Luca Zingaretti festeggia l’anniversario di nozze

La felicità è vera solo se condivisa». Luca Zingaretti non ha mai amato troppo parlare dei suoi sentimenti, della sua sfera intima, perché è sempre stato un uomo molto riservato. Eppure, lo scorso 23 giugno, su internet ha voluto fare questa dedica importante e profonda a sua moglie Luisa Ranieri nel giorno dell’ottavo anniversario del loro matrimonio, celebrato nel 2012 nel castello di Donnafugata, una antica dimora ottocentesca nella Sicilia così amata dall’interprete del popolarissimo Montalbano.

Otto anni che, per gli esperti di matrimonio, corrispondono alle cosiddette “nozze di bronzo”, ovvero le nozze che segnano la solidità di una coppia, la maturità dei coniugi.

Un traguardo importante e per nulla scontato, per i due attori, che sono considerati una delle coppie più amate della televisione.

«Luisa dice sempre che lei e io siamo come due vasi comunicanti, e in effetti io non avrei mai saputo trovare un’immagine migliore: al riempirsi di uno, l’altro si trova sempre al pari livello», ha detto Zingaretti.
E dal canto suo, Luisa ha sempre ripetuto: «Ho avuto la fortuna di incontrare la persona giusta, che mi soddisfa in tutti gli scambi. Non ha neppure un difetto, è la perfezione».

La coppia si è conosciuta nel 2005 sul set della miniserie di Raiuno Cefalonia. A raccontare quell’incontro magico era stata proprio la Ranieri: «Mentre io ero sentimentalmente già impegnata. Luca era fresco di separazione e con tanti anni più di me, quarantatré contro i miei trentuno.

A lungo siamo stati solo amici».Poi, però, la costanza di Luca ha vinto. «Lui mi marcava stretta», ha continuato Luisa «per un anno, ovunque andassi, mi faceva trovare montagne di rose bianche».

E così, dopo un corteggiamento molto romantico, forse d’altri tempi, si sono fidanzati. «Luca è stato il mio incontro perfetto: non riuscirei mai a pensare a un compagno diverso», ha detto lei.

Un amore coronato dalle nozze e dall’arrivo di due bellissime bambine, Emma e Bianca, che oggi hanno nove e sette anni. «Diventare papà a cinquantaanni è stato come nascere una seconda volta: io sono pazzo delle mie bambine e di mia moglie», dice sempre Luca.

«Mio marito ed io ci scegliamo ogni giorno e scegliamo di essere felici», ha aggiunto Luisa. «Siamo affini e allo stesso tempo diversi. Ma coltiviamo la stessa passione per il lavoro, lo stesso modo di concepirlo».
Proprio negli ultimi tempi, infatti, il loro legame si è allungato anche nella vita professionale. Insieme, lo scorso anno, sono stati protagonisti a teatro nello spettacolo The Deep Blue Sea, che ha avuto sempre il tutto esaurito.

Poi, sempre insieme, hanno girato uno spot per una marca di pasta. E infine, tra pochissimi giorni, precisamente dal 7 luglio, tornano insieme in Puglia anche sul set di una nuova fiction con protagonista
la Rami li, lolita Dibosco, per la regia di Luca Minierò. E nel ruolo di produttore di questa nuova serie TV c’è proprio Luca Zingaretti. In questa serie Luisa va a vestire i panni di un sensualissimo commissario di polizia: così il raffronto con il commissario più famoso della TV, Montalbano, interpretato dalla sua dolce metà, è inevitabile.

Insomma, Luisa adesso sarà una sorta di nuovo commissario Montalbano “in gonnella”, anche se lei ci ha tenuto a precisare: «Lobosco e Montalbano sono due commissari all’opposto, almeno dal punto di vista caratteriale. Lolita ama investigare, questo è certo, ma tra le sue passioni ci sono anche la buona cucina, il tacco dodici e soprattutto sedurre…».

Luisa sarà dunque impegnata nella fiction mentre Luca, in attesa di rivederlo a settembre con l’ultimo capitolo di Montalbano, già girato nei mesi scorsi, si alternerà tra il set di sua moglie e il teatro: dal 4 luglio è in scena con lo spettacolo La sirena.

Nell’estate di Luca Zingaretti e Luisa Ranieri non c’è però solo il lavoro: tra un ciak e l’altro per lei e tra una rappresentazione e l’altra per lui, i due trascorreranno come sempre le loro vacanze a Pantelleria, l’isola della provincia di Trapani dove da anni hanno acquistato una casa e dove possiedono anche un piccolo gozzo, Bubetta, con il quale amano scoprire tutte le calette. «La Sicilia è da sempre nel mio cuore: è per questo che Luisa ed io l’abbiamo scelta, otto anni fa, per il nostro “sì”, che ora festeggiamo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *