Alitosi o alito cattivo, attenzione può indicare gravi problemi di salute

L’alitosi o semplicemente alito cattivo, così come è solita essere chiamata è una condizione in cui purtroppo l’alito presenta un odore sgradevole ed anche persistente. Esistono alcuni rimedi che possono aiutarci a tenere sotto controllo questo alito sgradevole, come mentine, collutori, spray e gomme da masticare. Eppure, bisognerebbe indagare, visto che nella maggior parte dei casi, un persistente alito cattivo può dirci qualcosa sul nostro stato di salute. Facciamo un pò di chiarezza.

Alitosi o alito cattivo, cos’è

Quando si parla di alitosi, ci si riferisce al cattivo odore che emaniamo dalla bocca quando respiriamo ed ancora di più che è facilmente avvertibile quando parliamo. Si tratta di un problema abbastanza diffuso ed infatti si stima che circa 1 una persona su 2 ne soffra. Nonostante possiamo definirlo un disagio non indifferente, purtroppo in alcuni casi può essere anche un campanello d’allarme perchè potrebbe essere il sintomo di una patologia più grave.

Cause

In molti casi l’alitosi è causata da problemi del cavo orale. Potrebbe essere determinata da una scarsa igiene ai denti o ancora dalla presenza di afte e ulcere, ed ancora presenza di carie e altre patologie dentarie. Potrebbe in alcuni casi essere sinonimo di parodontite o ascesso. Anche il fumo, ovviamente contribuisce ad avere un alito cattivo, o il consumo di alcuni alimenti come aglio e cipolla. Ovviamente in questi ultimi due casi, l’alito cattivo tende a rientrare in poche ore. Insomma, le cause possono essere infinite. Come abbiamo avuto modo di anticipare, in alcuni casi l’alitosi però può indicare alcuni problemi di salute. Ad esempio può essere sintomo di insufficienza renale, diabete di tipo mellito e patologie di vario genere che riguardano il fegato.

Alitosi e patologie legate al fegato

Come abbiamo avuto modo di anticipare, in molti casi l’alitosi può essere determinato da una malattia al fegato. Tra i vari disturbi, una delle patologie più importanti è la cirrosi epatica. In questo caso il brutto odore emanato dalla bocca si chiama foetor hepaticus. E’ un fattore chimico. Quando il fegato è malato, non riesce a lavorare perfettamente, causando un accumulo di tossine che causano a loro volta un’alterazione di tipo metabolico. Se si soffre di alitosi, ad un ogni modo, il primo passo è sicuramente rivolgersi ad un dentista. Una volta escluso che l’alitosi sia determinato da un problema al cavo orale, è bene rivolgersi a qualche specialista e fare degli esami più approfonditi.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *