John Lennon chi è? Età, moglie, figli, causa morte, biografia, carriera, Imagine, Yōko Ono e Beatles

John Lennon,il cui nome completo era John Winston Lennon, nacque nella città inglese di Liverpool il 9 ottobre 1940 (al tempo dei bombardamenti tedeschi durante la seconda guerra mondiale) e non ele un’infanzia facile. Suo padre, Fred Lennon, era un marinaio che abbandonò la sua famiglia quando nacque John. Sua madre, Julia Stanley, lasciò il piccolo John alle cure di sua sorella Mimi e di suo marito, George Smith, che non aveva figli. A quel tempo il bambino aveva solo 4 anni.

Sebbene la madre di John andasse a vivere con un altro uomo, con il quale aveva un altro bambino, cercava spesso di visitare il figlio maggiore per mantenere qualche contatto. Tra le poche cose buone che sua madre gli ha lasciato c’è la sua passione per la musica. Fu lei che gli insegnò a suonare la fisarmonica e l’armonica e che gli comprò la sua prima chitarra. Da bambino poteva passare ore e ore a suonare accordi imitando i suoi idoli dell’epoca, in particolare il re, Elvis Presley. Quando aveva 14 anni, suo zio George morì e dovette vivere da solo con sua
zia Mimi, che era determinata a far ricevere a John un’educazione tradizionale.

Gli inizi musicali di John Lennon

La biografia di John Lennon racconta che all’età di quindici anni si unì ad amici di nome Ivan Vaughan, Eric Griffiths, Pete Shotton, Len Garry, Colin Hanton e Rod Davis. Insieme hanno creato un gruppo chiamato “The Quarrymen“, con il quale hanno suonato alle feste nel loro quartiere. In questo piccolo gruppo Lennon cantava e suonava la chitarra. Hanno eseguito canzoni di gruppi britannici dell’epoca e versioni che hanno fatto di altri artisti.

Studiò Belle Arti per volere di sua zia Mimi, anche se ciò che gli piaceva di più era viaggiare per i quartieri della città alla ricerca di posti dove suonare canzoni rock and roll. Ma dal momento che sua zia non era del tutto sicura di avere un futuro molto rock, la esortò a proseguire gli studi di design pubblicitario. Suonando ad un’esibizione dei Quarrymen incontrò un giovane di nome Paul

McCartney,che si avvicinò al gruppo con la sua chitarra per accompagnarli. Ben presto andò d’accordo con Lennon e divennero buoni amici. Data l’abilità chitarristica e la conoscenza musicale di Paul, John si offrì di partecipare alla band. Accettò e portò un altro amico che suonava anche la chitarra, un certo George Harrison. All’età di diciassette anni, ricevette la notizia che sua madre era stata investita in un incidente.

Sebbene lei lo avesse abbandonato da bambina, continuarono a vedersi occasionalmente e la sua morte fu un trauma per John che costò la guarigione. Si aggrappava al rock e al suo gruppo musicale come un’ancora di salvezza per mantenere una stabilità emotiva che poteva essere spezzata in qualsiasi momento. A quel tempo incontrò una giovane donna di nome Cynthia, con la
quale ebbe una relazione burrascosa piena di gelosia e alcol. L’insicurezza di John e la paura di perderla l’hanno portata a recitare in scene piuttosto spiacevoli, come schiaffeggiarla in pubblico.

La nascita dei Beatles

Dopo un’esibizione in un bar di Liverpool, John ha escogitare il progetto che il nome del gruppo doveva essere cambiato. Stavano mescolando diversi nomi, in particolare insetti, e alla fine venne loro in mente di rinominare il gruppo come The Silver Beatles,con i quali fecero un tour in Scozia. Tornati a Liverpool decisero di abbreviare il nome e chiamarsi semplicemente “The Beatles”.
Nell’agosto del 1979 i Beatles ottennero un contratto per suonare sei settimane nella città tedesca di Amburgo. Poiché non avevano un batterista nel gruppo, scelsero Pete Best, che li accompagnò in questa avventura.

Al loro ritorno a Liverpool continuarono a suonare occasionalmente in luoghi come il Casbah, il locale gestito dalla madre di Pete Best. Ma fu dopo un’esibizione al The Cavern,un luogo riservato a musicisti professionisti, principalmente jazz e skiffe, che la sua fama aumentò considerevolmente. Dopo quella prima esibizione tornarono diversi giorni, principalmente per la sicurezza e l’energia che mostrarono sul palco e per la loro estetica rocker che avanzò ciò che sarebbe venuto dopo. A poco a poco i Beatles stavano espandendo le loro esibizioni al The Cavern e infine il posto specializzato nei suoni rock che hanno portato quello e altre band. Un anno dopo hanno ripetuto l’esperienza tedesca con una nuova serie di esibizioni ad Amburgo, in particolare nel Top Ten Club.

Fu in questo periodo che i membri dei Beatles iniziarono a sperimentare droghe, principalmente anfetamine e altri stimolanti che li aiutavano a rimanere in piedi durante lunghe sessioni musicali. Tornati a Liverpool, continuarono le loro esibizioni in The Cavern, fino a quando un

ragazzo di nome Brian Epstein, proprietario di un negozio di dischi, offrì loro un contratto di performance. Epstein li ha guidati in termini di come dovrebbero apparire nelle loro esibizioni e del repertorio che dovrebbero eseguire. Ha anche ottenuto loro una registrazione per l’etichetta Decca, a Londra, anche se alla fine questo test non si è materializzato in un album.
Dopo questa piccola delusione, nell’aprile del 1962 tornarono ad Amburgo per esibirsi allo Star Club. Questa volta la loro retribuzione sarebbe stata più alta rispetto alle precedenti occasioni e in Germania hanno già lasciato il segno come gruppo che sarebbe andato lontano.

Primo contratto

Buona fortuna sarebbe arrivata per i Beatles al loro ritorno a Liverpool. Il loro manager Brian Epstein ha ottenuto un’audizione con un George Martin,produttore della EMI Records. Hanno eseguito diverse canzoni proprie e alcune versioni e dopo poche settimane, hanno ricevuto la notizia che erano sotto contratto con Parlophone, una sussidiaria della EMI.
Per adattare il gruppo, John, Paul e George decisero di passare al batterista, poiché non erano contenti del lavoro di Pete Best. Per sostituirlo contattarono Ringo Starr,che aveva già occasionalmente sostituito Pete. In questo modo i Beatles sono stati composti con quella che sarebbe stata la loro formazione definitiva: John Lennon, Paul Mccartney, George Harrison e Ringo Starr.

Nell’agosto del 1962 John sposò la sua fidanzata Cynthia, che era rimasta incinta. Sia il matrimonio che la gravidanza sono stati affrontati quasi segretamente per volere di Epstein, che ha pensato che non sarebbe stata una buona idea far sapere che uno dei giovani del gruppo di moda era sposato. Pochi giorni dopo il matrimonio la band registrò il loro primo singolo con i Parlophone, “Love me do”, con le tensioni dell’inesperienza. Dopo diverse riprese, il singolo è stato finalmente rilasciato il 5 ottobre.

I Beatles promossero il loro singolo su tutte le stazioni radio. Registrarono sessioni per la BBC e si esibirono al fianco di Little Richard. Tornarono ad Amburgo per alcuni giorni, ma il singolo non finì per entrare nelle prime posizioni di vendita. Lungi dall’essere intimiditi, hanno continuato a esibirsi nel circuito dei club promuovendo “Love me do”. Alla fine di novembre registrarono un secondo singolo agli Abbey Road Studios.

La canzone scelta fu “Please please me”, che apparve nel gennaio dell’anno successivo, entrando al numero diciassette delle classifiche britanniche, per salire al secondo posto in poche settimane.
Il 22 marzo 1963 fu pubblicato il primo album dei Beatles,intitolato ” Please pleaseme”, registrato in sole dieci ore l’11 febbraio. L’album conteneva otto tracce composte da Lennon e McCartney e sei cover di altri artisti.

“Please Please me” si è rivelata una vera e propria bomba musicale ed è riuscita a rimanere per 29 settimane in cima alle classifiche britanniche. L’8 aprile, il primo figlio di John Lennon e Cynthia nacque a Liverpool, nel bel mezzo di un’estenuante promozione dell’album che le permise a malapena una rapida visita per incontrare suo figlio.

Il suo matrimonio con Cynthia e, naturalmente, la nascita di suo figlio sono rimasti nella più stretta segretezza su raccomandazione dei manager del gruppo. Nonostante ciò, le molestie della stampa hanno scoperto ciò che era inevitabile sapere, ed è stato così che Cynthia e Julian Lennon sono venuti alla luce. Non c’erano più impedimenti per loro di vivere con John nel suo appartamento di Londra.

Il prossimo passo dei Beatles nel mangiare il mondo fu quello di salire a bordo degli Stati Uniti. E lo hanno fatto attraverso la grande porta, con la loro partecipazione due volte al programma stellare della televisione americana, “The Ed Sullivan Show”. In quel paese sono state riprodotte le scene che già conoscevano nel Regno Unito: giornalisti dietro ogni passo che hanno fatto e fan sull’orlo del parossismo in ogni apparizione dei loro idoli.

Era quella che veniva chiamata la “Beatlemania” Di questi mesi di follia fu realizzato un film intitolato“A hard day’s night”,un documentario di finzione in chiave umoristica in cui si trattava di mostrare com’era un giorno nella vita dei Beatles. Inoltre, in questo periodo Lennon scrisse un paio di libri, “In His Own Write” e “A Spaniard in the Works”, con racconti, poesie e disegni dell’autore stesso, spesso surreali e senza significato apparente.


Dopo aver registrato diverse nuove tracce, la sua prossima
uscita è stata un film intitolato “Help!”. Nel 1965 ricevettero l’Ordine dell’Impero Britannico.
Tra il 1964 e il 1965 pubblicarono diversi album, come ” Beatles for sale “, ” Help ” e ” Rubber soul “.
Hanno offerto una moltitudine di concerti e spettacoli in televisione e la storia si è ripetuta ogni volta: dove sono andati i Beatles, sono apparsi migliaia di fan pazzi.
Questi album contenevano canzoni famose come ” Help!” “, ” Yellow Submarine ” o ” Yesterday “, la canzone più reinterpretata nella storia della musica.

Fu in questo periodo che John Lennon iniziò a considerare che forse i Beatles non erano ciò che lo interessava di più a livello personale, dal momento che tagliarono fuori le sue preoccupazioni creative verso un tipo di musica molto “leggera” per quello che forse voleva esprimere. Aspirava ad assomigliare di più al suo idolo Bob Dylan.
All’inizio del 1966 Lennon iniziò le sue prime incursioni con l’LSD. Forse a causa della noia o della stanchezza dei tour, il fatto è che il consumo del farmaco ha iniziato a essere notato nelle cose che i membri del gruppo hanno fatto e detto. Come quando John dichiarò che i Beatles erano più famosi di Gesù Cristo, il che genere una grande polemica con la comunità cattolica.

Nello stesso anno esce un nuovo album dei Beatles, “Revolver”, e un anno dopo “Sgt. Pepper Lonely Heart’s Club Band”, uno dei lavori più importanti dei quattro di Liverpool.
Nel 1967 Lennon partecipò ad una commedia nera intitolata “How I Won the War“.

Per il suo ruolo ha dovuto radersi i capelli e usare bicchieri rotondi di vetro che, curiosamente, sarebbero stati il suo segno distintivo in futuro. Al suo ritorno a Londra dopo le riprese del film, Lennon incontrò un paio di volte un’artista concettuale giapponese di nome Yoko Ono.

A metà del 1966 i Beatles misero da parte le loro esibizioni dal vivo, stanchi della loro immagine di idoli di massa e che la loro musica non suonava negli stadi come avrebbero voluto. Nell’agosto del 1967 la morte improvvisa del suo manager e amico Brian Epstein lasciò i Beatles impantanati nell’incertezza. Era lui che si occupava di tutto, noleggiando tour, organizzando eventi, gestendo i diritti degli album e dei concietos… Nelle parole di Lennon, quella era la fine.

Fortunatamente, Paul McCartney prese le redini del successivo album della band, ” Magical MysteryTour“, un film psichedelico che non fu molto ben accolto. Hanno anche formato la società Apple Corps, attorno alla quale hanno riunito tutte le loro attività, con la collaborazione del loro amico Peter Brown.

Divorzio e relazione con Yoko Ono

A ottobre Lennon e Yoko Ono erano già in una relazione di “più di semplici amici” e il matrimonio di John con Cynthia stava iniziando a fare acqua, poiché l’artista prestava sempre meno attenzione a sua moglie. Dopo le vacanze di Cynthia in Grecia, si ritrovò al suo ritorno da John a casa con Yoko. Quello fu il momento in cui la sua vita cadde completamente in dis(s).
Poco dopo quell’incidente, Lennon presentò a Cynthia i documenti per il divorzio. Aveva trovato qualcosa in Yoko Ono che non aveva ottenuto dalla sua relazione con Cynthia e voleva essere libero di sviluppare quell’amore. Nel maggio 1968 i Beatles si unirono per lavorare al loro prossimo album, noto come ” White Album “. Sfortunatamente per il gruppo, Lennon decise di partecipare alle sessioni di registrazione accompagnato da Yoko Ono. Gli attriti erano evidenti, soprattutto perché Ono, lungi dal rimanere in un ruolo di spettatore, voleva anche essere la protagonista della registrazione, cercando di lasciare il segno.

Quell’anno l’esposizione della coppia formata da John Lennon e Yoko Ono fu costante. Alcuni accusarono i giapponesi di diffondere le sue follie al Beatle, come posare nudi, ma la verità è che quando Lennon era con lei faceva quello che voleva, senza valutare le norme sociali. Il 29 novembre 1968 pubblicarono un album intitolato “Unfinished Music No.1: Two Virgins” (il primo in
cui apparve senza i suoi amici di Liverpool) e la copertina mostrava entrambi completamente nudi. Hanno poi realizzato un film per la televisione austriaca intitolato “Rape”.

A letto come protesta per la pace

Il 20 febbraio 1969 John Lennon e Yoko Ono si sposarono finalmente a Gibilterra e trascorsero del tempo a Parigi per celebrare la loro luna di miele. Successivamente, accadde uno degli eventi più ricordati nella biografia di John Lennon. Insieme a Yoko Ono hanno deciso di trascorrere un’intera settimana nel letto della suite presidenziale dell’hotel Hilton di Amsterdam, tra il 25 e il 31 marzo, in segno di protesta contro la guerra del Vietnam.

Per far conoscere il loro atteggiamento, hanno invitato tutti i media nella suite.
Il 27 maggio dello stesso anno rifissero un secondo letto di una settimana, questa volta a Montreal (Canada), al Queen Elizabeth
Hotel. La peculiare forma di protesta ha ricevuto aspre critiche in molti paesi, principalmente negli alleati degli Stati Uniti, ma ha anche vinto l’applauso di molti cittadini che non erano d’accordo con la guerra che si stava svolgendo in un paese così lontano. Durante questa seconda protesta fu registrata la canzone “Give Peacea Chance “, che fu presa come inno da un’intera generazione che protestava contro la guerra in Vietnam.

 Nel 1969 l’economia dei Beatles era già piuttosto pietosa. Le spese mangiavano le entrate generate dai suoi album e la deriva che la vita di Lennon aveva preso finì per stravolgere quella di tutti i membri del gruppo. Il presunto leader del gruppo ha trascorso la giornata tra la droga e la creatività del gruppo era diminuita notevolmente. Il secondo album di Lennon e Ono, intitolato “Unfinished Music No.2: Life with the Lions”, apparve nel maggio 1969 e nel dicembre apparve il terzo, “Wedding Album”, tutti di natura sperimentale.

Quest’ultimo includeva interviste e conversazioni della sua protesta per la pace di Amsterdam. Quello stesso anno del 1969 John Lennon creò un gruppo chiamato “The Plastic Ono Band“, con l’idea che sarebbe stata una band di supporto nelle esibizioni di Lennon e del suo partner e che sarebbero stati musicisti che entravano e se ne andavano senza essere fissati. In questa formazione suonarono musicisti come Eric Clapton,Klaus Voorman, Alan White, Billy Preston, Ringo Starr o Phil Spector,tra gli altri artisti muschos e la loro prima esibizione fu al Toronto Festival di quell’anno. Nel dicembre dello stesso anno esce l’album “The Plastic Ono Band” con le registrazioni raccolte a Toronto.

Ultimi album e separazione dei Beatles

Ma mancava ancora qualche importante lavoro dei Beatles. Nell’agosto del 1969 pubblicano l’album “Abbey Road”, la cui copertina mostra i quattro membri che attraversano il famoso incrocio zebrato che dà il titolo all’album e in cui migliaia di persone hanno voluto ripetere la scena. Questo album ha venduto più di quattro milioni di copie in due mesi. Nel maggio 1970 appare l’ultimo album dei Beatles,il tredicesimo, intitolato ” Let it Be “, sotto la

produzione di Phil Spector, e include forse il tema più rappresentativo del gruppo britannico. La canzone “Let it be” è stata composta da Paul McCartney, anche se nei titoli di coda è firmata da McCartney e Lennon, in base all’accordo entrambi hanno dovuto firmare congiuntamente qualsiasi canzone composta da uno di loro.
John Lennon lasciò i Beatles nel settembre 1969, quando il gruppo stava negoziando un nuovo
contratto. Accettò di non rendere pubblico il suo abbandono fino a quando le trattative non fossero state chiuse, ma il debutto solista di Paul McCartney e l’essere il primo a dire che stava lasciando i Beatles affossarono l’accordo e crearono una grande quantità di disagio tra John e Paul.

Il palcoscenico americano

Dopo la separazione dei Beatles, John Lennon e sua moglie si stabilirono negli Stati Uniti, dopo aver ottenuto un visto dalle autorità, che lo avevano bandito per uso di droghe e la sua lotta contro la guerra del Vietnam. Lì ha registrato il suo primo album, a casa, un album totalmente personale e senza i legami del suo precedente gruppo o etichette discografiche. Il titolo scelto fu “John Lennon/Plastic Ono Band” e includeva la canzone “Mother”, che Lennon aveva composto in onore di sua madre.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *