Christopher Reeve Chi era Superman del Doodle di Google? Incidente e come è morto

Google rende omaggio a Reeve per commemorare quello che sarebbe stato il suo 69° compleanno. L’attore, noto per aver dato vita a Superman nel 1978, morì di insufficienza cardiaca all’età di 52 anni nel 2004,nove anni dopo aver subito un incidente a cavallo che lo lasciò paralizzato dal collo in giù.

Nel suo Google Doodle, l’attore è raffigurato sulla sua sedia a rotelle con indosso una camicia rossa che ricorda il suo famoso costume da Superman. Dietro di esso si trova uno skyline della città e un cielo blu brillante con la parola “Google” scritta vagamente tra le nuvole.

Nella stessadichiarazione, la famiglia Reeve ha espresso i propri sentimenti nei riguardi del Doodle:“Siamo molto entusiasti che Google stia onorando nostro padre in quello che sarebbe stato il suo 69 ° compleanno. Mentre il mondo lo conosceva per la prima volta per il suo ruolo da protagonista nel film superman del 1978, è stato il suo coraggio e la sua umanità dopo l’incidente che lo hanno lasciato paralizzato che ha commosso così tante persone in tutto il mondo.

“Il nostro sogno è che il suo messaggio di speranza e ottimismo, di spingere per obiettivi considerati impossibili, e il suo esempio di sforzarsi di fare la differenza nel mondo continueranno a influenzare le persone in tutto il mondo”, ha concluso la famiglia, assicurando in seguito che la sua eredità sopravviva attraverso la Christopher and Dana Reeve Foundation.

Secondo le informazioni che circolano su Internet, che La Verdad Noticias ti porta, Christopher Reeve è caduto da cavallo durante un test di blocco stradale di una competizione equestre nel 1995, che ha causato all’attore, il cui Superman ha ispirato Wonder Woman 1984,una lesione al midollo spinale che lo ha lasciato paralizzato.

Nel 2021, il regista Zack Snyder presenterà in anteprima la miniserie “Justice League”, dove Superman sarà di nuovo sul palco. L’Uomo d’Acciaio sarà nuovamente interpretato da Henry Cavill,che ha già indossato il mantello rosso in “The Man of Steel” (2013), “Batman v Superman: Dawn of Justice” (2016) e “Justice League” (2017).

Henry Cavill indossa l'abito che sapeva essere quello di Christopher Reeve. /WARNER BROS.

Ma per convincere la Warner Bros. che Cavill avrebbe dovuto essere colui che avrebbe dovuto interpretare Superman, Snyder si rivolse agli archivi degli studios e trovò la tuta che aveva reso famoso Reeve: “Non avevamo la tuta fatta quando Henry stava facendo i test, ecco perché indossava la tuta originale di Christopher Reeve”.

Tuttavia, l’eredità più importante che Reeve ha lasciato non è sugli schermi. Nel 2005, la sua fondazione con l’Università della California è riuscita a riparare le lesioni del midollo spinale dei topi utilizzando cellule staminali dal tessuto nervoso degli esseri umani. Un supereroe.

Chi era Christopher Reeve

Reeve nel costume di Superman.

È nato il 25 settembre 1952 a New York e con il fratello Benjamin è cresciuto a Princeton, dove si è trasferito con la madre dopo il divorzio dei genitori.

Ha studiato alla Princeton Day School, ha lavorato come assistente del direttore dell’orchestra del liceo, è stato baritono nel coro della scuola e all’età di 15 anni ha fatto il suo debutto come attore sul palco del Williamstown Theatre Festival.

La sua formazione accademica e artistica è proseguita presso la prestigiosa Cornell University,dove è stato uno dei due attori selezionati per studiare arte drammatica alla Julliard School diNew York. L’altro era Robin Williams,con il quale ha stretto un’amicizia indissolubile.

Reeve è stata un’attrice teatrale e ha fatto il suo debutto a Broadway nel 1976 nella commedia “A Matter of Gravity” al fianco di Katharine Hepburn. Tuttavia, il suo lavoro nei consigli di amministrazione non era redditizio e considerò di abbandonare la recitazione per lavorare con suo padre. Ma proprio in quel momento ha saputo di un’audizione per il ruolo di un supereroe.

Reeve era biondo, ma decise di tingersi i capelli di nero e nascose i suoi occhi azzurri dietro gli occhiali per arrivare al casting nella pelle di Clark Kent. Quando il regista Richard Dooner lo vide, gli diede immediatamente il ruolo.

“Superman” (1978) è stata la produzione più costosa nella storia del cinema all’epoca ed è diventato un fenomeno globale che ha moltiplicato il suo budget al botteghino di sei volte e Reeve ha ricevuto un dolce plauso della critica per la sua performance.

Superman vola attraverso il cielo di New York nel film del 1978. (AP)

“Per questo avevi bisogno di un grande attore, proveniente dal teatro e con una presenza fisica, come Reeve. Quando vola, non lo fa solo con gli effetti speciali, vola con il viso, con lo sguardo… E quando è Clark Kent, è con tutto il suo corpo”, ha detto Arturo González-Campos, comico e autore del libro “Marvel, quanto sei bella!”, nelle dichiarazioni raccolte da El País de España.

Aggiunge: “Il film ha creato lo stampo di come dovrebbe essere realizzato un film di presentazione di supereroi, molti anni prima che questo fosse un genere normale nel cinema”.

Reeve indossò il costume di Superman in altri tre sequel, l’ultimo nel 1987 e divenne una star globale. Ma poi ha iniziato la sua lotta per disaddle con il personaggio ed evolversi come attore.

Com’è stato l’incidente

Reeve nel ruolo di Clark Kent

Reeve era apparso in film come “The Reporter on 42nd Street”, “Noises Off” e “What a Day’s Left”, tra gli altri lavori, ma il suo volto al pubblico era ancora quello di Clark Kent.

Fino al 27 maggio 1995 tutto è cambiato. Un pomeriggio di primavera si recò nella piccola città di Culpeper, in Virginia, per partecipare con altri 300 cavalieri a un percorso a ostacoli equestre sul dorso di Buck, il suo cavallo purosangue.

Reeve era sempre stato molto irrequieto: era un eccellente nuotatore, un appassionato di hockey su ghiaccio, un pilota autorizzato e anche un amante dell’equitazione. Aveva un fisico privilegiato di 1,93 metri e sembrava scolpito nella pietra.

Ma nel bel mezzo della competizione, mentre si avvicinava a un salto a tripla barra, Buck si fermò sulle sue tracce e Reeve fu gettato dalla schiena dell’animale. Cadde a capofitto dall’altra parte dell’ostacolo.

Come rivelato dal New Yorker,se l’attore fosse caduto un centimetro più a sinistra, sarebbe morto sul colpo; ma se l’avessi fatto un centimetro a destra,è probabile che avrei lasciato la pista come se nulla fosse accaduto.

Il colpo ha causato molteplici lesioni al midollo spinale e lo ha lasciato paralizzato dal collo in giù. Aveva 42 anni. Le ferite erano così gravi che sua madre ha pregato i medici di rimuovere il suo ventilatore. “Ha fratture nella prima e nella seconda vertebra cervicale con danni alla colonna vertebrale”, è stato uno dei primi rapporti medici pubblicati dalla stampa dopo l’incidente.

Reeve aveva bisogno di assistenza per respirare per il resto della sua vita. (AP)

Quando Reeve si svegliò, i medici lo informarono che era “impossibile” per lui riacquistare la mobilità. E l’attore ha pensato di porre fine alla sua vita.

Fu una frase di Dana, la sua seconda moglie, che in seguito avrebbe dato il nome al suo libro di memorie (“Still me”),che lo fece aggrappare alla sua aspettativa di vita: “Ti dirò una cosa, ti sosterrò in tutto ciò che vuoi fare, perché è la tua vita e la tua decisione. Ma voglio che tu sappia che sarò con te per sempre, per tutta la vita, fino alla fine. Tu sei ancora te stesso e ti amo”.

Pubblicata nel 1998, la biografia è rimasta per undici settimane nella lista dei bestseller del New York Times e ha vinto un Grammy per la sua versione parlata.

L’eredità di un super uomo

Christopher Reeve e sua moglie Dana. (AP)

“Mio fratello minore, Will, aveva tre anni al momento dell’incidente, ma papà gli ha insegnato ad andare in bicicletta semplicemente dandogli istruzioni”,ha detto Matthew, il figlio maggiore di Reeve, che ha preso le redini della fondazione dopo la morte di suo padre e Dana nel 2006.

Reeve riapparve per la prima volta in pubblico dopo l’incidente alla cerimonia degli Oscar del 1996. Ed è ricordato come uno dei momenti più emozionanti nella storia dei premi. “Quello che forse non sapete è che ho lasciato New York a settembre e sono appena arrivato a Los Angeles questa stessa mattina”,ha detto nel suo discorso facendo appello all’umorismo.

Reeve è diventata un’ispirazione per i suoi sforzi per superare il suo stato e si è concentrata sul lavoro incessante per migliorare la qualità della vita delle persone che vivono con la paralisi.

Nel 1999 ha creato la “Christopher & Dana Reeve Foundation”,un’organizzazione senza scopo di lucro che è riuscita a raccogliere più di 130 milioni di dollari per la ricerca di diversi trattamenti e offrire borse di studio per oltre 30 milioni a diverse organizzazioni locali.

Inoltre, ha fatto campagna per la causa nel Congresso degli Stati Uniti e ha condotto campagne di sensibilizzazione sulle difficoltà di coloro che vivono con disabilità. Ci sono più di 100.000 persone e familiari che hanno beneficiato del loro lavoro.

Reeve a una conferenza a Washington. (AP)

Nei suoi ultimi anni è riuscito a migliorare la sua qualità di vita recuperando il movimento in un dito e la sensazione nelle gambe. E ha continuato a lavorare come regista e come attore: ha partecipato al film “The Window in Front” e alla serie “Smallville”, dove si è riunito con un giovane Clark Kent.

Ad ogni modo, il suo corpo si deteriorò e i suoi muscoli iniziarono ad atrofizzarsi. È diventato incline alle infezioni e nel 2004 è stato trattato con antibiotici per ipotensione causata da sepsi. Ma il farmaco gli ha dato una reazione allergica, ha subito un infarto ed è entrato in coma. Ore dopo è morto. Aveva 52 anni.

“È un onore continuare il lavoro iniziato da mio padre. Rimase una figura magnetica, più grande della vita. Era adorabile, divertente e socialmente attivo. Inoltre, non si è preso un giorno libero combattendo per più dollari per la ricerca. La gente dice di lui che era davvero Superman,ma ha sottolineato che la capacità di sopportare, il potere di amare, tutti ce l’hanno”, ha detto Matthew Reeve, che ricorderà di nuovo suo padre questo ottobre quando saranno 16 anni dalla sua partenza.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *