carlo conti lutto
Intrattenimento

Carlo Conti: chi è Moglie Francesca Vaccaro, vita privata, figli, carriera e moglie

Canzone segreta, così si chiama il nuovo show che andrà in onda stasera 12 marzo su Rai 1 il programma Sara condotto da Serena Rossi Il re sarà in prima serata volevo 21:25. Ci saranno tante sorprese ed ospiti molto famosi i quali provengono da un panorama artistico italiano.
Gli ospiti uno alla volta si alterneranno su una poltrona bianca scopriamo insieme Chi sono gli ospiti di questa sera spunti ci sarà l’attore Cesare Bocci, Anche l’ex calciatore Marco Tardelli, l’attrice Veronica Pivetti, il conduttore Carlo Conti, l’attore Luca Argentero infine l’attrice comica Virginia Raffaele.

Carlo Conti conduttore: la carriera del fiorentino

Nato a Firenze il 13 marzo 1961, Carlo Conti si è avvicinato al mondo della radio nel 1970 quando ha iniziato a lavorare per radio private. Questo gli ha permesso di iniziare a farsi conoscere nell’ambiente e l’amicizia con Marco Vigiani è stata fondamentale per continuare la sua carriera di spreaker. Nel 1985 è approdato in RAI per condurre il programma musicale Discoring. Un passaggio chiave per la sua avventura sul piccolo schermo, visto che nel decennio successivo si afferma definitivamente in questo ambito.

Anche il nuovo secolo si rivela fortunato per Carlo Conti, diventando il padrone del pre-serale della RAI ma non solo. Per tre stagioni consecutive ha condotto il Festival di Sanremo, edizioni che hanno scritto la storia della rassegna di canzoni italiane. Il resto è risaputo, con il conduttore fiorentino che è sicuramente uno dei punti di forza dell’emittente televisiva.

Chi è Francesca Vaccaro moglie Carlo Conti: età, figli, lavoro e vita privata

E’ nata nel 1972 Francesca Vaccaro e di professione svolge quella della costumista televisiva e della stilista. Proprio grazie alla sua passione, che già da bambina albergava in lei, e che è poi diventata il suo lavoro, ha conosciuto, lavorando in Rai, e precisamente dietro le quinte di Domenica In, il suo più grande amore, colui il quale diventerà suo marito e padre di suo figlio, ovvero Carlo Conti. E’ stato proprio 7 anni fa infatti, nel 2012 che Francesca Vaccaro ha sposato il conduttore televisivo sulle coline fiorentine. Testimone delle loro nozze è stato Leonardo Pieraccioni. Carlo Conti ha 11 anni in più della bella Francesca. Dal loro amore è nato il primogenito Matteo nel 2014.

Carlo Conti ha sempre confessato che con Francesca si è trattato di un amore a prima vista. Lei è stata la donna che gli ha fatto cambiare il suo modo di essere, facendolo passare dall’essere un Don Giovanni, come si riteneva prima di conoscerla, ad una persona che riesce a pensare solo alla propria compagna e a nessun altra.

Di lei Carlo Conti parla così: “Prima di conoscerla, ero malato di dongiovannite. Quando l’ho conosciuta, l’insopprimibile desiderio di amare più donne possibile si è trasformato nell’aspirazione ad amarne una sola. Possibilmente per sempre. Possibilmente lei. Per fortuna, la persona giusta era lì, davanti a me. E mi amava nello stesso modo. Il matrimonio è stata una conseguenza naturale. Al mattino, apro gli occhi, vedo Francesca e sono tanto felice. Le devo tutto”.

Quindi il conduttore racconta anche di suo figlio: “E’ cresciuto tantissimo e ha gli stessi tratti mediterranei, gli stessi colori miei e di Francesca. Non segue ancora i cartoni animati in Tv ma è totalmente rapito e affascinato dai videoclip. Ecco perché ora, a casa nostra, la musica non manca mai. Per tanto tempo, non ho sentito il bisogno di sposarmi e avere figli. Ma appena quel bisogno si è presentato, è successo. Una bella fortuna”.

Tanti auguri a te, tanti auguri a te, tanti auguri Carlo Conti, tanti auguri a te!»: il 13 marzo Carlo Conti soffierà su sessanta candeline. Cifra tonda, traguardo importante, tempo di bilanci. Tutti vincenti, sia sul fronte privato che professionale. Dove gli anni di carriera sono ben trentanove.

L’anno prossimo, dunque, festeggerà un altro compleanno importante, sempre “tondo”. Era il 1982 quando Carlo Conti debuttava in Tv, come conduttore, a Teleregione Toscana, alla guida di Un ciak per artisti domani. Era già molto disinvolto, alla luce della precedente esperienza in radio, dove si era affacciato quando ancora non era maggiorenne. Già all’età di sedici anni, infatti, aveva creato la sua prima emittente con un ripetitore che ricopriva un paio di condomini, oltre il suo.

E l’aveva battezzata Radio Casa. L’adolescenza di Conti è trascorsa tra la passione per la radio e gli studi in ragioneria, con indirizzo mercantile. «Andavo abbastanza bene», ha raccontato qualche tempo fa «soprattutto perché stavo attento in classe, che è secondo me il 50 per cento del successo scolastico . La maturità fu fortunata anche grazie al fatto che arrivai in barella perché mi ero rotto tibia e perone. Li mossi a compassione e fui promosso con 60/60». Dopo il diploma Conti entra a lavorare in banca come impiegato con grande soddisfazione di mamma Lolette.

Non del papà, purtroppo, che non ha mai conosciuto: il signor Giuseppe Conti è mancato quando Carlo aveva solo diciotto mesi, per malattia. Non ha mai potuto sapere quali successi il figlio avrebbe raggiunto. Successi per ottenere i quali, Carlo si è assunto un rischio non da poco: nel 1986, quando già aveva iniziato a frequentare la Rai, ha deciso di lasciare il posto fìsso al Mediocredito Toscano.

A quei tempi, come ha raccontato in vecchie interviste, lavorava in banca dalla mattina alle cinque del pomeriggio, dove si occupava di bilanci aziendali. Poi per due ore trasmetteva alla radio e nel weekend lavorava in discoteca. «Tenni duro, ma quella vita mi stava stretta, non era il mio, avevo bisogno della mia libertà e della mia indipendenza, mi pesava dover fare un’analisi di bilancio di cui non mi importava nulla e in cui non ero coinvolto emotivamente».

Così, all’improvviso, ha preso la decisione che gli ha cambiato la vita: «Ero in coda in macchina, ero arrabbiato con me stesso, mi chiedevo perché mi dovevo svegliare tutte le mattine per andare a fare una cosa che non mi piaceva. Proprio all’altezza di piazza della Libertà decisi di licenziarmi». La sua abilità con numeri e bilanci da far quadrare però potrebbe tornargli utile se si avvererà la profezia dell’attuale direttore di Rai Uno.

Di recente Stefano Coletta ha detto che Carlo sarebbe un perfetto direttore di rete, specificatamente di Rai Uno. Successione in vista? Di certo l’esperienza non gli manca: Conti è l’unico degno erede di Pippo Bando, che della Tv ha fatto la storia. Come conduttore ha un’esperienza che nessun altro collega può eguagliare: dallo spettacolo leggero, a quello più”serio”, dal grande Festival di Sanremo (ne ha presentati tre) alla serata d’onore (l’ultima, dedicata ai Ricchi e poveri a fine febbraio), dal quiz (L’eredità) al programma per esordienti (La corrida) a quello dedicato alle imitazioni (Tale e quale show), non c’è format in cui non si trovi a suo agio. E anche l’esperienza dirigenziale non gli manca, perché è stato direttore artistico di Radio Rai, oltre ad aver ideato programmi di successo come Ora o mai più, condotto dall’amico Amadeus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *