Allerta massima, torna anche la peste bubbonica: un’intera regione in quarantena

Allerta massima dopo la scoperta di due casi accertati di Peste nera nella regione. In due distretti della regione, nella parte occidentale del paese è scattato immediatamente il blocco e la quarantena per i residenti. Le drastiche misure di contenimento dopo i risultati dei test di laboratorio che hanno confermato il contagio di due individui sospetti ricoverati in ospedale.

A confermano una nota del Centro nazionale per le malattie zoonotiche della Mongolia (Nczd). Secondo i media, i due contagiati sarebbero un giovane di 27 anni residente nel distretto di Tsetseg e una 17enne che ora son in cura in due diversi ospedali della zona. Il più grave sarebbe il primo giudicato in condizioni critiche.

Già dopo il ricovero e si sospetti, però, il Centro nazionale si era subito messo in moto con test a tappeto e rilevazione di tutti i contatti avuto dai due fratelli nei giorni precedenti. Al momento sono stati analizzati campioni prelevati da 146 persone che avevano contatti con le due persone infette e sono stati identificato ulteriori 504 individui di secondo contatto.

Lo stesso centro ha dichiarato di essersi attivato per mettere in quarantena il capoluogo di provincia e uno dei distretti della regione a circa 500 chilometri a sud delle repubbliche siberiane meridionali di Tyva e Altai, al confine con la Russia.

Al momento pare che i due casi di peste nera siano legati al consumo di carne di marmotta e per questo indicati come “peste della marmotta”. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, l’infezione batterica può uccidere gli adulti entro 24 ore se non trattata in tempo. Del resto la regione non è nuova a casi del genere.

L’ultimo focolaio di peste venne individuato appena l’anno scorso in una vicina provincia al confine con la Russia e aveva portato alla chiusura di un valico di frontiera. Anche in quel caso il focolaio era legato al consumo di carne di marmotta e provocò la morte di due persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *