Press "Enter" to skip to content

Anticipazioni Verissimo 14 novembre puntata di oggi da Silvia Toffanin ospite Manuela Arcuri

È ancora bella da fare male, Manuela Arcuri. Perché è magnetica in quel suo corpo perfetto, con quella sua aria da donna mediterranea che la rende irresistibile. Ha debuttato a 17 anni con Pappi Corsicato e 26 anni dopo quella pellicola che l’ha consacrata icona sexy, nulla è cambiato. Impossibile non notare gli uomini che si voltano a guardarla, quando cammina per strada.

Da quando è diventata madre, sei anni fa, la sua bellezza è diventata ancora più intensa. Lei si schermisce, arrossendo quando glielo si fa notare, perché il successo non le ha tolto la timidezza. Già, il successo: calendari, film, fiction, programmi tv. Ma nella vita della Arcuri c’è comunque un prima e un dopo che fa la differenza: Mattia, il suo bimbo, le ha donato una consapevolezza che le consente di guardare la vita con occhi diversi. E lei stessa è la prima a stupirsene.

Oggi va in onda su Canale 5 una nuovissima puntata di Verissimo. Il programma condotto da Silvia Toffanin avrà modo oggi di raccontare tante nuove storie e tra i presenti ci sarà una grandissima attrice. Stiamo parlando, di una donna che ormai da tempo si è allontanata dal piccolo schermo ovvero Manuela Arcuri. Durante la lunga intervista, l’Arcuri non ha potuto non parlare della sua chiacchieratissima storia avuta con Gabriel Garko, in passato.  Il coming out del collega al GFVip ha messo in dubbio la veridicità del suo sentimento nei suoi confronti.

La love storie tra Gabriel Garko e Manuela Arcuri

All’epoca dei fatti, ovvero nei primi 2000, la storia d’amore tra Garko e l’Arcuri è stata di sicuro una delle più chiacchierate dai giornali di cronaca rosa. Ovviamente, le rivelazione di Gabriel dette in diretta al GFVip hanno messo in discussione la sua veridicità e di conseguenza tutte le sue storie con le varie show girl dell’epoca.

L’attore in più occasioni, tra cui anche a Verissimo, ha ammesso che quei flirt erano solo storie di copertine e quindi nulla di vero… Ma ciò che si chiedono i fan da casa e se lo stesso è accaduto anche con Manuela Arcuri. Vediamo cosa ha risposto la diretta interessata.

La rivelazione dell’attrice a Verissimo

Da Silvia Toffanin, Manuela Arcuri ha cercato di dare spiegazioni su ciò che è accaduto davvero con Gabirel Garko. “Forse sono caduta anch’io nella rete di qualcosa di organizzato a tavolino. Non so se per lui sia stata una storia finta, ma per me è stata vera . Sentendo le sue dichiarazioni mi viene da pensare che forse anch’io sono una vittima e mi dispiacerebbe tantissimo.

L’attrice romana ha spiegato anche che anni fa entrambi hanno vissuto una breve relazione. E seppur sia durata pochi mesi può dire che non è stata una falsa o organizzata.  Manuela di è detta innamorata, e anche molto e tra di loro c’era una forte attrazione fisica.” È durata poco, però per quel breve periodo lui era il mio fidanzato: per me è stata una storia vera”.

Il coming out di Gabriel: ” Mi dispiace se mi ha preso in giro”

Manuela Arcuri a Verissimo ha raccontato cosa pensa del coming out di Garko. L’attrice ha spiegato che con lei non si è mai aperto e forse ha sempre mantenuto una maschera per fingere la sua eterosessualità. Nello stesso tempo, capisce la sua sofferenza in quanto nascondersi non è facile soprattutto in un ambiente come quello dello spettacolo e del cinema.

Silvia Toffanin, le chiede poi se ritornasse un giorno a lavorare accanto al suo ex e la risposta dell’Arcuri non lascia davvero dubbi.  “Certo che lo farei. Mi dispiacerebbe se mi avesse preso in giro per apparire quello che non era, ma sono passati tanti anni. È stato il mio collega più fedele. Abbiamo lavorato tantissimo insieme e per me non è cambiato niente. Tornerei a recitare con lui con una verità in più”.

Dicono che lei sia un’altra. «Sono diventata madre, tutto qui. È naturale cambiare le proprie priorità. Mio figlio mi ha permesso di capire tante cose. Mi ha insegnato tanto, mi sono quasi stupita di quanta forza avessi. E di quanta pazienza potessi disporre».

Una parola per descrivere cosa prova quando stringe suo figlio. «L’assoluto. Ma non è retorica. Prima non immaginavo potesse esistere una sensazione così totalizzante, cos tonda. Prima di lui ho detto spesso a chi amavo che “mi mancava”. Ma solo quando sono lontana da Mattia percepisco il significato profondo dell’assenza. Sento male. E poi c’è quell’attimo in cui avverto la sua gioia, lo sento ridere, e allora, be’, mi scoppia il cuore. Lui è il mio tutto».

Infatti quel tutto l’ha decisamente allontanata dal lavoro. È praticamente sparita dalle scene. «Ho lavorato tanto in vita mia, mi sono presa una pausa per godermi mio figlio e ora che è più autonomo non nego che mi piacerebbe riprendere a fare quello che mi piace. Ma è stato importante dedicarmi totalmente a lui. Non ho dormito una sola notte per tre anni, ma è stato entusiasmante ». La creatura che bimbo è? «Mi incanta la sua dolcezza infinita, è ipersensibile. Certo, è un figlio unico, e come tale è abituato a stare al centro dell’attenzione.

E bisogna saperlo prendere perché si offende facilmente. Abbiamo un rapporto simbiotico» Ma non ha ancora sposato il padre. Perché? «Sposarmi resta uno dei miei sogni e lo faremo. Giovanni (Di Gianfrancesco, ndr) è l’uomo della mia vita, ma ci siamo sentiti una famiglia fin da subito, senza fede al dito. Abbiamo fatto i genitori, ci siamo davvero concentrati così tanto su Mattia che le nozze le abbiamo lasciate in secondo piano». Cosa vi unisce oltre al bambino? «Una grandissima complicità: siamo stati prima amici, e poi altro. Ridiamo tantissimo insieme, ci divertiamo.

Mi ha conquistato perché a lui dell’Arcuri non è mai fregato nulla, ha sempre badato solo a Manuela. E accanto a lui io mi sento completa». Sarà almeno geloso. «No, perché non gliene do motivo. C’è grande fiducia fra noi, e grandissimo rispetto. Mi sostiene nel mio desiderio di riprendere a lavorare, perché vuole vedermi realizzata e gratificata. Il suo appoggio per me è fondamentale». Però se torna sul set dovrà per forza trascurare i suoi uomini. «No, affatto. Se c’è una cosa che la maternità mi ha regalato, è proprio la capacità di organizzare il tempo.

Ho acquisito un ordine mentale che prima non avevo. Programmo tutto e facendolo riesco a vivere al meglio quello che faccio. So che saprò lavorare senza far sentire la mia assenza». Che ruolo vorrebbe interpretare nel prossimo film? «Quello della cattiva. Mi piacerebbe mostrare un altro registro». Più facile che le facciano fare la bonazza. «Potrei ancora farla, ma ci sono giovani attrici ben più belle di me. Alla mia età rischierei di sembrare ridicola, non crede? Sono sempre stata felice della mia fisicità, e ho anche sempre ammesso che è stato un bel biglietto da visita, ma credo proprio che ora i registi per i ruoli sexy sceglierebbero altre».

Il calendario che fece nel 2000 è in vendita su eBay a prezzi da capogiro… «Allora fare “il calendario” per un’attrice era un traguardo, un passaggio obbligato. Non me ne pento, è stato un pezzo importante della mia carriera: oggi però se mi chiedessero di rifarlo, non accetterei. Sono una mamma, pur restando una bella donna» Fra tutti i corteggiatori che ha avuto quale non dimentica? «Uno su tutti. Mattia, perché quando mi bacia, io mi sciolgo».