Il regista sudcoreano Kim Ki-duk muore a 59 anni per il coronavirus

⭐ Unisciti al nostro Canale di Telegram ⭐

Il regista sudcoreano Kim Ki-duk è morto all’età di 59 anni in Lettonia per complicazioni derivate dal covid-19, secondo i media del suo paese. Il regista di Spring, Summer, Autumn, Winter … and Spring or Iron 3 era nel paese baltico per preparare il suo prossimo lungometraggio dallo scorso 20 novembre e, secondo il sito lettone Delfi , è morto ieri mattina.

Il figlio di contadini, Kim Ki-duk (Bonghwa, 1960) era un muratore, apparteneva ai Marines (gli Stati Uniti e la Corea del Sud sono gli unici due paesi con questo corpo militare), e ha studiato pittura e scultura a Parigi dal 1990 al 1992 prima dedicandosi al cinema: “Ho deciso di fare film dopo un viaggio in Europa. Qualcosa è cambiato nella mia percezione della vita, ho iniziato a mettere in discussione molti pregiudizi con cui ero stato cresciuto. Quando sono tornato nel mio paese ho iniziato a girare ”. “Per fare film”, ha spiegato in un’intervista a EL PAÍS nel 2005 al festival di San Sebastián, dove ha presentato El arco, “l’importante è vivere la vita. Per me è stata la scuola migliore ”.

I suoi film, 23 lungometraggi, hanno conosciuto un fervore festoso nel primo decennio del XX secolo. Ed è diventato una delle figure dei teatri europei della versione originale: “Suppongo che le grandi produzioni siano una tentazione per molti registi. Non è il mio caso, voglio preservare la mia idea di cinema e accettare un budget elevato significherebbe assumere una serie di condizioni che non mi interessa accettare. Preferisco lavorare con mezzi limitati ”. Kim, con un fisico possente grazie al suo passato militare, ha viaggiato per il continente europeo in quegli anni. Il suo cinema era basato sia sulla bellezza che su una sessualità che portava direttamente alla violenza. Ha trovato il suo materiale migliore nello squallore e nella tensione dell’anima dello spettatore, con l’idea di far saltare i tabù. Nonostante abbia debuttato nel 1996 con Cocodrilo,il regista è entrato nel radar degli spettatori europei con La isla (2000). Con quel film si levò un po ‘di polvere con due sequenze di maltrattamenti sugli animali (una rana fu picchiata a morte e poi scuoiata, e in un’altra un pesce fu mutilato). Kim ha affermato che in Occidente il cibo si acquista senza pensare da dove proviene – o come questi animali vengono macellati – e che avrebbe continuato a filmare qualcosa che era naturale nel suo paese.

In Spagna Domicilio sconosciuto (2001) non era popolare come Primavera, Estate, Autunno, Inverno … e Primavera (2003), il rapporto tra un ragazzo e il monaco buddista che lo educa in un remoto tempio galleggiante. L’anno successivo ottiene una formidabile doppietta al festival: alla Berlinale vince il premio come miglior regista con Samaritan Girl, storia di una prostituta amatoriale , e al concorso Venice Iron 3 vince un Leone d’argento e il premio della critica, È stato seguito dal Golden Spike al Seminci di Valladolid ed è stato scelto dalla critica internazionale come miglior film dell’anno.

A questi titoli sono seguiti, tra gli altri, El arco (2005), Time (2006), Aliento (2007), Dream (2008), il documentario Arirang (2011) —vincitore della sezione A Certain look at Cannes—, Amen ( 2011) o Pieta(2012), León de Oro a Venezia, dove ha espresso il suo talento per mostrare la violenza sullo schermo, che ha anche raccolto critiche definendolo un misogino. “Non credo che i miei film siano particolarmente impraticabili. Se qualcosa non viene capito, forse è che dovrebbe essere visto una seconda volta. Se anche la seconda volta non è chiara, riprova. Tutti i film contengono segreti e quei segreti vengono scoperti poco a poco ”, ha assicurato. Quando voleva rilasciare Moebius(2013), il ritratto della distruzione di una famiglia vittima di desideri incestuosi, il governo del suo paese ha rifiutato di lasciarlo andare nei teatri commerciali, poiché includeva contenuti “dannosi per la gioventù” ed espressioni “immorali e antisociali”. L’Associazione dei direttori coreani lo ha sostenuto nella sua guerra contro la censura. Tuttavia, alla fine, Kim ha ritagliato il filmato in modo da poterlo mostrare ai suoi compatrioti.

Tante polemiche lo hanno raggiunto: nel 2017 un’attrice lo ha accusato di violenza sessuale sul set di Moebius. L’attrice ha denunciato di averlo picchiato ripetutamente prima di costringerlo a partecipare a una sequenza sessuale di cui non era stato informato in precedenza. L’anno successivo, altre tre attrici hanno accusato lui e il suo collaboratore regolare, l’attore Cho Jae-hyun, di violenza sessuale, sebbene non lo abbiano denunciato. Kim è stata dichiarata innocente dell’accusa di violenza sessuale nel gennaio 2019 per mancanza di prove, non per l’accusa di aggressione, che ha comportato una sanzione di circa 4.000 euro. Dopo essere stato esonerato, il regista ha citato in giudizio l’attrice e gli autori di un documentario su di lui, per danni alla sua immagine, ma ha perso in tribunale. A causa di questi incidenti legali, i produttori lo hanno abbandonato e ha potuto girare solo in Kazakistan, dove ha girato Dissolve (2019).

⭐ Unisciti al nostro Canale di Telegram ⭐

Condividilo!

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi richiesti sono contrassegnati *