l’incidente di Zanardi. Sembrerebbe, infatti, che lo sportivo sarebbe stato distratto. A rilasciare la testimonianza rilasciata da videomaker, Alessandro Maestrini, che come riportato da Ansa ha dichiarato: “Alex Zanardi non teneva il cellulare in mano al momento dello schianto. Dopo aver affrontato una salita pedalando con le mani, al momento della discesa Zanardi ha preso il telefonino e fatto alcune riprese a bassa velocità, poi lo ha riposto, lo ha messo via, e ha continuato la discesa fino al punto dell’incidente. Diverso tempo dopo l’impatto il cellulare squillava dal vano dell’handbike ed è stato preso dai carabinieri“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *