Cos’è un’allergia ai funghi?

I funghi costituiscono un complesso gruppo di esseri microscopici , dotati di nuclei, generalmente multicellulari (tranne i lieviti), che sono raggruppati nel regno dei funghi , diversi ed indipendenti da quello che comprende piante e animali.

Sono note decine di migliaia di specie, di cui solo poche sono in grado di provocare malattie allergiche . I quattro funghi più importanti a questo proposito sono Alternaria , Cladosporium Aspergillus e Penicillium . Sono onnipresenti, poiché possono essere trovati in quasi tutte le regioni del pianeta, sia nell’aria ambiente che nelle nostre case.

Quali sintomi presenta? 

I funghi possono produrre malattie allergiche come i pollini, reazioni di tipo I mediate da IgE; non sono così frequenti e importanti come quelli sviluppati contro altri allergeni. Circa l’8% degli adulti e il 20-25% dei bambini con allergie respiratorie sono sensibilizzati ai funghi. Nelle zone costiere della Spagna gli allergeni perenni più frequenti sono gli acari della polvere domestica, tuttavia nelle zone interne sono funghi.

Sono anche responsabili di processi mediati da complessi meccanismi immunologici chiamati polmonite da ipersensibilità o alveolite allergica estrinseca, che in molti casi sono di origine professionale o professionale. Producono anche micosi broncopolmonari allergiche, per lo più implicate Aspergillus fumigatus . Sono aeroallergeni, si trasmettono attraverso l’aria. Le reazioni di ipersensibilità immediata o di tipo I colpiscono principalmente la mucosa nasale, congiuntivale e bronchiale.I sintomi non hanno la natura stagionale e periodica dell’allergia ai pollini perché la presenza di spore nell’atmosfera può diffondersi ovunque anno.

Può verificarsi congiuntivite isolata ma è generalmente associata a rinite , che manifesta i tipici sintomi allergici di prurito oculare-nasale , arrossamento congiuntivale, lacrimazione, ostruzione nasale, starnuti …

In altri pazienti può essere associata a tracheobronchite con tosse secca e spasmodica, anche nei casi più gravi, costrizione toracica, difficoltà respiratorie o dispnea e respiro sibilante al torace (respiro sibilante). Nell’asma allergico, probabilmente i casi più gravi, e alcuni con esito fatale, sono stati dovuti all’allergia ai funghi.

Qual è il trattamento? 

Una volta che il paziente è stato adeguatamente studiato e diagnosticato da un allergologo, dopo aver determinato le specie fungine responsabili della sensibilizzazione e del quadro clinico manifestato, deve essere istituito il trattamento specifico più appropriato.

Il trattamento è strutturato in tre livelli:

  • Informazione e prevenzione : devi ricevere tutte le informazioni sulle cause e l’origine della tua malattia e applicare tutte le possibili misure preventive previste dallo specialista. Prevenirlo è un compito difficile data la sua presenza universale, anche se si consiglia di evitare luoghi in cui le concentrazioni di spore possono essere elevate così come misure di igiene ambientale domestica per ridurre al minimo la colonizzazione da funghi.

  • Trattamento farmacologico : che non differisce da quello raccomandato in altri casi di congiuntivite, rinocongiuntivite o asma prodotti da altri allergeni come antistaminici, corticosteroidi, broncodilatatori, antileucotrieni … I farmaci svolgono sostanzialmente la funzione di controllo dei sintomi allergici, indipendentemente dall’agente causale o eziologico responsabile.

  • Immunoterapia allergene specifica : oggi l’unico trattamento in grado di modificare il decorso della malattia allergica, evitando lo sviluppo di nuove future sensibilizzazioni. È anche l’unico trattamento eziologico per le malattie respiratorie allergiche mediate da anticorpi IgE specifici. La sua efficacia clinica è ampiamente dimostrata per estratti allergenici di qualità somministrati singolarmente in casi selezionati dall’allergologo.

Quali sono i fattori che ne influenzano la crescita e la dispersione? 

Il clima umido favorisce la crescita dei funghi, così come il tempo soleggiato e ventoso, la diffusione delle spore; la neve riduce notevolmente entrambi i fattori. Nei climi caldi e umidi sono presenti in grande quantità durante tutto l’anno.

La concentrazione di spore nell’aria è molto varia, dipende molto dalle condizioni di temperatura, umidità e correnti d’aria. Le spore all’interno delle case provengono dall’esterno e da possibili fonti di crescita indoor.

All’interno, l’umidità è il fattore decisivo per la sua crescita.

I funghi crescono negli umidificatori o nei filtri nei sistemi di condizionamento d’aria che possono diffondersi facilmente. Sono considerati uno dei principali colpevoli della sindrome dell’edificio malato.

Quali funghi causano allergie? 

I principali funghi allergenici appartengono a meno di una dozzina di generi: Alternaria , Cladosporium , Aspergillus , Penicillium , Helminthosporium, Epicoccum, Fusarium, Rhizopus e Mucor .

Il genere Alternaria è il più importante dal punto di vista allergologico, essendo molto comune e di distribuzione universale. La sua temperatura di crescita ottimale è di circa 25ºC. Predomina all’aperto e il rilascio delle sue spore raggiunge i suoi picchi nelle giornate asciutte di fine estate e autunno.

Il genere Cladosporium è cosmopolita e molto abbondante . La sua temperatura ottimale di crescita è di circa 20 ºC.

Il genere Penicillium è uno dei più comuni e ampiamente distribuiti. Sono note più di 250 specie. La sua temperatura di crescita ottimale è di 25 ºC.

Il genere Aspergillus è uno dei più abbondanti e onnipresenti. Comprende 132 specie, la più importante è Aspergillus fumigatus a distribuzione universale e predomina all’interno con una temperatura ottimale di 40 ºC.

Diagnosi 

In una prima valutazione allergologica, viene preparata una storia clinica dettagliata. Dovrebbe essere sospettato in qualsiasi paziente che presenti sintomi allergici che si manifestano in modo anarchico senza mantenere un chiaro schema stagionale. Può essere rinforzato se l’aspetto clinico o il peggioramento si verifica entrando in spazi o stanze con un determinato microclima (elevata umidità, calore, accumulo di materia organica, poca luce).

Utilizzando skin test o prick test si può ottenere un approccio diagnostico iniziale in modo semplice , sicuro e veloce, motivo per cui costituisce un metodo diagnostico ad alta risoluzione, essendo una tecnica ad alta sensibilità.

Con l’obiettivo di una maggiore precisione diagnostica, vengono eseguite tecniche all’avanguardia, come la diagnostica dei componenti che consentono di rilevare gli anticorpi diretti contro le proteine, caratterizzati e purificati da ciascuna specie di fungo in questione.

In alcuni pazienti, possono essere necessarie procedure altamente complesse come i test di provocazione per monitorare la risposta del paziente dopo un’esposizione controllata all’allergene in questione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here