Bari bambino di 9 anni impiccato

Bari, bambino di 9 anni impiccato nella cameretta per emulazione

Bari, un bambino di 9 anni si sarebbe impiccato nella sua cameretta. Purtroppo secondo alcune indiscrezioni arrivate in queste ultime ore, avrebbe emulato la vicenda della piccola Antonella di Palermo. Il bambino è stato ritrovato all’interno della sua cameretta impiccato. Ma cosa è accaduto? Facciamo un pò di chiarezza.

Bari, bambino di 9 anni ritrovato impiccato nella sua cameretta

Secondo quanto emerso dalle prime fasi delle indagini, il bambino di 9 anni sarebbe morto impiccato. Tuttavia in un primo momento si era pensato che la sua morte fosse legata ai social network. Dalle prime indagini era emerso che il piccolo utilizzasse il cellulare della madre per girare alcuni video e caricarli poi su YouTube. Ad ogni modo, le indagini effettuate in un secondo momento hanno palesato un’altra realtà. Sembrerebbe quindi che il piccolo non abbia risposto da alcuna sfida Social, ma avrebbe semplicemente emulato il caso della piccola Antonella. Quest’ultima è la bambina di appena 10 anni morta qualche giorno fa a Palermo impiccata.

Non voleva morire, ha emulato il gesto di Antonella

Stando a quanto emerso in questi giorni, Antonella pare avesse partecipato ad una sfida sul web ovvero la blackout Challenge. Le indagini al momento però non sono concluse e quindi si aspetta la conferma di quella che al momento è soltanto un’ipotesi. Adesso si ipotizza che il bambino di 9 anni abbia tentato di emulare la bambina di Palermo perché pare ne avesse sentito parlare in casa. Il piccolo avrebbe replicato il gesto di Antonella, facendo lo stesso gioco nella sua cameretta. Questo almeno è quanto ipotizzato al momento dalla squadra mobile. Purtroppo le conseguenze sono state terribili e soprattutto fatali, perchè il piccolo è morto dopo pochi minuti di agonia. Il bambino di certo non voleva uccidersi, ma secondo quanto riferito dagli inquirenti, avrebbe perso conoscenza per la pressione al collo ed a quel punto non ci sarebbe stato niente da fare.

Il caso della piccola Antonella

Si chiamava Antonella Sicomero, la bambina di 10 anni che una settimana fa è morta stringendosi la cintura di un accappatoio al collo. Pare che la piccola volesse partecipare ad una sfida estrema che aveva visto su Tik Tok. Proprio su questo social, avrebbe poi dovuto caricare il video. Purtroppo la bambina è morta. I suoi funerali si sono tenuti nella Chiesa della Magione, dove a maggio la piccola avrebbe dovuto fare la prima comunione. «Veramente un dramma per l’intera città che condivide il dolore della famiglia per la tragica morte di una bambina. La potenzialità enorme di un social ha fatto scoppiare una tragedia che invita tutti alla riflessione sull’uso di questo strumento». Queste le parole dichiarate da Orlando, il sindaco di Palermo.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *