Ludwig Guttmann chi è il medico che inventò i Giochi Paralimpici

La storia di Ludwig Guttmann, il medico tedesco ed ebreo che inventò i Giochi paralimpici, non fu facile. Suo padre morì in un campo di concentramento e sua sorella in una camera a gas. Tuttavia fu in grado di sfuggire a questa tragedia.

Era intorno all’anno 1939 che il medico tedesco Ludwig Guttmann, fu in grado di fuggire dalla Germania nazista di Adolf Hitler e raggiungere il Regno Unito, dove divenne una persona chiave per quelli che oggi conosciamo come Giochi paralimpici.

Grazie al suo lavoro come neurochirurgo in uno dei principali ospedali tedeschi, Guttmann ricevette un visto per rifugiati e una borsa di studio per stabilirsi con sua moglie e due figli a Oxford, dove continuò le sue ricerche sulle lesioni del midollo spinale.

Seconda guerra mondiale

Fu durante la seconda guerra mondiale, quando la vita di Guttmann cambiò radicalmente e divenne un rivoluzionario nella ripresa dei feriti, per lo più feriti dalla guerra stessa.

Grazie al suo riconoscimento come riferimento nella neurochirurgia, il governo britannico chiese a Guttmann nel 1944 di creare e sviluppare il reparto di lesioni del midollo spinale nell’ospedale di Stoke Mandeville,una piccola città situata un’ora a nord-ovest di Londra.

"<yoastmark

Per Gutmann, era fondamentale garantire che i pazienti con disabilità conse svolgessi una vita normalizzata.

La maggior parte dei suoi pazienti erano soldati di guerra, che venivano in ospedale per vedere passare i loro ultimi giorni di vita.

L’aspettativa di vita per una persona con lesioni al midollo spinale era inferiore a due anni (40 anni), ma Guttmann riuscì a cambiare radicalmente quella statistica grazie ai risultati della sua ricerca, dove scoprì che lo sport adattato poteva svolgere un ruolo di primo piano.

“Iniziamo con ex soldati, prima con semplici giochi come dardo, biliardo o una sorta di bowling. È lì che ho visto i pazienti reagire, non solo fisicamente, ma anche psicologicamente”, ha spiegato il britannico nazionalizzato in germania in un video della BBC.

Grazie a questi miglioramenti, Guttmann riuscì a incorporare lo sport adattato nei suoi trattamenti in modo che le lesioni del midollo spinale avessero una migliore e più alta qualità della vita. Questo portò ai primi Giochi Paralimpici a Stoke Mandeville nel 1948.

Tiro con l’arco adattato

Nei primi giochi, che si sono svolti parallelamente alle Olimpiadi di Londra, 16 atleti hanno partecipato a un’unica modalità: il tiro con l’arco.

A Rio de Janeiro c’erano più di 4.000 provenienti da 170 paesi, una crescita che riflette quanto sia stato importante il contributo di Guttmann e dell’ospedale di Stoke Mandeville,che è sempre rimasto fedele alle sue radici e promuove lo sport come strumento per aiutare i suoi pazienti.

Phillip Lewis

Uno dei primi atleti paralimpici di loro, Phillip Lewis, che partecipò alle Paralimpiadi del 1964 e del 1972, sottosociò l’importanza del medico nella loro vita.

“Ludwig Guttmann era piuttosto severo con il suo team e i suoi pazienti”, ha detto a BBC World Lewis, che ha trascorso 10 mesi a Stoke Mandeville perché si è fratturato il collo in un incidente d’auto all’età di 24 anni.

ludwig guttmann juegos paralimpico

I Giochi Paralimpici sono nati ufficialmente a Roma nel 1960, quando si sono svolti parallelamente alle Olimpiadi della capitale italiana.

“Ma dietro tutto c’era un affetto enorme. Ti ha fatto avere perseveranza, voleva il meglio per te e dovevi trovare un modo.

Tanni Grey-Thompson,uno dei migliori atleti paralimpici britannici del Regno Unito, ritiene che tutte le persone con disabilità siano in un modo o nell’altro, secondo il medico tedesco.

“Era convinto che dovevo vivere una vita normale. Ha continuato con la sua idea in un momento in cui la gente probabilmente immaginava che fosse un po ‘pazzo credendo che i disabili potessero essere fisicamente attivi”, ha detto alla BBC Mundo Grey-Thompson, un 11 volte medaglia d’oro paralimpica.

Istituto Guttmann

In Spagna c’è uno dei più importanti centri di neuroriabilitazione in Europa, l’Institut Guttmann.

Guillermo GonzálezLa storia dell’Institut Guttmann è il risultato della tenacia e dello sforzo di Guillermo González Gilbey (1926-1987), di Jerez che rappresentava l’azienda di famiglia gonzález byass a Barcellona, subì un incidente stradale nel 1958 che lo lasciò tetraplegico.

Dopo aver sperimentato di persona la mancanza di cure mediche e riabilitative adeguate nel nostro paese, González Gilbey si è recato in Inghilterra per le cure. Lì, grazie alle tecniche sviluppate dal Dr. Ludwig Guttmann,scoprì che era possibile raggiungere il grado di riabilitazione necessario per recuperare una vita attiva e soddisfacente nonostante i grandi limiti fisici, e quando tornò a Barcellona promosse la creazione di un centro ospedaliero specializzato dove altre persone con una lesione del midollo spinale potessero ricevere a Barcellona le loro stesse cure riabilitative specializzate.

Il suo entusiasmo e la sua volontà hanno reso possibile, il 27 novembre 1965, l’inaugurazione a Barcellona del primo ospedale in Spagna dedicato al trattamento e alla riabilitazione completa delle persone colpite da una lesione del midollo spinale. Situato nel quartiere di La Sagrera, il nuovo ospedale è stato chiamato in onore del Dr. Guttmann.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *