Pierfrancesco Favino, miglior interpretazione maschilevinoper Padrenostro

Pubblicato il: 4 Ottobre 2020 alle 6:44

Nomadland di Chloé Zhao ha vinto il Leone d’oro per il miglior film alla 77esima edizione Mostra del Cinema di Venezia, che ha annunciato sabato 12 i vincitori. Il Gran premio della giuria è andato a Nuevo orden di Michel Franco, mentre il Leone d’argento per la miglior regia è stato vinto da Kiyoshi Kurosawa per Moglie di una spia. La giuria, presieduta dall’attrice Cate Blanchett, ha poi assegnato i premi per la migliore interpretazione maschile e femminile, la Coppa Volpi, a Pierfrancesco Favino per Padrenostro e Vanessa Kirby per Piece of a woman.

Ecco i premi principali del festival del cinema di Venezia: Leone d’oro per il miglior film: Nomadland di Chloé Zhao, Gran premio della giuria: Nuevo orden di Michel Franco, Leone d’argento per la miglior regia: Kiyoshi Kurosawa per Moglie di una spia, Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile: Vanessa Kirby per Piece of a woman, Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile: Pierfrancesco Favino per Padrenostro, Miglior sceneggiatura: Chaitanya Tamhane per The Disciple, Premio Marcello Mastroianni (a un attore emergente): Rpubollah Zamani per Sun Children, Premio speciale della giuria: Cari compagni! di Andrej Koncalovskij (Russia), Miglior film della sezione Orizzonti: The Wasteland di Ahmad Bahrami, Premio Leone del futuro per la miglior opera prima: Listen di Ana Rocha de Sousa. I look delle star che hanno calcato il tappeto rosso del Festival di Venezia, come di consueto, sono stati tra i protagonisti indiscussi della kermesse cinematografica. Cate Blanchett, madrina della serata, Anna Foglietta e la vincitrice della Coppa Volpi femminile, Vanessa Kirby si sono distinte particolarmente dalle colleghe in fatto di stile ed eleganza. Durante la serata di chiusura del Festival, la Blanchett si è trasformata in una farfalla per una sera con un abito di Giorgio Armani.

Di quest’ultimo anche l’abito della Foglietta, particolare e d’effetto e, infine, quello della nuova promessa del cinema intemazionale, Vanessa Kirby. Lei non ha rinunciato al nero ma i due toni diversi separati da un profilo oro, hanno reso il suo abito sublime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *