Matilda, morta a 2 anni. Ricorso respinto: «Nessun colpevole». L’avvocato ”Giustizia negata”

Non c’è un colpevole per la morte di Matilda, la bambina uccisa a due anni nel 2005 a Roasio, nel vercellese. I giudici della Quinta Sezione penale della Cassazione ieri sera hanno dichiarato inammissibile il ricorso presentato dai legali della madre di Matilda, Elena Romani già assolta in via definitiva, come sollecitato dal sostituto procuratore generale della Suprema Corte.

l ricorso era stato presentato dai legali della donna contro la sentenza di assoluzione dell’ex compagno Antonio Cangialosi pronunciata dalla Corte di Assise di Appello di Torino. «Resta l’amarezza per non aver dato giustizia a Matilda – sottolinea l’avvocato Roberto Scheda legale insieme al collega Tiberio Massironi di Elena Romani – Resta un caso di giustizia negata, dove nessuno è responsabile della sua morte. Ora la scienza ci spieghi quelle lesioni al fegato, ai reni e a una costola. Sedici anni dopo non c’è stata giustizia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *