Pensioni e Fase 2, tutte le ultime novità e le richieste degli esclusi dal Governo

Pubblicato il: 23 Maggio 2020 alle 3:52

Sono molto interessanti le ultime novità riguardanti la riforma pensioni e quella tanto attesa fase 2. Queste ci sono giunte da Gabriella Stojan Amministratrice del comitato 6000 esodati esclusi, la quale pare che nei giorni scorsi abbia voluto ripercorrere le richieste che ha ribadito ulteriormente ieri mattina nel corso della video conferenza indetta dalle organizzazioni sindacali riguardante alcune tematiche specifiche ovvero quelle della riapertura dell’ ottava salvaguardia. A questo incontro hanno partecipato anche Proietti della UIL, Ghiselli della CGIL e Ganga della CISL, i quali hanno ribadito ancora una volta il massimo impegno per cercare di perseguire la sanatoria previdenziale nei confronti del governo.

Pensioni e Fase 2, le richieste degli esclusi dal Governo

Gli esclusi dal Governo hanno così avanzato delle richiste e lo hanno fatto attraverso la Stojan. Ecco le parole da le pronunciate: “Stamattina 21 maggio ho partecipato alla videoconferenza sul tema della riapertura dell’Ottava Salvaguardia per gli ultimi Esodati indetta dalle organizzazioni sindacali CGIL – CISL – UIL, che ringrazio per la disponibilità, in particolare Roberto Ghiselli, Domenico Proietti e Ignazio Ganga.In conclusione i Sindacati hanno dichiarato il loro impegno a perseguire la nostra sanatoria previdenziale nei confronti del Governo. Mi sono presentata come coordinatrice del Comitato 6.000 Esodati Esclusi che raccoglie le istanze degli ultimi Esodati rimasti ingiustamente esclusi dall’Ottava Salvaguardia e ho ribadito chiaramente i punti fondamentali sempre portati avanti da questo Comitato”.

Quali? Il fatto che gli ultimi esodati rimossi sono ormai tutti abbondantemente over 60 che adesso sono anche a rischio covid, il fatto che i lavoratori hanno tutti gli stessi diritti, ma che nell’Ottava salvaguardia è stata fatta una discriminazione plateale sulla data della concorrenza pensionistica visto che è stato applicato il criterio del requisito previdenziale soltanto alla categoria A e a tutte le altre la decorrenza, creando una disparità fino a 5 anni tra una categoria e l’altra.

Le parole di Gabriella Stojan

La Stojan pone l’accento anche sull’Ottava che a suo dire è stata una salvaguardia mutilata visto che una parte degli aventi diritto purtroppo ne sono rimasti esclusi.”Non chiediamo fantasiose “soluzioni definitive” generiche, tamponando con altre misure pensionistiche o di tipo assistenziale. Proponendo soluzioni confuse (che raccolgono altre improbabili platee) si ottiene solo che gli interlocutori politici respingano in toto la nostra categoria e la nostra giustissima rivendicazione. La richiesta che facciamo da 3 anni a questa parte è la stessa: riapertura dei termini dell’Ottava Salvaguardia per tutte le categorie rimaste discriminate in Ottava (dalla B alla F) con estensione del requisito previdenziale al 31/12/2021″, ha dichiarato ancora la Stojan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *