Cassa integrazione anticipata da Inps: a chi spetta, da quanto e quali importo

Via libera all’erogazione in anticipo della cassa integrazione direttamente dall’Inps che dovrà avvenire in 15 giorni. Si parla di cassa integrazione in deroga anticipata per tutti dall’inizio fino al 40%, entro 15 giorni dalla domanda. Questa sostanzialmente è una delle novità previste dal decreto rilancio e che va a sostegno dei Lavoratori che, durante questi mesi di lockdown nel nostro paese, hanno dovuto affrontare una grande crisi e nella maggior parte dei casi senza soldi.

Cassa Integrazione in deroga, troppi ritardi e ancora nessun pagamento

Sono davvero tanti i ritardi nell’erogazione della cassa integrazione in deroga che è stata avviata con il decreto cura Italia, per tutti quei lavoratori di aziende che purtroppo sono dovute rimanere chiuse e che inevitabilmente sono entrate in crisi. A distanza di diversi mesi sono molti o lavoratori che lamentano di non avere percepito ancora neanche ed euro ed effettivamente sembra che non siano stati ancora accreditati i soldi ai lavoratori. In molti si chiedono come sia possibile poter andare avanti senza avere ancora un lavoro oppure senza avere percepito nemmeno 1 euro dalla cassa integrazione, quindi alcun tipo di aiuto concreto dello Stato. Per tutte queste ragioni in questi giorni il governo pare abbia stabilito delle nuove regole per l’erogazione della cassa integrazione in deroga con il decreto maggio coronavirus. Di cosa si tratta?

Cassa integrazione anticipata da Inps, a chi spetta?

Secondo quanto previsto dal decreto Maggio varato dal governo per cercare di affrontare meglio la fase dell’emergenza sanitaria ma soprattutto economica in cui il nostro paese è sprofondato, sono stati ridotti i tempi di erogazione della cassa integrazione in deroga, grazie ad un nuovo accordo avvenuto tra regioni e Governo. È previsto un importo fino al 40% che sarà anticipato direttamente dall’INPS senza necessità di passare dalle regioni ed entro un tempo massimo di 15 giorni dalla domanda.

La restante parte della somma da pagare al lavoratore arriverà in un tempo massimo di 60 giorni. Sostanzialmente quindi quasi metà della somma spettante arriverà entro due settimane, mentre il resto nel giro di due mesi, in modo tale che tutti i lavoratori ricevano il loro assegno di cassa integrazione in deroga.

Nuove regole Cassa integrazone anticipata, quando e importo

Come già abbiamo avuto modo di vedere, sembra che le nuove regole per l‘erogazione della cassa integrazione in deroga valgono dal momento in cui entra in vigore questo nuovo decreto a marzo e dal trentesimo giorno dell’entrata in vigore del decreto, quindi dalla metà del mese di giugno, per tutte le altre tipologie di cassa integrazione ordinaria e straordinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *