Raffaella Carrà: chi è, età, carriera, vita privata, Sergio Japino, Gianni Boncompagni e figli

Raffaella Carrà è stata una grande artista, showgirl cantante ballerina attrice e conduttrice televisiva, radiofonica per anche autrice televisiva italiana. Purtroppo proprio in queste ore è arrivata la notizia secondo la quale l’ artista è purtroppo deceduta all’età di 78 anni e a darne l’annuncio è stato Sergio Japino suo compagno per tantissimi anni. “Raffaella ci ha lasciati. È andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre”. Queste le parole da lui dichiarate. Ma cosa conosciamo di lei e soprattutto della sua vita privata? Chi è stata davvero Raffaella Carrà?

Raffaella Carrà, chi è

Era nata l’8 giugno 1943 a Bologna sotto il segno dei gemelli. Pare che il sin da piccola abbia dimostrato di avere un grande talento sia per il ballo che per il canto ed effettivamente si è riscoperta una artista a 360 gradi. È nata da una famiglia benestante, cresciuta insieme alla nonna romagnola ed al nonno siciliano dopo che ai genitori si lasciarono quando lei aveva tolto tanto due anni. È stata però da sempre molto affezionata alla città di Bologna, nonostante comunque in molti abbiano sostenuto da sempre che sia nata a Bellaria. Il suo vero nome era Raffaella Maria Roberta Pelloni ma per tutta la sua vita ha mantenuto il nome di battesimo ed ha cambiato soltanto il cognome su consiglio del grande regista Dante Guardamagna che le suggerì proprio quello di Carrara.

Carriera

È approdata sul piccolo schermo nei primi anni 60 quando ha recitato in I Compagni e Celestina, tentando poi di approdare ad Hollywood. Ha girato un film con Frank Sinatra intitolato Il colonnello von Ryan nelle 1965. Tornata in Italia ha debuttato poi nel programma Io Agata e tu ed ancora ha preso parte a Canzonissima nel 1971-1974 insieme con Mina. Negli anni 80 poi ha partecipato a Mille Milioni, poi Fantastico al fianco di Corrado e Gigi Sabani. È stato però con il programma intitolato Pronto Raffaella andato in onda nel 1983 fino al 1985 che ha consacrato il suo ruolo di conduttrice. Dopo circa 2 anni di lavoro in Fininvest poi è tornata in RAI con Raffaella Venerdì sabato e domenica.. e saranno famosi e Ricomincio da due. Negli anni ha preso parte anche alla cinquantunesima edizione del Festival di Sanremo e ha condotto un programma di grande successo intitolato a Carramba che sorpresa.

Leggi Anche  Raffaella Carrà: perchè non ha avuto dei figli, ecco la verità

Vita privata

È stata la compagna di tutta una vita di Sergio Japino. Quest’ultimo è un noto ballerino, il quale è nato il 17 settembre del 1952 ma è anche un noto regista, coreografo e autore televisivo. I due si sono conosciuti proprio durante una delle trasmissioni a cui hanno preso parte entrambi.

La cantante, attrice e regina della televisione italiana Raffaella Carrà è morta lunedì all’età di 78 anni per una malattia che ha tenuto segreta fino all’ultimo momento. Quello che ha dato la notizia che ha sconvolto l’Italia è stato Sergio Japino, che è stato suo compagno per molti anni. Con esso il suo paese perde una delle sue più grandi dive ma anche una delle icone di libertà più amate in Spagna, autrice di successi indimenticabili come Caliente, caliente o Hay que venir al sur, chehanno segnato intere generazioni.

“Raffaella ci ha lasciati. È andato in un mondo migliore, dove la sua umanità, le sue risate inconfondibili e il suo straordinario talento rimarranno per sempre”, ha detto Japino a nome della sua famiglia. La Carrà è morto alle 16.20 di questo lunedì senza conoscere i dettagli del suo disturbo, che “da tempo aveva attaccato il suo corpo spesso, ma pieno di energia. La discrezione con cui aveva nascosto il suo stato era stato il suo desiderio, come “l’ennesimo gesto d’amore verso il suo pubblico e verso coloro che hanno condiviso l’affetto, affinché il suo calvario personale non disturbi la sua memoria luminosa”.

Al momento, sia il luogo della morte che i dettagli della celebrazione funebre sono sconosciuti. Nei suoi ultimi volontà, Carrà chiese un semplice nood di legno non lucidato e un’urna per contenere le sue ceneri.

L’anno della pandemia è stato un anno particolarmente difficile per la musa, che nella sua ultima intervista al Corriere della Sera ha riconosciuto di avere molta paura del Covid. “Non esi e quindi questo 2020 è diventato un anno sabbatico. Il 31 dicembre tutto deve essere rotto. Lo farò sulla mia terrazza, a costo di chiamare il muratore il giorno dopo”, ha detto, con il suo umorismo caratteristico.

Leggi Anche  Raffaella Carrà: ecco svelato a chi andrà il suo patrimonio, ma a quanto ammonta l'eredità?

Raffaella Carrá è ricordata per essere un’artista totale che ha rivoluzionato la televisione ed esportato in tutto il mondo le sue nuove formule di spettacolo, specialmente in Spagna e America Latina, dove ha un affetto molto speciale. Conquistò la Spagna conservatrice degli anni Settanta come nuovo mito sessuale, e da lì fece il salto attraverso l’Atlantico.

Nata a Bologna, nel centro del paese, nel 1943 nel nome di Raffaella Maria Roberta Pelloni, il suo vero nome. Scelse la sua identità artistica su suggerimento di un regista televisivo. Il cognome fu preso dal pittore futurista Carlo Carrà, ma mantenne la Raffaella, che lo collegava a uno dei più grandi esponenti del Rinascimento, Raffaello. Prima di diventare la sensazione televisiva europea ha cercato di tentare la fortuna a Hollywood, ma non si è insartiato. Ha detto che c’erano troppa droga e troppe feste. Si sentiva sempre più a suo agio nel Mediterraneo.

Icona dell’emancipazione femminile, era anche un simbolo gay in un momento in cui lottare per i diritti LGBTI non era così semplice, a cui dedicò la sua canzone Lucas. Al World Pride tenutosi a Madrid nel 2017 è stata scelta come icona gay mondiale tra gli applausi generali. “Ogni creatura, rispettando gli altri, deve vivere liberamente la sua sessualità”, ha detto in un’intervista a questo giornale nello stesso anno.

All’età di quindici anni entra nel Centro Sperimentale de Cinematografía e cinque anni dopo sbarca a Barcellona con la compagnia teatrale Giulio Bosetti per partecipare al Festival de Prosa Latina, con lo spettacolo Teatrale Il seduttore di Diego Fabbri. Ha iniziato a recitare in film, tra cui il colonnello Von Ryan,con Frank Sinatra, al quale ha dato zucche, “e non l’ha preso”.

Leggi Anche  Sergio Japino: chi è l'ultimo compagno di Raffaella Carrà, età, carriera, storia d'amore

Tuttavia, la sua vera esplosione arrivò con il piccolo schermo. In Italia divenne regina della televisione, capace di cantare, ballare e presentare, e rivoluzionò la RAI democristana senza paura di rompere i tabù.

Debuttò nel programma Tempo di danza nel 1961 ma divenne molto famosa sette anni dopo, quando insegnava l’ombelico per la prima volta nella storia della televisione italiana presentando Canzonissima. Anche il Vaticano ha censurato il suo stile con la coreografia storica della sensuale Tuca Tuca, per la quale è stata soprannominata “l’ombelico d’Italia”. “Non avrei mai immaginato che il mio ombelico abbia fatto così tanto rumore … per me era naturale vestirsi alla maniera di quei tempi”, disse qualche anno fa.

In Spagna, oltre alle sue famose canzoni come Qué dolor Fiesta,è ricordata per i programmi Hola Raffaella su TVE e En casa con Raffaella su Tele 5. Garantiva un’udienza immediata. La sua prima compilation con le sue canzoni più emblematiche tradotte in spagnolo fu pubblicata nel 1976 con il nome di Raffaella Carrà,che includeva già canzoni come En el amor todo es empezar o Rumores,versione del suo famoso Rumore.

Le più grandi personalità dello spettacolo, ma anche i politici italiani, hanno espresso il loro cordoglio per la morte di un simbolo nazionale. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, l’ha definita un “volto televisivo per eccellenza che ha trasmesso con il suo talento e simpatia un messaggio di eleganza, gentilezza e ottimismo”. “Eri, tu sei, sarai sempre la regina. Per me, per il mondo intero”, ha detto Laura Pausini, per la quale è sempre stata un riferimento. La Juventus, cuore di un tifoso e seguace della squadra torinese, le ha addirittura salutato.

Forse la più grande diva italiana, nel 2016 ha annunciato tra le lacrime di volersi ritirare dalla televisione per passare il testimone alle nuove generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *