Calcio

Dove e come vedere Venezia Roma streaming gratis diretta live tv Sky o Dzan? Serie A ore 12.30

Ci siamo tutto pronto in campo Ci sono Venezia contro la Roma. Come ogni evento sportivo tantissimi appassionati che non possiedo nessun abbonamento Premium si recano su Internet per cercare un sito web che trasmetti legalmente la partita, Ovviamente nel suo sito può trasmettere la partita perché è provvisto di diritti. Tantissimi altri siti web danno la possibilità di vedere on-line la partita ma illegalmente. Inoltre su questi siti si corre il rischio di prendere virus.

Dove e come vedere Venezia – Roma

Il match  Venezia – Roma non sarà trasmessa in Tv in chiaro. Le due squadre scenderanno in campo alle ore 12.30 di oggi, sabato 7 novembre. La partita sarà, quindi, trasmessa in esclusiva in Tv su Sky, collegandosi ai canali SKy Sport, Sky Sport Action e Sky Sport 4k, ai canali 253, 206 e 213. Sarà possibile, ancora, seguire il match in streaming, su dispositivi mobili portatili come Sky go, Infinity + e Now, dove si potrà anche acquistare il tagliando della singola partita. Il match non sarà comunque visibile in streaming gratis.

a chi dice che solo «magro è bello»? Di certo non José Mourinho, scopertosi in anemia di reti segnate. Così, parlando di un attacco della Roma che ha realizzato 19 gol in campionato (settimo reparto offensivo della Serie A) proclama l’ottimismo di chi presto festeggerà un risultato «più ciccio». L’occasione per riprovarci è stamattina contro il Venezia, squadra peraltro che sta dimostrando di essere più brava a difendersi che ad attaccare, tanto da avere realizzato appena 8 reti, peggio di tutte le altre formazioni del campionato.

Testacoda tiri Vietato sorprendersi, visto che i ragazzi di Zanetti sono ultimi anche per tiri verso lo specchio della porta (92). E indovinate chi c’è al primo posto di questa speciale classifica? Proprio i giallorossi di Mourinho, con 187 conclusioni verso la porta avversaria.

Segno che, al momento, la precisione non è tra le doti della Roma, tanto che lo Special One “promuove” in questa graduatoria di prolificità solo tre giocatori: Ibanez, El Shaarawy e naturalmente capitan Pellegrini, capocannoniere della squadra, che oggi torna a disposizione, dopo l’assenza di giovedì contro il Bodo in Conference League. «Gli unici giocatori – dice Mourinho, apparso nervoso in conferenza – che hanno segnato un numero di gol adatto alla loro posizione sono Ibanez, che da difensore centra le ha fatto i suoi gol, Pellegrini da centrocampista ed El Shaarawy che, pur non giocando sempre dall’inizio, ha fatto diverse reti.

Tutti gli altri sono calciatori che hanno potenzialità, capacità e gioco, senza cui non ci sono possibilità di segnare, ma è una questione di momenti. Abrahamè lo stesso giocatore che è arrivato e ha fatto bene nelle prime partite. Tornerà a segnare, non è un problema». Antidolorifici Ma se Mourinho spende belle parole anche per Mayoral, ex “reietto”, tutto però ruota intorno a Pellegrini che, mostrando un ammirevole attaccamento alla maglia, dovrebbe giocare stringendo i denti e imbottito di antidolorifici perché il ginocchio sinistro gli dà ancora fastidi per via di una infiammazione, che comunque non lo terrà fuori neppure dalle convocazioni azzurre.

Le 8 reti stagionali, d’altronde, lo hanno santificato come cannoniere di una squadra che segna in dosi omeopatiche. «Paragonando gol fatti e occasioni create, c’è una contraddizione–ammette infatti l’allenatore portoghese – . Ci sono squadre che creando pochissimo e giocando molto meno, magari fanno un’occasione e un gol; noi invece facciamo più fatica non nella costruzione ma a tradurre in gol le situazioni che creiamo. Sarebbe però più preoccupante non avere nessuna occasione, non avere dominio. In qualche partita le cose cambieranno, segnando tutto quello che costruiamo presto avremo un risultato più “ciccio”. Quindi, un po’ di pazienza. Cambio modulo Pazienza che, almeno per oggi, il tecnico non dovrebbe avere nei confronti di Zaniolo. Sia l’attaccante azzurro che Mkhitaryan, capitano dell’Armenia, oggi potrebbero cominciare il match dalla panchina.

L’idea, infatti, dovrebbe nascere innanzitutto dal momento di appannamento che stanno vivendo i due giallorossi. Non che Abraham stia brillando, ma affiancandogli un’altra punta di peso come Shomurodov, è possibile che l’inglese in questo modo trovi più spazio. Tutto questo, tra l’altro, sarebbe propiziato dall’emergenza che affligge la fascia sinistra della difesa. Spinazzola, infatti, difficilmente tornerà prima di gennaio («ci siamo quasi», ha scritto ieri l’azzurro sui social),Viña accusa una lesione all’adduttore che lo terrà fuori almeno una decina di giorni e nella rifinitura si è fermato anche Cala fiori (salterà l’Under 21). Morale: l’idea di un passaggio alla difesa a tre, con Kumbulla ripescato tra i titolari dopo il “purgatorio” della tribuna, non è affatto peregrina. Questa semi-rivoluzione, naturalmente, allontanerebbe dalla porta Pellegrini rispetto al recente passato, ma il capitano non fa drammi, soprattutto in un momento così difficile, in cui la priorità è quella di difendere quel quarto posto che garantisca una sosta di campionato in zona Champions League. Psicologicamente, sarebbe un dato non banale, ma molto dipenderà anche da un Venezia che fin qui sta facendo bene. Nel casinò delle belle speranze, perciò, anche per loro è lecito sognare un risultato che porti a due settimane da vivere col sorriso.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *