Coronavirus, Bassetti: “Ecco perché non torneremo mai più a una vita normale”

Pubblicato il: 18 Aprile 2020 alle 7:08

Secondo Matteo Bassetti , infettologo di Genova, dovremmo rinunciare alla normalità alla quale siamo abituati. E ha fatto un’affermazione che ha lasciato tutti agghiacciati. “non sparirà neanche quando arriverà il vaccino“. Quindi non solo c’è chi mette in dubbio l’efficacia di un vaccino contro il coronavirus, ma c’è anche chi come l’infettologo mette in dubbio seriamente il ritorno alla normalità.

Queste alcune delle sue dichiarazioni: “Non solo ci doveremo convivere questa estate – ha rivelato Bassetti -, ma ci dovremo convivere per i prossimi anni, probabilmente molti anni. Ormai questo virus è entrato, fa parte degli agenti eziologici che danno un quadro di polmonite o simile influenzale” .

Afferma che il Covid-19 è destinato a persistere ancora per molti nni, dovremmo imparare a vivere in una società utilizzando i dispositivi di protezione, mantenendo sempre il distanziamento sociale e cercando di evitare di assumere atteggiamenti rischiosi.

Su una possibile riapertura prevista per il 4 maggio, invece Bassetti a chiarito che: “a una normalità totale non ci arriveremo più. Anche in futuro non staremo più vicini in coda ad esempio, si eviterà di fare, cambieremo le nostre abitudini perché questo virus sarà il nostro compagno di viaggio per molti anni cosi come è già per altri virus e batteri”. Continua…

Infine, l’esperto ha concluso con una constatazione molto importante: La proprietà di questo mondo non è nostra ma di batteri e virus che sono presenti da molto prima di noi, lo conoscono molto meglio di noi, si riproducono più velocemente di noi”. Per questo motivo occorre “imparare dal coronavirus a rispettare un po’ di più questo mondo dove viviamo”.

“Se abbiamo avuto il problema del coronavirus e di altri che si sono ‘ribellati’ è perché questo mondo lo abbiamo trattato non troppo bene, allora cerchiamo di imparare la lezione e magari prendiamo lo spunto per trattarlo un pochino meglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *