Press "Enter" to skip to content

Loredana Lecciso e il matrimonio con Albano, lei fa un passo indietro

E’ molto preoccupata Loredana Lecciso. In questo difficile autunno ha tutti i suoi figli lontani: proprio ora che ogni giorno si fa più triste con la seconda ondata della pandemia. Sicura e protetta nella splendida tenuta del suo compagno Al Bano, trascorre le giornate concedendosi dei piccoli momenti di relax, ma è sempre attenta a seguire, benché a distanza, i tre figli.

Dopo aver trascorso una bella estate in famiglia con l’uomo della sua vita, padre dei suoi figli Bido e Jasmine (la sua primogenita Brigitta è nata dal matrimonio con Fabio Cazzato), la biondissima imprenditrice leccese ha deciso che ci sono priorità più importanti di un secondo sì nella sua vita, quello al cantante di Cellino San Marco.

Felice per la nuova carriera professionale di sua figlia Jasmine, che ha intrapreso la carriera artistica del padre Al Bano, Loredana spera tanto che l’anno nuovo porti buone nuove anche per il prossimo Festival di Sanremo. La vulcanica Loredana ha sostenuto un acceso dibattito con la sorella gemella Raffaella negli studi del programma domenicale Uve non è la d’Urso, dove ha tenuto testa alle cosiddette sfere rosse, cioè contrarie, dimostrando la sua caparbietà ed intelligenza soprattutto quando ha parlato del suo rapporto con Al Bano.

Loredana, come vivi questo difficile periodo di ripresa della pandemia? Non è che io sia nuovamente preoccupata. Non sono più stata serena da quando siamo piombati in questa terribile situazione, ormai circa nove mesi fa. Anche se d’estate I dati sono stati più confortanti, io non ero tranquilla. Sapevo che non sarebbe finita. Provo una grande paura.

L’unica cosa che mi fa un po’ vedere la situazione quasi positivamente è che i medici, ora, di questo maledetto virus ne sanno di più. Sei fortunata, vivere a Cellino San Marco nella tenuta con Al Bano che ti protegge e ti conforta è un buon rimedio per superare questo momento… Certo, si sta meglio in posti isolati, in mezzo alla natura.

Di sicuro è un buon rimedio poter vivere in un posto così, ma in ogni caso non si può escludere il contatto con persone esterne, non si può non interagire con gli altri. Stare in armonia con Al Bano mi fa stare bene. Nella tenuta in Puglia vivete tu e Al Bano da soli. Sei una mamma premurosa: i tuoi figli dove sono? Dici bene. Sono premurosa e forse anche un po’ una mamma fastidiosa. Brigitta e Jasmine sono a Milano, mentre Bido è in Svizzera.

Devo confessare una cosa: con il passare degli anni, sarà l’età (e ride divertita, ndr) ma divento sempre più pesante con ì figli… crescono le paure nel saperli in giro. Presto tua figlia Jasmine, che ha intrapreso la camera musicale come il padre, sarà con lui una dei giudici del programma The voice senior 2020, condotto da Antonella Clerici.

Ti fa piacere questa sua importante affermazione? Sono molto contenta per lei, è una esperienza importante. Non mi sono intromessa in questa decisione. Mi farò raccontare tutto da lei. È bello che possa vivere una situazione così e si possa confrontare con altri artisti. Tra le tante fake news uscite di recente è stato anche detto che, forse causa Covid sarà cancellato il prossimo Festival di Sanremo.

Che cosa ne pensi? «Sono premurosa e forse anche un po ‘ mamma fastidiosa», ammette Loredana Da telespettatrice mi spiacerebbe tantissimo perché il Festival di Sanremo è un pezzo d’Italia e fa parte della storia del nostro costume. Al Bano ha pronto un pezzo davvero bello. A proposito di te e di Al Bano, è stato detto che vi sareste sposati, ma poi avete rinunciato.

Terminato questo periodo mollo instabile state pensando a questo matrimonio o… “non s’ha da fare’? Penso che oggi la priorità debba essere rivolta ai nostri figli e io mi metto tranquillamente in seconda linea. Sono molto più felice quando capita qualcosa di positivo a loro piuttosto che a me. Quando i bambini erano piccoli magari ci avrei tenuto, ora sono forte delle mie certezze. , Che cosa è la felicità per Loredana Lecciso?

La vera felicità è fatta di piccoli momenti sommati. Stare bene con se stessi e il proprio animo è già un buon punto di partenza. Anche solo bere un caffè con un’amica mi rende felice. Anno dopo anno ho capito che bisogna assaporare piccoli frammenti di gioia e saperli cogliere.

Può sembrare prematuro, ma in questo periodo di restrizioni hai già pensato a come trascorrerai il Santo Natale? Premetto che io, a prescindere dalla situazione attuale, amo da morire stare in casa. Per me il Natale è dimora, stare in famiglia, vivere momenti di serenità in mezzo alle mie cose, vedendo le persone che amo. Non ho mai sentito il bisogno di partire per festeggiare all’estero la Festa più importante della nostra cultura.