L’Eredità, è bufera per la domanda: Flavio Insinna e le scuse pubbliche

Pubblicato il: 9 Giugno 2020 alle 2:55

Flavio Insinna sembra essere finito al centro della polemica ancora una volta. Più che altro a finire nella bufera pare sia stato proprio il programma da lui condotto ovvero L‘Eredità per via di una domanda piuttosto insidiosa che ha sollevato un vero e proprio dibattito non soltanto dal punto di vista politico, ma anche sociale. Il conduttore pare che sia dovuto interventi ed è stato in qualche modo costretto a chiedere scusa in diretta, anche se ormai il danno era stato fatto visto che sui social era scoppiato un vero e proprio delirio. Ma cosa è accaduto?

L’Eredità, una domanda insidiosa scatena il caos

Come già abbiamo avuto modo di vedere, sembra che durante una puntata del quiz show più famoso d’Italia ovvero L’eredità è accaduto qualcosa che sui social ha dato originae ad un vero e proprio delirio. Si è trattato di una domanda su un tema molto delicato che pare abbia fatto insorgere il pubblico del programma. Il conduttore è dovuto intervenire per cercare di rimediare al danno fatto. Per avere idea, però,  Di che cosa è accaduto nello studio de L’eredità bisognerebbe fare un passo indietro e tornare alla scorsa settimana quando Insinna si è trovato a  correggere una risposta di Una concorrente che però non poteva essere sbagliata e che nel contempo pare abbia dato luogo a diverse polemiche.

Una domanda molto difficile e il chiarimento di Insinna

Pare che la domanda fosse incentrata sulla capitale di Israele, ovvero quale fosse la capitale e in quell’occasione la concorrente avrebbe risposto Tel Aviv trovandosi ovviamente davanti il conduttore che l’ha corretta dicendo che la risposta giusta era Gelusalemme. Questa domanda era però molto complicata all’origine visto che Tel Aviv è davvero la capitale di Israele ma anche Gerusalemme, che nonostante sia stata proclamata capitale, non è comunque stata riconosciuta da diversi paesi.

Sostanzialmente quindi, la risposta data dalla concorrente non era corretta ma neanche sbagliata e il conduttore si è trovato in una posizione molto scomoda tanto da essere intervenuto a distanza anche di diversi giorni. “La domanda è da considerarsi nulla ai fini del gioco… Riteniamo di non dover entrare, noi che non ne abbiamo titolo, in una disputa così delicata e ci scusiamo per averla involontariamente evocata“, ha così spiegato l’accaduto Flavio Insinna nella puntata andata in onda ieri e dunque a distanza di diversi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *