Gigi Proietti addio al maestro della recitazione italiana: la rivelazione sul ruolo di Mandrake

Addio al maestro della recitazione italiana. Si è spento nella notte Gigi Proietti e lo ha fatto proprio in modo speciale, nel giorno del suo ottantesimo compleanno. Tutti i giornali ed i tabloid stanno parlando della scomparsa del grande Gigi, l’attore romano che ha lasciato davvero un vuoto incolmabile nel mondo della recitazione italiana.

Gigi Proietti ci lascia nel giorno del suo 80esimo compleanno

Il noto attore si è così spento nel giorno del suo ottantesimo compleanno per via di un attacco cardiaco. Già nella serata di ieri si era diffusa la notizia che Gigi Proietti si trovasse Ricoverato in terapia intensiva in condizioni davvero critiche e nella notte poi un’ulteriore crisi ha messo fine alla sua vita. Sicuramente non c’è da fare alcuna presentazione, Gigi è stato un grande interprete teatrale poliedrico artista che si è distinto non soltanto nel mondo del teatro ma anche del cinema e della fiction. È stato anche colui che ha portato in scena tanti conduttori e doppiatori che devono a lui la loro popolarità è successo.

Curiosità sul ruolo di Mandrake di febbre di cavallo

Oggi nel giorno della sua morte non vogliamo parlarvi soltanto di quello che è stato, ma anche di alcune curiosità legate alla sua carriera. Tra queste ci sarebbe anche il fatto che Mandrake di febbre di cavallo non sarebbe dovuta toccare a lui, lo sapevate? È stata All’età di 14 anni che Gigi viene scritturato al cinema, ma obiettivamente il suo debutto avvenne nel 1966 contemporaneamente al cinema e al teatro. Negli anni successivi poi è continuato alla sua carriera di attore, ma è stato nel 1976 che ha ottenuto il suo primo grande successo con il ruolo di Mandrake nel film cult Febbre da cavallo. In realtà questo ruolo pare che inizialmente fosse stato pensato per Ugo Tognazzi, ma quest’ultimo pare che rifiutò e quindi alla fine venne proposto proprio a Proietti. Questa interpretazione fu per lui davvero un grande successo, tanto da restare intramontabile nel corso degli anni.

Il ricordo di Gigi, le sue innumerevoli barzellette

Gigi Proietti lascia la moglie e anche le sue adorate figlie, oltre che una quantità davvero smisurata di fan e di ammiratori che hanno versato già tante lacrime in queste ora. Lui era non soltanto un grande attore, ma davvero il maestro della recitazione e soprattutto il maestro della risata. Aveva un repertorio davvero incredibile di barzellette tanto che nel 2004, in collaborazione con i fratelli Vanzina fece un film intitolato Le barzellette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *