Press "Enter" to skip to content

Tragedia nello Sport, travolta da un camion durante l’allenamento

Le sue foto a fine articolo. È morta a Brescia, travolta da un camion mentre era in sella alla sua bicicletta durante un allenamento, Roberta Agosti, cinquant’anni, tesserata per il Team Millennium di Brescia. L’incidente questa mattina nelle campagne di Lonato. La donna è morta sul colpo. Presente nel gruppo al momento dell’incidente anche il compagno, l’ex ciclista professionista Marco Velo e braccio destro di Davide Cassani.

L’incidente è avvenuto a Castel Venzago, tra il Santuario della Madonna della Scoperta e Lonato. A travolgere Roberta Agosti è stato un camion-cisterna per il trasporto del latte. L’arrivo dell’elisoccorso non è servito a nulla. In base ad una prima ricostruzione, la vittima stava pedalando in gruppo con alcuni amici e, appunto, il compagno, nella campagna bresciana. Il camion procedeva in senso opposto; l’avrebbe travolta in un tratto in cui la strada si restringe. Una dinamica che richiama l’incidente in cui è rimasto coinvolto Alex Zanardi.

Velo: “Il ciclismo ci ha fatto conoscere, il ciclismo ci ha separato”

“Il ciclismo ci aveva fatto conoscere, e il ciclismo ci ha separato. Stavamo bene assieme, era un anno e mezzo che ci frequentavamo, entrambi venivamo da due storie finite, e adesso mi trovo a piangere una donna che amavo e dentro di me ho solo un profondo e incontenibile sentimento di fine”.

E’ un Marco Velo “devastato” quello che a tuttobiciweb parla dell’incidente in cui questa mattina nel Bresciano è morta sotto il suo sguardo la compagna, Roberta Agosti. “Sono a pezzi, non ho parole”, aggiunge l’ex ciclista, braccio destro del ct Davide Cassani. “Eravamo in mezzo alla campagna, dove il traffico in pratica non c’è – racconta -. Avevamo proprio scelto la campagna per pedalare in sicurezza e in tutta tranquillità, eravamo un gruppetto di amici che procedeva pian pianino, non più di 23 chilometri all’ora. Salivamo su una strada all’1%, ad un certo punto sono caduti in 3 o 4, Roberta ha sbandato e si è portata verso sinistra ed è stata presa in pieno dal camion cisterna che stava procedendo in senso contrario alla nostra marcia: da quel momento è cominciato un incubo…”.

Il cordoglio sui social

Sui social in tanti hanno espresso il dolore e più ancora la rabbia per l’ennesima tragedia che coinvolge un ciclista. Ieri si è verificato un altro incidente che ha coinvolto Nicolas Chiola, giovane promessa del ciclismo abruzzese, ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Pescara. Ieri mattina, in sella alla sua bici, il diciannovenne – tesserato con il Team Stipa di Sant’Egidio alla Vibrata (Teramo), categoria under 23 – si è scontrato con un fuoristrada condotto da una donna davanti al policlinico di Chieti. Subito soccorso, è stato trasportato dal 118 in codice rosso all’ospedale di Pescara.