Gossip e Tv

Romina Power ricorda Ylenia Carrisi: chi è, età, scomparsa, Al bano e storia

La figlia di Romina Power e Al Bano Carrisi: il giallo della scomparsa ed i ricordi della cantante

Sulla scomparsa controversa e mai risolta di Ylenia Carrisi ci sono migliaia di interviste e documentazioni. Ma, il caso, resta ancora  avvolto nel mistero: una continua incertezza. Romina Power, come è solita fare di tanto in tanto, ha pubblicato delle foto in ricordo di Ylenia.  E tra una parola e l’altra, il racconto dei momenti della donna al fianco Mike Buongiorno. Spuntano dei dettagli che non si conoscevano.

Ylenia Carrisi accanto a Mike buongiorno, forse non tutti sanno che..

Romina Power è diventata molto social negli ultimi tempi. Come del resto tanti altri del mondo dello spettacolo. La cantante statunitense ha voluto condividere insieme a tutti i suoi seguaci un dolce ricordo che ritrarrebbe sua figlia Ylenia. Scomparsa da decenni e mai più ritrovata.

La Power, ha voluto, in tutta confidenza parlare della timida ma talentosa ragazza dai capelli biondi. Forse infatti, non tutti sanno che la giovane, poco prima della sua morte, era già nota al mondo della televisione. E proprio in Italia, era al fianco di uno stimatissimo conduttore: Mike Buongiorno.

“Voleva essere una ragazza come tutte le altre”: il racconto di Romina

Ma sfogliando le pagine dei ricordi, Romina ha voluto anche parlare di altri momenti che le stanno al cuore. Infatti, stando alle parole della cantante, sebbene Ylenia fosse già destinata al mondo dello spettacolo, sentiva fortemente l’idea di voler essere come tutte le altre ragazze.

E a tal proposito, palesava l’esigenza di volersi vivere la sua età con i suoi coetanei. Perciò Romina la ricorda, sempre presa dai suoi lavoretti, soprattutto in quel di Parigi. Sembrerebbe dunque che la Carrisi, quasi non volesse sentirsi ‘famosa’, e timidamente cercava di essere ‘au pair’ rispetto a tutti gli altri giovani. Insomma, voleva essere una qualunque.

Il conforto di Maurizio Costanzo a Romina Power

Della scomparsa di Ylenia Carrisi non se ne conoscono dettagli certi, ma solo frammenti. E stando ai fatti, Ylenia sarebbe stata dichiarata morta nel 1994 a new Orleans. Ancora qualcuno però, lascia delle dichiarazioni sul suo conto. Infatti, proprio lo scorso anno erano apparse le notizie di qualcuno che la dicesse ancora in vita.

Nonostante questi ‘rumors’ mai accertati, la speranza di Romina è sempre viva. Lo ha affermato lei stessa in molteplici interviste televisive.  Maurizio Costanzo recentemente ha voluto ricordare Ylenia con un video, e ha serbato parole di conforto per Al Bano e Romina:” non so quanto possa essere terribile perdere un figlio, comprendo tutto il vostro dolore”.

Ylenia Carrisi: chi è, età, scomparsa

Ylenia Carrisi Maria Sole ( Roma , 29 novembre del 1970 -desaparecida dal 6 gennaio del 1994 ) è stata la figlia maggiore dei cantanti al Bano e Romina Power .

Scomparso in circostanze misteriose durante una visita a New Orleans , Louisiana , USA. UU., Nel gennaio 1994. Carrisi, su richiesta del padre, è stato dichiarato morto nel gennaio 2013. 

Famiglia

Era la primogenita di Albano Carrisi e Romina Power . I suoi nonni materni erano l’attore americano Tyrone Power e l’attrice messicana Linda Christian e quelli paterni Iolanda Ottino e Carmelo Carrisi

Vita 

Nel 1983, è apparso con i suoi genitori nel film italiano Champagne in paradiso . Successivamente, è stata il postino de La Ruota Della Fortuna , la versione italiana della Ruota della Fortuna . Ylenia intendeva intraprendere la carriera di scrittrice, studiando letteratura al King’s College di Londra , dove ha ricevuto i voti più alti tra i suoi coetanei.

Scomparsa 

LeDale Hotel in St. Charles Avenue , New Orleans, dove Carrisi ha vissuto prima della sua scomparsa.

Durante gli studi inizia ad avere l’idea di viaggiare per il mondo con nient’altro che uno zaino e il suo diario. Decide di prendersi una pausa dagli studi e di tornare in Italia dove vende tutte le sue cose per pagarsi il viaggio. È iniziato in Sud America. Dopo aver trascorso alcuni mesi in Belize, ha deciso di partire il giorno dopo il Natale 1993 in autobus per New Orleans, in Louisiana . Suo fratello Yari, anche lui un viaggiatore esperto, aveva deciso di fare una sorpresa alla sorella visitandola quel Natale. È arrivata nella città di Hopkins (Belize) in un piovoso 27 dicembre, andando porta a porta a cercarla, solo per sentirsi dire che il giorno prima aveva preso un autobus per il Messico.

Carrisi è stato visto l’ultima volta nella zona del quartiere francese di New Orleans qualche volta nel mese. Gli sforzi della polizia per trovarla non hanno prodotto risultati. Al momento della sua scomparsa, Carrisi soggiornava all’Hotel LeDale con il suonatore ambulante afroamericano Alexander Masakela, di vent’anni più grande. Masakela è stato arrestato il 31 gennaio con un’accusa non correlata, ma alla fine è stato rilasciato per mancanza di prove per collegarlo alla scomparsa di Carrisi.

In relazione alla sua scomparsa, una guardia giurata ha testimoniato di aver visto una donna che si adattava vagamente alla descrizione di Carrisi che si tuffava nel fiume Mississippi dicendo le parole “Io appartengo all’acqua”. Una ricerca della Guardia Costiera degli Stati Uniti non ha restituito alcun segno del corpo di Ylenia, che potrebbe essere stato portato in mare. Ad ogni modo, non è mai stato dimostrato che questa persona fosse Carrisi. Nel 1996, due anni dopo la sua scomparsa, un soggetto anonimo chiamò, assicurando con enfasi che Carrisi era ancora viva ma che non si sapeva dove si trovava.

I genitori di Carrisi hanno sentito parlare della loro figlia a Capodanno. Hanno segnalato la sua scomparsa il 18 gennaio. Sua madre pensa che sia ancora viva. Nel novembre 2006 Al Bano ha dichiarato per la prima volta di credere alla storia della guardia giurata. Nel gennaio 2013 ha chiesto che sua figlia fosse dichiarata morta 19 anni dopo la sua scomparsa.

È stato riferito che è stato trovato nel giugno 2011 in un monastero negli Stati Uniti. Suo padre ha liquidato il rapporto definendolo “una vergognosa speculazione che non contiene un minimo di verità”. 

Su richiesta del padre, il 1 ° dicembre 20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *