Silvio Berlusconi ricoverato in ospedale

Silvio Berlusconi è stato ricoverato d’urgenza in ospedale nel Principato di Monaco, per accertamenti urgenti di ordine cardiologico. La notizia è stata confermata da Alberto Zangrillo, il medico personale del fondatore di Forza Italia.
Zangrillo ha spiegato di aver deciso il ricovero dell’ex presidente del Consiglio per «un problema cardiaco aritmologico». «Sono andato di persona visitare Silvio Berlusconi lunedì», ha detto alle agenzie di stampa, «e dopo averlo dopo averlo visitato, ho disposto il ricovero urgente al centro cardiologico del Principato di Monaco perché non ho ritenuto prudente affrontare il trasporto in Italia».
Berlusconi, 84 anni, si trovava nel Sud della Francia, a Chateaun-euf-de Grasse, Valbonne, a circa 35 km da Nizza, nella casa della figlia Marina. Secondo l’ufficio stampa di Forza Italia, Berlusconi dovrebbe rientrare a casa «entro pochi giorni».
Nel settembre dello scorso anno, Berlusconi era risultato positivo al virus Sars-CoV-2, e aveva sviluppato i sintomi del Covid-19, tra cui una polmonite bilaterale. Anche i figli Luigi, Barbara e Marina erano in seguito risultati positivi al virus. Uscito dal ricovero, Berlusconi aveva parlato della malattia come di una battaglia durissima, aveva precisato di essere stato in angoscia per figli e nipoti, e aveva invitato i malati a «non lasciarsi andare».
Il virus Sars-CoV-2 può attaccare, oltre ai polmoni, anche altri organi, come il cuore, i reni o il cervello.
Non è al momento noto se il ricovero di Berlusconi — che nel giugno 2016 era stato operato al San Raffaele con un intervento a cuore aperto per la sostituzione della valvola aortica, e nel 2019 era stato operato per una occlusione intestinale — sia legato alle conseguenze del Covid.

Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *