Gerry Scotti ritorna con Chi Vuol essere Milionario?

E’ stato uno dei protagonisti dell’autunno di Canale 5, e anche di tutto il periodo delle Feste, con due quiz, in onda nella fascia preserale: prima Caduta libera! e poi Conto alla rovescia. Ed è stato anche uno dei giudici del programma più visto degli ultimi mesi, Tu si que vales. E ora, da giovedì 23 gennaio, Gerry Scotti toma in prima serata con un altro dei suoi “cavalli di battaglia”: il quiz Chi vuol essere milionario?.

È un ritorno molto atteso: l’ultima edizione di questo programma, infatti, andata in onda tra la fine del 2018 e i primi mesi del 2019, ha ottenuto ottimi ascolti, con punte vicine ai quattro milioni di telespettatori. Numeri ancora più significativi se si pensa che, quest’anno, Chi vuol essere milionario? festeggia i venti anni di programmazione: la prima puntata è infatti andata in onda il 22 maggio 2000. «Nella mia carriera ho condotto molti quiz, ho realizzato oltre cinquemila puntate, ma Chi vuol essere milionario? è il quiz che mi ha regalato le emozioni più forti in assoluto», ha dichiarato Gerry Scotti durante una recente intervista a Verissimo.

«Durante questo programma infatti, quando i miei concorrenti giocano, io mi emoziono con loro, soprattutto quando ci sono in palio molti soldi: sento la tensione salire dalla bocca dello stomaco, passare per il cuore e poi mi viene il magone se vincono. E non le dico la gioia che ho provato le tre volte in cui ho assegnato il massimo premio in palio, la prima volta un miliardo di lire e poi un milione di euro: una cifra che può davvero cambiare la vita.

E che, sommata ai tanti altri premi che ho assegnato, mi ha regalato un primato importante: sono il conduttore televisivo che, durante i suoi programmi, ha regalato più soldi in tutto il mondo».
Per Scotti, però, non ci sono solo i quiz: in primavera tornerà infatti anche a Striscia la notizia con Michelle Hunziker.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *