Audre Lorde chi è la paladina del femminismo afroamericano nel Google Doodle di oggi

“Oggi sono venuta come nera, lesbica, madre, guerriera, poeta … “. Inizia così i suoi discorsi Audre Lorde , nata ad Harlem, icona del femminismo afroamericano , instancabile combattente per i diritti civili, contro il razzismo e l’oppressione . La casa editrice Torremozas pubblica “The Black Unicorn “, in edizione bilingue. Un libro che viene pubblicato per la prima volta in spagnolo.

Audre Lorde (New York, 1934-Sain Croix, 1992) si considerava prima di tutto una poetessa, ma oggi è più riconosciuta per i suoi saggi, che sono ciò che l’ha portata ad essere “una voce eccezionalmente lucida del femminismo contemporaneo” , come ricorda la traduttrice del libro , Jimena Jiménez Real.

“The Black Unicorn” esplora le oppressioni di una donna lesbica nera

In spagnolo puoi trovare le sue opere in prosa più straordinarie come “Los Diarias del Cancer” , scritte dalla prospettiva che le ha dato questa malattia per aiutare altre donne. ” Zami: un nuovo modo di scrivere il mio nome” , la sua autobiografia, oppure “La sorella, la straniera: articoli e conferenze”.

Ma ora appare “The Black Unicorn “, pubblicato nel 1978, che è uno dei libri più mitici della poetessa, e in cui esplora le diverse identità e oppressioni di una donna lesbica  nera negli Stati Uniti negli anni ’70.

“ Scrivo principalmente per donne che non possono parlare , che non possono verbalizzare perché sono lì, perché siamo terrorizzate, perché ci è stato insegnato a rispettare la paura invece di rispettare noi stesse. Ci è stato insegnato a rispettare le nostre paure, ma dobbiamo imparare a rispettare noi stessi e i nostri bisogni ”, scrive Lorde.

Combattente per i diritti delle donne afroamericane 

“Lorde è una donna molto interessante , una combattente per i  diritti delle donne afroamericane e un’icona femminista negli Stati Uniti , ma la sua poesia in spagnolo non era ancora stata pubblicata.  Questo libro è l’unica raccolta completa di poesie pubblicata in spagnolo . C’era una sua pubblicazione in un’antologia in Argentina, ma non qui.

Lo scorso 8 marzo, anche il suo disegno con il suo volto è stato molto importante nelle dimostrazioni ”, dice Marta Porpetta , responsabile della casa editrice Toremozas , che sottolinea anche la difficoltà di tradurre l’opera del poeta. È una poesia molto autobiografica e complicata anche in inglese, perché, inoltre, non usa punti o virgole. “The Black Unicorn” è un libro impressionante “, aggiunge.

“Proprio – avverte il traduttore de ‘L’unicorno nero’ nell’introduzione -, la mancanza di punteggiatura e l’uso di lettere maiuscole (tra gli altri: nero con iniziale maiuscola, gentilici o nomi che designano paesi senza iniziali maiuscole … ) Questa una grammatica così particolare mira, ovviamente, a sovvertire strutture discorsive e grammaticali la cui connessione con l’ oppressione politica e sociale delle donne afro-americane   è evidente per l’autore.

“In quanto donne, alcuni dei nostri problemi sono comuni, altri no. Voi donne bianche temete che man mano che i vostri figli cresceranno si uniranno al patriarcato e testimonieranno contro di voi. Noi, invece, temiamo che i nostri vengano tirati fuori da un’auto e sparati a bruciapelo in mezzo alla strada , mentre tu volti le spalle ai motivi per cui stanno morendo. “, Ha scritto anche Lorde, che ha pubblicato undici libri di poesia.

Lorde ha fatto della poesia il materiale della sua stessa esistenza

“L’unicorno nero” è in completa armonia con la vita e il pensiero di Lorde che ha fatto poesia con il materiale della propria esistenza. “Nel centro di una città crudele e spettrale / tutto ciò che è naturale è strano. Sono cresciuto in una vera confusione / tra erba, erbacce e fiori / e niente era “colorato” / tranne i vestiti in cui non dovevano usare la candeggina / e nessuno mi chiamava nero / fino ai tredici anni.  Nessuno ha linciato la mamma / ma quello che non era / aveva imbiancato tutto il suo viso / tranne che per una furia molto privata / e questo ha fatto  che gli altri bambini / mi chiamassero un monello giallo a scuola / e quante volte mi sono chiamato nero / a scuola confusione delle mie ossa / nere … “, scrive Orde nella poesia” Outside “(Outside).             

“Siamo persone di colore che devono vivere in un’epoca in cui si percepisce lo scopo di eliminarci”

Lorde, che ha anche scritto: “Siamo persone di colore che vivono in un’epoca in cui è percepito uno scopo per eliminarci” o “Gli strumenti del maestro non distruggeranno mai la casa del padrone”, ha avuto un rapporto teso con i suoi genitori ed era la più giovane di tre figlie.

Nel 1951, dopo il suicidio della sua migliore amica e probabilmente del suo primo amore, Genevieve Thompson, lasciò la casa all’età di 17 anni, come ricorda il traduttore nella prefazione del libro. Ha svolto più lavori per pagarsi gli studi. Ha sposato l’avvocato Edward Rollins nel 1962 , era madre di due figlie, ha divorziato nel 1970.

Ha lavorato come bibliotecaria per sette anni , fino a quando ha pubblicato il suo primo libro. Poi si è innamorato di quella che avrebbe potuto essere l’amore della sua vita , Frances Louis, con la quale ha vissuto per diciannove anni dopo aver combattuto il cancro per dieci anni. Audre Lorde morì il 17 novembre 1992, all’età di cinquantotto anni , sull’isola caraibica di Saint Croix, accompagnata dalla scrittrice e attivista Gloria I. Josep, sua compagna.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *