News

Johannes Vermeer chi è? Pittore olandese de “La ragazza con l’orecchino di perla”

(Delft, Paesi Bassi, 1632-id., 1675) pittore olandese. La documentazione che è disponibile oggi sembra dimostrare che Vermeer non era un pittore famoso ai suoi tempi, nonostante ai nostri giorni sia considerato la grande figura del XVII secolo olandese, dopo Rembrandt. Probabilmente, ciò che gli piace di più della sua arte è il tema insolito, la forza della composizione e l’uso di pochi colori, chiari e luminosi.

Fatta eccezione per una visita a L’Aia nel 1672 per fungere da testimone in una causa, trascorse tutta la sua vita a Delft, dove apparteneva alla corporazione dei pittori, che diresse due volte. Si ritiene, tuttavia, che non si dedicò mai professionalmente alla pittura, ma che gestisse l’ostello ereditato da suo padre e l’attività di mercante d’arte anche lasciò in eredità da suo padre. Le Lattaie (c. 1658), di Johannes Vermeer

Nel 1653 sposò Caterina Bolnes, appartenente ad una ricca famiglia cattolica, dalla quali ebbe undici figli. La necessità di sostenere una famiglia così numerosa le impediva di godere di sufficienti aiuti economici, come dimostra il fatto che, un anno dopo la sua morte, la vedova ha chiesto di essere dichiarata insolvente.

Le sue opere, probabilmente realizzate per il puro piacere della pittura, raffigurano scene di vita quotidiana, di solito interni con una o due figure e alcuni oggetti, catturati con pennellate dense e pastose e con un’illuminazione che esalta l’effetto dell’intimità e conferisce alla scena un certo alone di mistero. Pochissime delle sue creazioni si discostano da questa linea generale (alcune scene religiose e mitologiche), che è di gran lunga la più apprezzata dell’artista.

A causa del rigore della prospettiva e dei riflessi, è stato suggerito che avrebbe potuto usare una camera oscura per produrre le sue opere. Creazioni molto notevoli sono anche gli unici due paesaggi della sua mano che si conoscono, in particolare la Veduta di Delft, opera che supera le conquiste dei migliori paesaggisti dell’epoca.

Com’era la cultura di Johannes Vermeer?

Di Johannes Vermeer non è noto la sua esatta data di nascita, si sa solo che fu battezzato come cristiano nella chiesa protestante Nieuwe Kerk della città di Delft il 31 ottobre 1632, con il nome di Joannis. Dei suoi fratelli era il secondo figlio, e unico figlio, di Reynier Jansz e Digna Baltens. Suo padre proveniva da Anversa, e si trasferì nel 1611 ad Amsterdam, lavorando come tessitore di seta, un mestiere allora tipico della classe media.

Il lavoro e il commercio che suo padre svolgeva come attività che in seguito ereditò nel 1652, e poiché anche suo padre apparteneva ufficialmente alla corporazione di San Luca di Delft come mercante d’arte, permise a Johannes Vermeer di incontrare pittori come Pieter van Steenwyck, Balthasar van der Ast e Pieter Groenewegen.

Vermeer van Delft suo padre, anche se proveniva da una famiglia protestante, sposò una giovane donna cattolica di nome Catherina Bolnes nell’aprile del 1653. Ebbero 15 figli, la famiglia della moglie era più ricca dei Vermeer. Così, a quanto pare in seguito si convertì al cattolicesimo perché i suoi figli portavano i nomi del santo cattolico. Inoltre, uno dei suoi dipinti, chiamato L’Allegoria della Fede,riflette la fede nell’Eucaristia, che non è noto se si riferisce alla fede di Johannes Vermeer. Andarono poi a vivere nella casa della madre di Catherina, Maria Thins, una vedova di buone condizioni economiche che viveva nel quartiere cattolico della città, quindi Johannes Vermeer avrebbe vissuto lì con tutta la sua famiglia per il resto della sua vita. Maria giocò un ruolo fondamentale nell’opera del pittore perché non solo fu la prima nipote a lui intitolata, ma usò anche la sua posizione economica per raggiungere la fama di suo suocero nel mondo dell’arte.

Com’è stato lo sviluppo dell’opera di Johannes Vermeer?

Ci sono pochissime informazioni sugli studi che ha fatto come pittore. Per quanto è noto, entrò a far parte della corporazione di San Luca il 29 dicembre 1653 come pittore libero. Per diventare membro doveva avere una formazione di almeno sei anni. È stato anche dimostrato che aveva contatti con Gerard ter Borch. È stato anche ipotizzato che fosse un allievo di Carel Fabritius,che a sua volta era stato educato nella bottega di Rembrandt. Questa ipotesi fu poi accettata a partire dal XIX secolo, e il giornalista Théophile Thoré la difese ed è ancora diffusa. Anche se, al momento, la sua veridicità è messa in dubbio. Invece, Pieter de Hooch, che visse a Delft tra il 1652 e il 1661, è spesso menzionato come una delle principali influenze di Johannes Vermeer,poiché lo stile raffinato eprofilato di Hooch può essere riconosciuto nella pittura costumbrista di Johannes Vermeer.

Perché il lavoro di Johannes Vermeer è importante?

Johannes Vermeer sebbene sia attribuito al barocco, mostra un’importante differenza nelle sue opere che lo allontanano dal barocco comune. Queste differenze sono ad esempio l’atemporalità e la cristallinità, avvicinandosi a Jan Van Heyk,questo perché i suoi dipinti hanno meno ornamenti, la sua tecnica è asettica, con un’aria cristallina, pulita, purificata e senza tempo come fermarsi nel tempo in un momento chiaro ed eterno. Il suo lavoro è quasi unico in quanto è molto personale e quindi è difficile inquadrarlo in uno stile. Allo stesso modo, è definito come austerità cristallina e fedeltà ossessiva, lontano dal barocco comune. Così, Johannes Vermeer come nelle perle che adornano le ragazze che ha rappresentato, senza rendersene conto, rappresenta la fragilità della vita in ritratti che sembrerebbero piuttosto iperrealistici, anche se di un meditatissimo e ancora iperrealismo profondamente intimo, scoprendo che in alcuni dipinti a partire dal Barocco, si avvicina al tenebrismo manierista caravagiano, molto apprezzabile nella Ragazza con turbante.

Com’è stato lo sviluppo e la tecnica di Johannes Vermeer?

I suoi dipinti sono caratterizzati dall’essere di un realismo fotografico nel XVII secolo. È considerato un pittore illusionista, molto avanzato. Inoltre, si ritiene che avesse familiarità con la scienza ottica del suo tempo e che probabilmente usasse lavorare uno strumento ottico noto come camera oscura. Pertanto, questa camera oscura fornisce un’immagine abbastanza accurata della realtà visibile, diminuendo la luce l’esatta proporzione della sua forma e colore è preservata nelle cose. Pertanto, i suoi dipinti sono intravisti così perfettamente, che è come se i fenomeni visivi fossero catturati e presentati senza l’intervento di un architetto umano. Tuttavia, ci sono tracce di pittura monocromatica come schizzo negli stessi dipinti, come se in una prima fase del dipinto, Johannes Vermeer si fosse orientato sulla composizione, luci e ombre, con colori semplici, e quindi applicato gli strati definitivi di colore.

Quali sono le opere principali di Johannes Vermeer?

Il lavoro di Johannes Vermeer continua a ispirare dopo 350 anni dalla sua morte. Le sue opere includono lavori con giovani donne e sebbene fosse un mercante d’arte come suo padre, è sempre stato considerato più di un pittore. Lavorava solo su commissione e non più di due o tre opere all’anno. Ha creato 45 dipinti durante la sua vita. I più importanti sono evidenziati di seguito:

Cristo nella casa di Marta e Maria

La storia era un tema frequente nella pittura nel XVI secolo, poiché rifletteva bene il problema delle buone opere segnalato dai protestanti, che le consideravano un’azione superficiale e per le apparenze. Questo dipinto fu dipinto tra il 1654 e il 1655, e Johannes Vermeer si ispira al Vangelo di San Luca per la sua realizzazione. Pertanto, è narrato in letteratura come l’invito che Gesù riceve a mangiare a casa di Marta e mentre lei prepara il cibo, Maria ascolta Gesù. Marta vuole l’aiuto di Maria e Gesù risponde: “Marta, Marta, sei preoccupata e ti perdi in mille cose: ne basta una sola. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta. Pertanto, la composizione è semplice rispetto ad altre opere successive e sotto forma di piramide. Marta, con un cesto di pane in mano, si trova dietro Gesù, che è seduto su una sedia e la cui testa è circondata da una debole aureola. In primo piano c’è Mary seduta su uno sgabello, con la testa appoggiata in mano. Il gesto di Maria dovrebbe indicare una riflessione. Come segno di devozione a Gesù, non indossa scarpe. Il braccio teso di Gesù che indicava Maria era per esprimere che aveva deciso l’attività migliore.

In quest’opera Vermeer impiegò forti contrasti di colore tra il bianco della tovaglia e il rosso del corpetto di Maria, così come il blu della toga di Gesù.

Diana e i suoi compagni

Quest’opera fu dipinta intorno al 1655-1656. Alludendo a Diana, che ha anche ricevuto il nome di Artemide, è la dea greca della caccia particolarmente casta. Nell’arte, Diana era raffigurata in un abito corto o in un bagno nudo, tuttavia Johannes Vermeer la raffigura vestita, secondo la concezione puritana del tempo in cui la nudità è rifiutata. Così, la ninfa seminuda dietro Diana, mostra le spalle all’osservatore. Allo stesso modo, il dipinto è di poca azione, con due ninfe sedute accanto a Diana su una pietra, una è sullo sfondo e osserva mentre l’altra lava i piedi di Diana. Questa azione è legata alla lavanda religiosa cristiana dei piedi di Gesù. La scena si verifica durante il tramonto, a causa delle ombre sui volti delle donne. L’oscurità e la fascia a forma di luna crescente sono un’espressione di Diana che viene scambiata per Selene, dea della Luna. Nella critica d’arte del dipinto a Diana e ai suoi compagni sono stati attribuiti fallimenti, specialmente nella rappresentazione delle posizioni, quindi c’è il sospetto che Vermeer non sia il suo autore.

Il vicolo e la vista di Delft

Johannes Vermeer dipinse paesaggi urbani per commissioni pubbliche o private, e raramente dipinse per il libero mercato. Ciò ha reso il prezzo della pittura di paesaggio più costoso. Già nell’esecuzione del dipinto, della Veduta di Delft che fu dipinta intorno al 1660 o 1661, Johannes Vermeer probabilmente lo fece appoggiandosi a una camera oscura da un piano alto. Quando lo si dipinge dall’alto, la vista si riflette nelle figure nell’angolo in basso a sinistra. Quindi, il dipinto mostra una vista della città con il fiume Schie in primo piano. È così che in questo dipinto è evidente che Johannes Vermeer ordina gli elementi architettonici in modo diverso dagli altri pittori, li colloca parallelamente al bordo della tela, a differenza degli altri, che cercano di trasmettere la vita interiore della città con strade che vanno in profondità.

Un’altra differenza nell’ordine del dipinto, sono i piani, poiché ha posto in primo piano all’interno della composizione, un’area triangolare della riva del fiume, che rappresenta una tendenza frequentemente utilizzata, ad esempio nel dipinto Veduta del Zierikzee di Esaias van de Velde. Allo stesso modo, i dipinti di Johannes Vermeer si differenziano da quello usato per colorare il paesaggio, usando i colori ocra e marrone. Ebbene, sugli edifici in ombra in primo piano e sugli scafi delle navi, ha posto dei puntini colorati per rappresentare la struttura delle giunture e degli intarsi. Allo stesso modo, la luce funziona non solo in senso paesaggistico, ma anche incorporando un messaggio politico con la sua composizione. Così introduce tra le nuvole la luce che illumina soprattutto gli edifici che si trovano sullo sfondo e la torre della Nieuwe Kerk. Indica con questa illuminazione della torre della chiesa, una dichiarazione politica poiché, nella Nieuwe Kerk era la tomba di Guglielmo d’Orange, ucciso in un attacco nel 1584 a Delft, considerato un eroe della resistenza contro la Spagna.

L’alcahueta

Questo dipinto è stato realizzato nel 1656, è il primo dipinto di Johannes Vermeer che può essere incorniciato all’interno del dipinto costumbrista. Questo dipinto affronta il tema sociale della prostituzione, ispirato all’omonimo dipinto del pittore Dirck Van Baburen in possesso di sua suocera, Maria Thins. Il carciofo può essere incluso nella categoria dei dipinti del bordello, che sono una sottocategoria della pittura tradizionale. La tela mostra quattro persone, due donne e due uomini in scene che potrebbero essere incorniciate sia come bordello che come scena domestica. Nel primo caso, la donna a destra sarebbe una prostituta e l’uomo dietro di lei sarebbe un magnaccia. La donna vestita di nero sarebbe stata il magnaccia, che avrebbe organizzato l’attività. Così in questo lavoro vengono presentate anche due caratteristiche dei suoi dipinti, i piani del tema artistico e sociale collegati come un messaggio. Pertanto, dalla tecnica, la composizione produce un senso di lontananza dalla scena nell’osservatore. Dal sociale, come i dipinti tradizionali, trasmette valori, che quasi sempre contengono avvertimenti.

La ragazza con la perla

Quest’opera è conosciuta anche con i titoli di Ragazza in turbante, La Gioconda olandese e La Gioconda settentrionale ed è considerata uno dei capolavori del pittore Johannes Vermeer realizzati tra il 1665 e il 1667. Come suggerisce il nome, utilizza un orecchino di perla come punto focale. Così in recenti scritti su Johannes Vermeer si evidenzia che l’immagine era una tronie, un nome dato in Olanda nel XVII secolo alle effigi peculiari e / o espressive, di uso decorativo, che non dovevano essere un ritratto identificabile e che i pittori producevano per dimostrare la loro perizia. Pertanto, nell’opera evidenzia il contrasto del colore e l’espressione della ragazza. Questo miglioramento è dovuto al differenza tra uno sfondo molto scuro e ciò che si può vedere del corpo vestito della ragazza. Cioè, il tenebrismo quasi caravagiano si riflette, anche se senza gli atteggiamenti drammatici dello stile, in modo che venga mantenuta la tranquillità tipica e cristallina che caratterizza la maggior parte delle opere di Johannes Vermeer. Il dipinto si trova attualmente nel Museo Mauritshuis dell’Aia.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *