Raffaele Sollecito a tv8 : “sono sul lastrico, ho debiti per 1,2 milioni di euro”

Pubblicato il: 16 Ottobre 2020 alle 12:03

Raffaele Sollecito è stato ospite della trasmissione “Ogni Mattina” condotta da Adriana Volpe e Davide Camicioli in onda su tv8 , lasciando basiti milioni di italiani per le confessioni choc. Sollecito, è stato protagonista di uno dei casi di cronaca nera italiana, più problematico e controverso : il caso Meredith Kercher. Sembrerebbe per l’appunto che, nonostante l’assoluzione il giovane stia ancora pagando l’umiliazione ma soprattutto i debiti. A tv Raffaele Sollecito dichiara : “Non ho più soldi, sono sul lastrico: “ho debiti per 1,2 milioni di euro. Ho perso tutto, e devo ancora pagare i legali per l’assoluzione”.

Raffaele Sollecito : il caso Meredith e l’assoluzione

Raffaele Sollecito , è un nome noto a tutti, nonostante l’assoluzione del 2017 , l’uomo, insieme alla ex fidanzata Amanda Knox , ha scritto una delle pagine più scure della cronaca nera italiana. Il caso Meredith come sappiamo è stato un caso difficile, che ha visto in prima battuta il fermo, poi la convalida, e nel processo la condanna dei due giovani fidanzati e poi l’assoluzione per mancanza di prove.

Era il 2007 a Perugia e il giovane sollecito aveva appena 23 anni quando fu coinvolto per caso o parte nell’ omicidio. Uno sgozzamento feroce ; le cui dinamiche ad oggi sono ancora ignote. Degli anni difficili quelli del carcere,
di perdizione: dichiara Raffaele. Ma non scarni di soddisfazioni : infatti il ragazzo pare avesse conseguito dal 2007 al 2015 tre lauree di cui una specialistica in ingegneria informatica. Solo nel 2015 c’è stata la svolta per il processo in quanto il ricorso delle difese Knox e Sollecito arriva all’esame della quinta sezione penale della corte di cassazione. Nel 27 marzo i due imputati sono dichiarati assolti.

Il risarcimento per ingiusta detenzione

Non è bastata l’assoluzione però a cancellare le accuse, l’umiliazione ed il marchio da omicida. Sono tanti infatti a credere che il ragazzo sia colpevole, ed inevitabilmente sulla sua figura si è posata una aura stigmatizzata di pregiudizio che non è scomparsa, nonostante per la Corte di Cassazione fosse innocente. Ed è questo che ha lamentato Raffaele Sollecito in più interviste . A tutte queste dichiarazioni però il ragazzo, ne ha aggiunta un’altra : devo essere risarcito per ingiusta detenzione, perché sono oberato di debiti. Questo risarcimento però sembrerebbe non spettargli, in quanto , secondo i giudici del Tribunale di Genova sarebbe stato lui ad indurre in errore gli investigatori.

Un’immagine distrutta : Raffaele Sollecito si racconta

Raffaele Sollecito a tv8 ha ribadito quanto gli anni di carcere gli avessero distrutto la vita ma soprattutto l’immagine. Affermando di avere una voglia di ripartire e ricominciare, ma togliendosi prima quelli che sono “i debiti da processo”. In Italia come sappiamo la giustizia ha un prezzo importante. Ma anche il risarcimento ha un meccanismo piuttosto macchinoso e complesso. Infatti, Sollecito ha dichiarato : “In Italia se devi richiedere un risarcimento ti mandano dalla Corte che ti aveva condannato –che come sappiamo glielo ha negato” ed aggiunge : “Mi hanno distrutto la vita .”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *