Isee corrente e redditi minori coniuge, può essere usato?

Pubblicato il: 26 Maggio 2020 alle 3:34

E’ possibile presentare Isee corrente se il coniuge percepisce redditi minori rispetto al 2018? Per chi non lo sapesse, l‘Isee corrente altro non è che un Isee che si basa su dati più recenti rispetto a quello ordinario e avegola quindi l’accesso alle prestazioni sociali qualora venga terminata, sospesa o ridotta l’attività lavorativa o un trattamento assistenziale di uno o anche più componenti della famiglia. Sulla base delle modifiche normative che sono state introdotte dal D.L 30 aprile 2019, n.19 sembra che l‘Isee corrente possa essere richiesto nel caso in cui  intervenga una variazione della situazione lavorativa o anche un’interruzione dei trattamenti previdenziali, assistenziali e indennitari, per uno o anche per più componenti del nucleo familiare o una riduzione della situazione reddituale complessiva del nucleo familiare superiore del 25% rispetto a quella individuata nell’Isee ordinario.

L’Isee corrente, di cosa si tratta?

L’Isee corrente è in vigore dallo scorso anno e da la possibilità di avere una sorta di fotografia di quello che è il reddito reale di un determinato nucleo familiar e non basato sui redditi del 2018. Sottolineamo come un Isee normale potrebbe non dare la possibilità, ad esempio, ad un nucleo familiare che ha perso entrate, di poter accedere ad alcune forme di sussidio. L‘Isee corente può essere richiesto soltanto da quei nuclei familiari che hanno subito una variazione della situazione lavorativa, come licenziamento, dimissioni, termine di percezione di sussidi e indennità, ma anche riduzione della retribuzione o delle ore lavorate mensilmente, oppure nel caso in cui il reddito totale del nucleo familiare sia variato in misura superiore al 25% rispetto alla dichiarazione Isee in corso, che in questo caso è quella del 2020.

Esempio Isee corrente, quando è opportuno presentarlo

Nel caso in cui in un nucleo familiare, la moglie ad esempio abbia percepito dei redditi nel 2018 ma non nel 2019, il reddito del nucleo familiare ha subito una variazione così come la condizione lavorativa della signora e quindi, in questo caso l’Isee corrente può essere utilizzato. Nell’Isee corrente sono previsti 4 diversi quadri da compilare che andranno ad integrare la DSU in corso di validità che è stata già presentata.

Andando più nel dettaglio, nel quadro S1 bisognerà indicare il codice fiscale del dichiarante e gli estremi della DSU che è stata già presentata. Nel quadro 2 poi bisognerà indicare solo i familiari per i quali è intervenuta una variazione della condizione lavorativa o del reddito complessivo. Nel quadro 3 bisognerà indicare ogni componente del nucleo familiare che ha indicato nel quadro 2 i redditi percepiti negli ultimi 12 mesi ( ovviamente solo della moglie, nel caso da noi avanzato). Sempre seguendo il nostro esempio, non vanno inseriti i redditi del marito.

Controcopertina.com grazie alla nostra Redazione seria e puntuale siamo stati selezionati dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui. Oppure iscriviti sul nostro Gruppo Facebook dedicato alle pensioni cliccando qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *