Bonus Inps da 1.000 euro

Bonus Inps da 1.000 euro, a chi spetta la nuova misura?

Bonus Inps da 1.000 euro, a chi spetta? Si tratta di una nuova misura destinata alle aziende e anche agli imprenditori. Come sappiamo, l’epidemia coronavirus sta creando dei problemi non indifferenti, non soltanto dal punto di vista sanitario. In queste settimane, il governo ha annunciato il decreto Ristori 5, il quale contiene una novità molto importante in termini di soldi. Si tratta proprio del bonus INPS di €1000, una nuova misura destinata alle aziende e agli imprenditori che in quest’ultimo anno hanno si sono ritrovati ad avere difficoltà legate proprio all’emergenza sanitaria. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza e capire di cosa si tratta.

Bonus Inps da 1.000 euro di cosa si tratta?

E’ questo un ulteriore aiuto per liberi professionisti e lavoratori autonomi che sono in possesso di partita IVA e che per via delle restrizioni contro la diffusione del covid, hanno registrato un calo del proprio fatturato. Questa misura quindi sarebbe destinata soltanto ad alcune categorie di soggetti e lavoratori. Vediamo qui di seguito i principali requisiti.

Requisiti per poter beneficiare di questo nuovo bonus

Saranno beneficiari di questo nuovo bonus, coloro i quali hanno un reddito annuale che sia inferiore ai €50.000. Sarà anche necessario che la partita IVA debba essere stata aperta almeno da 3 anni. Ed ancora nei 3 anni precedenti è importante che i contributi siano stati versati regolarmente. Nel corso del 2020 inoltre il fatturato deve essere calato di almeno il 33% rispetto a 2019, un calo che deve essere stato causato proprio dalle restrizioni imposte dal governo per cercare di bloccare la diffusione del virus. Al momento non è stato ancora chiarito se effettivamente il bonus dovrà essere richiesto o se invece verrà erogato.

Bonus anche per i lavoratori autonomi non in possesso di partita Iva

In questi giorni si è anche parlato di un’altra novità. Questo bonus Inps da €1000 può essere richiesto anche dai lavoratori autonomi non in possesso di partita IVA. Ad annunciare questa grande novità, è stato l’Istituto di previdenza attraverso una circolare diffusa proprio nei giorni scorsi. L’Inps ha stabilito però che questi lavoratori sprovvisti di partita IVA, debbano comunque aver stipulato un contratto di lavoro autonomo occasionale nel periodo che intercorre dal primo gennaio 2019 al 29 ottobre 2020. Per poter usufruire di questo Bonus, questi lavoratori devono risultare iscritti alla gestione separata dell’INPS ed aver versato almeno un contributo mensile. Si rimane, quindi in attesa di capire, bisognerà presentare apposita domanda.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *