Mara Venier, avete mai visto la figlia Elisabetta Ferracini

Era piacevole, certo, svernare sull’isola caraibica di Turks and Caicos, dove suo marito Nicola Carrara possiede da anni una lussuosa dimora. Ma vuoi mettere con l’adrenalina della diretta? Andare in pensione, avere a disposizione molti agi che nella serena età di mezzo rendono più lieve l’esistenza, persino per una donna vulcanica come Mara Venier poteva essere allettante.

Lei però nel cuore è rimasta la ragazza hippy che a Roma gestiva un negozietto di abiti usati a Campo de’ Fiori. Le risate coi colleghi, le interviste. il contatto con il pubblico sono il peperoncino che dà più sapore alla vita. E allora, vai con un’altra Domenica In, un altro giro di giostra, come scriverebbe Tiziano Terzani.

E vai persino con la conduzione dell’ultima serata di Sanremo, regalo a sorpresa di Amadeus. All’epoca delle fotografie in bianco e nero di queste pagine, Mara Venier da Venezia, calzettoni anni Settanta, stivali, era una bellezza esplosiva.

Tanto per intenderci: in fuga giovanissima dalla famiglia, al seguito del primo amore, colpì l’attenzione nientepopodimeno che di un mito di Hollywood: «Ci siamo trovati all’Harry’s Bar a tavola con Richard Burton. Ero seduta di fronte a lui. Io tenevo gli occhi bassi sul piatto perché lui aveva i suoi occhi magnetici piazzati… sulle mie tette! Avevo 17 anni e delle tette pazzesche».

Mara era già madre di Elisabetta, avuta appena diciassettenne dall’inquieto Francesco Ferracini, scomparso nel 2016, attore nei film “poliziotteschi” che si giravano in quegli anni: «Fu il primo con cui feci l’amore senza sapere niente di sesso. Mi abbracciò e dopo mi ritrovai con la pancia», ha rievocato Mara. Dopo il divorzio, la conduttrice è stata sposata dal 1984 al 1987 con l’attore Jerry Calà: «Ora è come il fratello che non ho avuto.

Gli voglio un bene dell’anima. Ma come marito era un disastro», ha raccontato ironica. «Corna a volontà, mi svegliavo di notte. non era nel letto e lo trovavo in discoteca. Forse abbiamo confuso questo grande affetto con altro, potevamo essere da subito fratelli».

Un altro figlio, Paolo, lo ha avuto dall’attore Pier Paolo Capponi. Super mediatica è stata la lunga relazione con Renzo Arbore. Per molti anni, dopo.tra loro non c’è stato alcun rapporto: «È lui che svicola. Non rinnego nulla. Con Renzo però c’è qualcosa di irrisolto, ci siamo lasciati ma manca una spiegazione, un chiarimento», diceva qualche anno fa.

«Quando lo chiamo, mi dice sempre che sono una  donna sposata, è lui che non vuole avere rapporti». E ancora: «Mi ha insegnato tanto, siamo stati insieme 12 anni, la voglia della Tv me l’ha fatta venire lui».

Dal canto suo. Arbore, ospite di Eleonora Daniele, diceva dell’ex fidanzata: «E stata una compagna straordinaria, mi fa molto piacere il suo successo perché lei sorride sempre, e la sua formula è proprio quella di essere sempre cosi solare. Abbiamo avuto un amore molto sorridente, siamo andati in giro per il mondo insieme e vabbè oggi è felicemente sposata. Le faccio i migliori auguri».
Finché zia Mara, con i suoi sorrisi, è riuscita a convincerlo a venire a trovarla a Domenica in, lo scorso settembre. per ricordare insieme Gianni Boncompagni.

E quando Arbore si è commosso, lo ha baciato con tenerezza sulla guancia, dando il via a un gustoso siparietto: «Ogni volta che ti commuovi, io ti bacio. Visto che sei terrorizzato dai miei baci, userò questa paura per non farti piangere». «Ho paura di Nicola (Carraro. ndr)». «Nicola chi? Ghi? Ogni volta che ci provo, lui parla di Nicola». Nel 2006. la Venier ha sposato l’uomo della svolta di vita. Nicola Carrara appunto. «Nicola è stata la persona giusta al momento giusto.

Prima di lui sono sempre stata attratta da persone che non condividevano il mio progetto d’amore, di vita normale», ha confidate!. «Ci ha presentato Melania Rizzoli. La prima sera a cena continuava a chiedermi della mia celebre pasta e fagioli perché aveva sentito della mia fama di ottima cuoca. Non capivo. Poi piano piano siamo diventati inseparabili. La prima volta che mi ha detto: “Ti amo”, io ho risposto: “Nicola, ma guarda che io sono una pesciarola”.

Non so perché. Quando Nik mi ha chiesto di sposarmi in ginocchio, mi sono messa a piangere, ho subito chiamato Walter Veltroni, allora sindaco di Roma, per farmi sposare. Sognavo un bel matrimonio». L’animo verace e vero di Mara esce quando aggiunge dettagli al racconto: «Rada Ricciarelli non voleva venire se fosse venuto Pippo Baudo, la Marini dava forfait se io avessi invitato Cecchi Gori. Allora ho detto: “Sentite ragazzi, io invito tutti quanti, poi fate come c… vi pare”».

Ma le emozioni, la conduttrice le ha vissute anche in Tv e dalla Tv è diffìcile possa prescindere,’ perché proprio il piccolo schermo le ha regalato mille facce, compresa l’ultima, almeno per il momento, quella di “zia Mara” popolarissima anche tra i giovani: «La verità è che io non ho avuto una vita. Ne ho avute otto, nove. Più dei gatti», ha detto, e infatti si è già raccontata in un’autobiografia che da vera spiritosa qual è, ha intitolato Amori della zia.

Tra questi amori, ci sono anche i nipoti, ovviamente, Giulio, 16 anni, e Claudio, 3, i figli di Elisabetta e di Paolo: «Giulio, che è un figo pazzesco, dice che sono una nonna rock. Claudietto è pazzo dei capelli biondi, lo lascio giocare con i miei. Passo dei momenti di totale felicità con loro». Insieme a loro, sicuramente, festeggerà quest’anno i suoi incredibili 70 anni, il prossimo 20 ottobre. Ma quante nonne possono vantare un book fotografico cosi sexy?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *