Press "Enter" to skip to content

Paolo Bonolis: la decisione per il futuro, tutto pronto per il nuovo anno in Mediaset?

Paolo Bonolis è pronto a ripartire con i suoi progetti in Mediaset, ma la domanda che tutti si pongono è la seguente, il conduttore ha trovato il modo per far pace con la produzione televisiva dopo quello che è successo durante la quarantena da Codiv-19?

Paolo Bonolis vs Mediaset

Questa quarantena è stata segnata dalla lunga battaglia che Paolo Bonolis ha fatto con Mediaset per via di quello che è successo durante le settimane di lock down.

La produzione aveva deciso di chiudere il programma di Avanti una altro per dare più spazio all’informazione. Una decisione che è stata gradita da Bonolis che ha subito pubblicato un comunicato stampa, spiegando quelle che erano le ragioni che avevano spinto il conduttore ad adirarsi verso una decisione che secondo lui non era stata presa nel mondo corretto. Ma, adesso, le cose come sono cambiate?

Paolo Bonolis: la decisione per il futuro

Come abbiamo avuto modo di raccontare anche in occasione della pubblicazione di articoli precedenti, i rapporti sono stati molto tesi con la produzione di casa Mediaset. Lo stesso conduttore di Avanti un altro ha spiegato che, come in un matrimonio, si litiga per poi fare pace. Dunque, possiamo affermare che il braccio di ferro è finito?

In un articolo pubblicato da Nuovo TV è possibile leggere questa indiscrezione: “I vertici di Mediaset, per tenerselo stretto, vogliono dargli un nuovo programma composto da quattro prime serate che dovrebbero andare in onda nel 2021”.

La ricetta del successo

Nel corso dei giorni scorsi abbiamo avuto modo di vedere come l’attenzione mediatica è stata concentrata sulle dichiarazioni che Paolo Bonolis ha rilasciato a TV Sorrisi e Canzoni.

In particolar modo, parlando della sua dedizione al lavoro, ecco che Paolo Bonolis parlando della ricetta del successo al settimanale dedicato al mondo della televisione fala seguente dichiarazione: “Facile. Prendete del disincanto e unitelo a una bella dose di ‘irriverenza rispettosa’. Aggiungete a ogni portata idee fresche fornite da autori come Sergio Rubino e Marco Salvati. Togliete ogni perdita di tempo e amalgamate il tutto con ritmo incalzante. Non fate mai mancare la sincerità: ‘Ciao Darwin’ guarda in faccia le brutture umane che i perbenisti fingono di non vedere”. Il conduttore di Avanti un altro, subito dopo, continua dicendo anche: “Come mia spezia personale aggiungo uno sguardo un po’ spietato. E poi, naturalmente, c’è la mia ‘brigata’ di grandi chef che cucina il programma insieme a me”.