Michael Schumacher come sta: spunta una foto inedita e spiazza tutti “E’ irriconoscibile”

Si torna a parlare di Michael Schumacher, soprattutto dopo che in questi giorni sul web è apparsa una fotografia del tutto inedita dell’ex pilota. Ebbene, il sette volte campione del mondo di Formula 1 pare che stesse salutando e la reazione dei fan è stata piuttosto importante.

Michael Schumacher, tutti sentono la sua mancanza

È da tanto tempo che Michael Schumacher è lontano dalle scene e su di lui se ne sono dette davvero di tutti i colori ma in realtà non sappiamo effettivamente come sia ad oggi. Ricorderete come nel 2013 l’ex pilota di Formula 1 sia rimasto vittima di un incidente a Mèribel. Avendo riportato delle gravi conseguenze Michael è stato costretto a subire diversi interventi e da quel momento purtroppo su di lui non si sono avute più notizie se non attraverso qualche amico e qualche dichiarazione rilasciata dalla moglie.

Su Twitter appare una foto inaspettata dell’ex campione con un bambino biondo, chi è?

Come abbiamo già avuto modo di anticipare però, sembrerebbe che in questi giorni sul web sia apparsa una fotografia di Michael Schumacher. Si tratta di una foto apparsa su Twitter dove Michael è insieme ad un bambino Biondo che mostra già di avere una grande personalità. Il bambino in questione è Supermax che è cresciuto proprio tra i box della Formula 1. Per chi non lo avesse ancora capito si tratta delle figlie di Joss verstappen che ha corso per ben sette Team differenti ed è stato anche compagno di squadra di Schumacher nel 1994. Questa foto è stata del tutto inaspettata e sicuramente ha fatto tanto piacere non soltanto ai fan di Michael Schumacher ma anche di Verstappen.

Il ricordo di Max Verstappen

I due campioni sono stati Infatti molto amici oltre che compagni quando erano sotto contratto con la Benetton di Flavio Briatore. Negli anni lo stesso Max Verstappen ha raccontato qualche aneddoto su Michael ricordando che per lui era lo zio Michael. Inoltre nel corso di alcune interviste sembra che il neo campione del mondo olandese abbia voluto ricordare alcuni momenti trascorsi insieme all’ex ferrarista ed anche ai suoi figli Mick che ora è nella formula 1 e Gina. Il giovane ha voluto anche ricordare alcuni momenti vissuti sui kart con papà Jos e Zio Michael. Erano a due posti. Michael con Mick o Gina, mio padre con me. E quando la situazione diventata pericolosa, loro riprendevano subito il controllo“.

(Hurt Hermuelhlheim, Germania, 1969) Pilota tedesco di Formula 1, il più vincente nella storia della specialità: con i suoi sette titoli mondiali ha superato i cinque del mitico Fangio ed è diventato considerato il miglior pilota di tutti i tempi. Nel 1994 vince il suo primo titolo mondiale con il team Benetton, diventando all’età di venticinque anni il più giovane campione della categoria regina del motorsport, con sedici giorni in meno del brasiliano Emerson Fittipaldi. Ha ripetuto il trionfo nel 1995 e, dopo essere passato alla Ferrari, è stato proclamato campione del mondo in cinque stagioni consecutive(2000-2004).

Figlio del proprietario di una pista di kart, all’età di quattro anni suo padre gli regalò un’auto a pedali e, poco dopo, gli fu montato un piccolo e vecchio motore. Michael Schumacher si è allenato con quel dispositivo per un po ‘, fino a quando suo padre gli ha regalato un vero kart, con il quale all’età di quindici anni è stato proclamato campione junior di Germania. Ha poi vinto molte altre competizioni in questa categoria, come il Campionato Tedesco ed Europeo Senior nel 1987.

Nel 1988, con una monoposto, è stato campione della Formula Koning tedesca. I successi (ha vinto 10 gare su 11) lo hanno portato lontano dall’aula e sono stati impiegati nell’officina meccanica della concessionaria Volkswagen nella sua città natale. Nello stesso anno ha gareggiato nella Formula Ford 1600, conquistando il secondo posto nel Campionato Europeo e il sesto nel Campionato del Mondo.

Nel 1989 è stato promosso in Formula 3, un campionato in cui è stato superato solo dal suo connazionale Karl Wendlinger. Quei buoni risultati servirono come lettera di presentazione per entrare nel Junior Team della Mercedes, una squadra che rappresentò nel Campionato del Mondo Sport Prototipi nel 1990, formando una coppia proprio con Wendlinger, che superò nelle vittorie.

Nel 1991 ha fatto il suo debutto in Formula 1, al Gran Premio del Belgio, con il permesso della Mercedes. Giocò quella gara solo con la squadra irlandese, poiché il direttore dell’ancora nuovo team Benetton, Flavio Briatore,con il quale avrebbe formato un duo eccezionale, lo ingaggiò per la squadra italiana, dove dovette fare i conti con il tre volte campione brasiliano, Nelson Piquet. Il tedesco è riuscito a superare il brasiliano in alcune prove, ma la mancanza di esperienza ha avuto il suo pedaggio su di lui in alcune gare, ottenendo solo quattro punti in sei Gran Premi. Tuttavia, Briatore ha detto senza esitazione: “È quello che stavo cercando, un giovane, giovanissimo pilota ambizioso. Sarà campione”.

Luciano Benetton aveva rilevato il team automobilistico nel 1989. Alcuni credevano che fosse solo un capriccio dell’imprenditore della moda, ma in cinque anni la sua auto ha offuscato la magia delle auto d’epoca: McLaren, Williams o Ferrari. Il segreto, circa cinquanta milioni di euro di budget annuale e duecento dipendenti che lavoravano a ritmi high-tech nella città britannica di Enstone, vicino a Oxford. Tra gli allenatori c’erano Tom Walkinshaw, ex direttore della Jaguar, e il manager della squadra, lo spagnolo Joan Villadelprat.

L’atterraggio di Schumacher alla Benetton vanificò i piani della Mercedes, che aspirava a un trionfale ritorno in pista. Il marchio stellare voleva addestrare piloti tedeschi. A tal fine aveva sviluppato un meticoloso piano di lavoro per selezionare i più dotati e formarli in tutti gli aspetti. E Schumacher non avrebbe dovuto perdere tempo mentre era lì, come si evince da queste parole di ringraziamento: “Mi piacerebbe un giorno essere il suo primo pilota. Come tedesco, se fossi libero, sarei molto felice di unirmi a loro per lavorare su un progetto serio con garanzie di successo”.

Nel 1992, quando ottenne la sua prima vittoria sul circuito belga di Spa Francorchamps, dove aveva debuttato un anno prima, emerse già come il probabile campione del futuro. Aveva ventitré anni; prima di lui, solo Jacky Icks e Bruce McLaren avevano ottenuto un successo così precoce. Ha concluso l’anno al terzo posto nella classifica generale, con cinquantadue punti, dopo essere salito sul podio sette volte. Tuttavia, l’anno successivo non confermò ancora le aspettative, e finì quarto assoluto, con una vittoria al Gran Premio del Portogallo.

Sette titoli mondiali

All’inizio del campionato 1994, Schumacher era considerato l’unico avversario in grado di battere Ayrton Senna,un apprezzamento che confermò vincendo le prime due gare, a San Paolo e a TI Aida. Il tedesco è arrivato a venti punti dal brasiliano, ma il grande duello che, secondo tutte le indicazioni, entrambi si sarebbero assestati fino all’ultima gara è passato alla storia alle 14:17.m di quel fatidico 1 maggio, quando Senna, che comandava il Gran Premio di San Marino, si schiantò contro un muro non appena prese la curva tamburello. Il motorsport mondiale perse il suo idolo più carismatico e Schumacher, quasi allo stesso tempo, passò da aspirante a erede. La morte di Senna ha lasciato la strada libera e ha ottenuto otto vittorie in altrettanti Gran Premi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.