Papa Francesco sta male, tosse e respiro affannato: disdetti tutti gli impegni

Non è un buon momento per Papa Francesco, il quale purtroppo in questi giorni ha dovuto rinunciare ad alcuni impegni e nello specifico a recarsi presso la basilica romana di San Giovanni in Laterano per la liturgia di Quaresima.

Ma cosa è accaduto al Papa? A quanto pare il pontefice è influenzato e per questo motivo ha dovuto rinunciare a portare avanti alcuni impegni. La conferma di tutto ciò sarebbe arrivata nelle scorse ore dall’Ansa.

Papa Francesco sta male, impegni annullati

“Effettivamente non andrà in Laterano, una lieve indisposizione, per cui ha preferito restare negli ambienti vicini a Santa Marta. Gli altri incontri procedono regolarmente”. Ecco le parole ufficiali del comunicato. Ma quali sono le reali condizioni di salute del Pontefice? Fortunatamente Papa Francesco sta meglio ma nei giorni scorsi è stato piuttosto influenzato e ancora adesso è molto provato e non è quindi in piena forma per poter affrontare i suoi impegni. Queste sono le notizie diffuse nella giornata di ieri mentre ancora oggi non sono arrivati gli ultimi aggiornamenti in merito alle sue condizioni di salute che comunque dovrebbero essere migliorate.

Nei giorni scorsi Papa Francesco è stato indisposto, ha avuto la tosse ed ha mostrato segni di affaticamento che lo hanno costretto quindi a rinunciare a recarsi presso la basilica romana di San Giovanni in Laterano nella mattinata di ieri, giovedì 27 febbraio. Proprio ieri era prevista infatti la liturgia penitenziale di inizio Quaresima. Inoltre, sempre nella stessa mattinata il pontefice avrebbe dovuto confessare i sacerdoti, ma sulla base delle sue condizioni di salute ha dovuto rinunciare ed il direttore della sala stampa ha diffuso un comunicato chiarendo le condizioni del Pontefice.

Le parole del direttore della Sala Stampa vaticana

“Effettivamente non andrà in Laterano”, ha confermato il direttore della Sala stampa vaticana, Matteo Bruni. “Una lieve indisposizione, per cui ha preferito restare negli ambienti vicini a Santa Marta. Gli altri incontri procedono regolarmente”, ha comunque assicurato Bruni. I primi segnali di malessere pare che fossero arrivati già nella giornata di mercoledì, quando Papa Francesco ha iniziato ad essere un po’ raffreddato, aveva la voce rauca e durante la catechesi in piazza, in molti pare avessero notato un respiro affaticato e dei frequenti colpi di tosse. Inoltre, durante l’udienza generale in piazza San Pietro che si è svolta nella giornata di mercoledì, ma anche nel corso della processione e della messa all’Aventino in occasione sempre del mercoledì delle ceneri, il pontefice era apparso piuttosto provato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *