Franco Battiato: Chi è, età, figli, moglie, compagna, carriera, biografia, vita privata, nipote e fratello

Il cantautore e regista Franco Battiato è morto all’età di 76 anni nella sua residenza di Milo, in Sicilia, come confermato dalla sua famiglia a Il Corriere della Sera e Il Mattino .

È nato in Ionia il 23 marzo 1945. Artista difficile da classificare, ha attraversato diversi stili come compositore e cantautore, dal rock alla ballata. Artista multidisciplinare, ha dedicato i suoi talenti anche all’opera, alla pittura e al cinema. Nella sua lunga carriera sono state raccontate canzoni indimenticabili come La cura o Centro di gravità permanente .

Battiato è cresciuto in un piccolo paese della provincia di Catania, in Sicilia. Si diploma al Liceo Scientifico Archimede de Acireale e, alla morte del padre, si trasferisce a Roma e poi a Milano all’età di 22 anni. Ha lasciato gli studi di musica e ha iniziato a suonare la chitarra in un locale chiamato 64 Club, dove ha presentato il suo primo spettacolo solista in cui ha salvato canzoni popolari siciliane.

Tra il 1972 e il 1975 ha registrato le sue prime canzoni con l’etichetta Bla Bla, ma non è stato fino al 1981 quando ha pubblicato La voce del padrone , una canzone che lo pone come la nuova voce della canzone italiana, e che ha venduto più di un milione copie in un ano. Il salto di qualità gli permette di fondare, poco dopo, una casa editrice e un’etichetta discografica con cui collaborerà per tutti gli anni 80. Nel 1987 pubblica una nuova hit, Nomada , che gli valse uno status unico in Europa e gli consentì di registrare un doppio album tra Madrid, Milano e Parigi intitolato Giubbe Rosse .

Nel 1993 Franco Battiato pubblica Caffè de la Paix , definito “miglior album dell’anno” dalla stampa specializzata italiana. Due anni dopo pubblica l’album L ‘ombrello e la macchina da cucire , registrato dal vivo durante una tournée che lo porta dall’Italia al Libano. L’anno successivo, il suo lavoro L’imboscata rese popolare una delle sue canzoni più memorabili: La Cura .

Artista multidisciplinare e instancabile, negli anni ’90 Franco Battiato ha composto l’opera e negli anni 2000 ha diretto i suoi film. Ha debuttato nel cinema con Perduto amor nel 2003 e ha presentato in anteprima film come Musikanten (2006) e Nada es lo que rese (2007). Nel 2015 ha girato il videoclip Franco Battiato: Le nostre anime con Alba Rohrwacher e Luca Marinell.

Nel 1999 pubblica l’album Fleurs , a cui seguiranno nel nuovo secolo Fleurs 2 e Fleurs 3 , oltre ad album come Dieci stratagemmi (2004), Apriti sesamo (2012), Joe Patti’s Experimental Group (2014) e infine Le nostre anime. (2015).

Il suo debutto come regista

Con il nuovo millennio Battiato, da sempre camaleonte, esordisce come regista con Perduto amor , film tratto dalla sua isola, la Sicilia, in cui sorvola i suoi ricordi giovanili con il suo pensiero metafisico. Due anni dopo stava preparando il suo secondo lungometraggio, Musikanten , sugli ultimi giorni della vita di Ludwig van Beethoven, e pubblica anche un nuovo album, Ferro Battuto (2001).

Molto legato alla madre Grazia, scomparsa nel 1994, la vita privata di Battiato è sempre stata discreta. Non si sposò né ebbe figli e compose come un eremita nella sua casa di Milo, nel calore della roccia vulcanica. Nel suo libro paga artistico, il cantautore non ha ignorato la politica, argomento che affronta in canzoni come Bandiera bianca o Radio Varsavia , come oppositore del “berlusconismo”. È stato anche ministro del Turismo e dello spettacolo nella Regione Sicilia nel 2012, nelle mani del centrosinistra, ma finisce per cessare dopo aver definito i parlamentari italiani “puttane disposte a tutto” e dicendo che i politici “farebbero meglio di aprire un bordello “.

Le sue canzoni sono state tradotte in numerose lingue, anche in spagnolo. Il suo ultimo album è uscito nel 2019, con quattordici versioni sinfoniche di alcuni dei suoi inni più ricordati e uno inedito. In effetti, suonava come un addio, anche se il titolo prevedeva il contrario: Torneremo ancora (torneremo ancora), una promessa che non è stata mantenuta, anche se in realtà il maestro non se ne andrà mai del tutto.

L’Italia in lutto per la morte di Franco Battiato

La morte di Battiato ha sconvolto martedì il suo paese natale, pianto dalla scomparsa di uno dei suoi musicisti più poetici e originali. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è stato “profondamente rattristato dalla prematura scomparsa di Franco Battiato, artista colto e raffinato che con il suo inconfondibile stile musicale – frutto di intensi studi e sperimentazioni febbrili – ha affascinato, ancor di più, un vasto pubblico. . oltre i confini nazionali “.

“Un Maestro ci ha lasciato. Uno dei più grandi della canzone d’autore italiana. Unico, inimitabile sempre alla ricerca di nuove espressioni artistiche. Lascia un’eredità eterna”, ha detto il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, niente di più. notizia.

Il mondo della politica è stato il primo a ricordarlo sui social, con messaggi di stima ed emozione, come quello dell’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha scritto: “E il mio maestro mi ha insegnato quanto sia difficile trovare l’alba dentro il tramonto. Arrivederci Maestro. “

“Il mio sincero e profondo rammarico per la scomparsa di Franco Battiato. Maestro. Poeta. Signore della musica e delle parole. Ci mancherà”, ha twittato David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, mentre il ministro degli Esteri Luigi Di Maio lo considera “uno dei migliori artisti italiani, che nella sua lunga carriera ha saputo sperimentare e plasmare la musica come nessun altro “.

Gli hanno voluto ricordarlo anche altri celebri conduttori televisivi, come Fabio Fazio (“A te caro Franco, con il cuore colmo di tristezza dedico il mio silenzio al ricordo delle emozioni e dei sorrisi che mi hai regalato”) o Simona Ventura (” Il più grande poeta contemporaneo. Dopo tante sofferenze, possa la terra essere morbida per te “). E anche dal Vaticano, il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, lo ha ricordato su Twitter con il verso di una sua canzone: “… Com’è difficile trovare l’alba nel tramonto (Franco Battiato, RIP) “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *